Con Google Books, la letteratura italiana diventa digitale

 

Per la prima volta in Italia, Google e il Ministero per i Beni e le Attività Culturali siglano un accordo che farà diventare digitali le opere presenti nelle biblioteche italiane

Scritto da Maurizio Giaretta il 11/03/10 | Pubblicata in Google | Archivio 2010

 

Per la prima volta in Italia, Google e il Ministero per i Beni e le Attività Culturali siglano un accordo che farà diventare digitali le opere presenti nelle biblioteche italiane.

La partnership è stata annunciata a Roma il 10 Marzo 2010 e riguarderà circa un milione di libri e di opere non protetti dai copyright che potranno essere consultati da chiunque nel mondo tramite il servizio Google Books.

Le opere di 'dominio digitale pubblico' sono di alcuni tra i più grandi intellettuali, scrittori, scienziati e pensatori italiani: le opere di Dante, Petrarca, Leopardi, Manzoni e di altri, una volta digitalizzate, saranno online alla portata di clic per chiunque nel mondo.

Del totale dei libri che dovranno essere digitalizzati, al momento 285 mila sono stati già metadatati e catalogati dal Servizio Bibliotecario Nazionale.

Google porta online 250.000 libri antichi

Dopo aver stupito con le opere d'arte e con il progetto Google Books, che ha portato online milioni di libri in formato preview gratuito, Google torna a sorprenderci e questa volta porta in rete ben 250.000 libri antichi.

Grazie all'accordo con la British Library, oltre 250.000 testi datati tra il 1700 e il 1870 saranno disponibili a tutti, privi di copyright, liberamente stampabili e distribuibili.

Decaduto infatti ogni diritto d'autore, che per i libri decade a 70 anni dalla morte dell'autore, questi testi andranno ad alimentare l'enorme mole di dati di pubblico dominio già disponibile in rete.


In totale, i lettori ottici di Mountain View passeranno al setaccio oltre 40 milioni di pagine.

Oltre al contributo alla rete, la digitalizzazione di questo enorme patrimonio storico consentirà di conserverlo e preservarlo per il futuro, visto che già da diversi anni si discute in tutto il mondo su come preservare queste opere dall'azione del tempo che, implacabile, prima o poi cancellerà ogni traccia.
 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?