Google: Leader nei motori di ricerca in Usa

 

Il mercato americano è uno dei più segmentati a livello di ricerche Web e vede la presenza di diversi competitors autonomi

Scritto da Redazione il 11/10/10 | Pubblicata in Google | Archivio 2010

 
Il mercato americano è uno dei più segmentati a livello di ricerche Web e vede la presenza di diversi competitors autonomi.

Proprio qui, dunque, la guerra dei Search Engines si fa più ardua e diventa cosi una perfetta cartina tornasole per misurare le quote di mercato anche a livello mondiale.

I dati del mercato americano, confermano ancora una volta il predominio di Google, che mantiene saldamente la sua leadership con il 72.15% di mercato.
Google: Leader nei motori di ricerca in Usa

Segue in seconda posizione, Yahoo con il 13.5% di mercato mentre si piazza al terzo posto Bing di Microsoft con il 10.1%.

Il recente accordo Bing - Yahoo, che porta di fatto le ricerche Microsoft dentro Yahoo, permetterà di creare un secondo polo alternativo a Google per un totale del 23.6% di mercato che però complessivamente perdono lo 0.5% di mercato.

 
Una riduzione però non generalizzata visto che in alcuni comparto, Bing guadagna molto: 40% nel settore auto, salute, shopping e viaggi.
Tra gli altri motori di ricerca meno conosciuti a livello mondiale, troviamo Ask che porta la sua quota al 2.37%, in leggero rialzo rispetto al 2.28% precedente.

Usa: Google confermato leader, in crescita Bing

 
Google leader negli UsaConfermato l'oligopolio nel settore delle ricerche Web negli Stati Uniti, dopo l'annuncio dei nuovi dati di riferimento per il mercato.

Google si conferma un gigante delle ricerche Web con il 64.2% di quota di mercato nel mercato statunitense, tra i più segmentati al mondo per quanto riguarda i motori di ricerca.
 
Bing, dopo l'accordo con Yahoo, inizia la lenta rincorsa verso Google, guadagnando il 51% di quota di mercato, salita cosi a 13.6% a discapito soprattutto di Yahoo che ovviamente si vede ridurre la propria presenza, scendendo al 14% e con una previsione futura piuttosto allarmante.

A livello Europeo, la presenza di Google è decisamente più accentuata, se consideriamo che molti motori di ricerca nazionali sfruttano l'interfaccia Google per offrire le ricerche, come nel caso di Libero e Virgilio in Italia.
 

Google si aggiorna con uno dei piu' importanti restyling della sua storia

 
Google si aggiorna e apporta delle lievi modifiche (in tutto sono oltre un centinaio) al design e ai risultati delle ricerche, per rendere più efficace la navigazione.
Come afferma lo stesso colosso della ricerca web, si tratta di uno dei più importanti restyling della sua storia, che non riguarda solo la pagina dei risultati ma anche al logo. Segue l'immagine del nuovo logo di Google.
 

 
Gli utenti da oggi possono disporre di un nuovo pannello sulla sinistra della pagina dei risultati di Google. Questo consente di scegliere gli strumenti di ricerca più rilevanti (ordina per data, ricerche correlate, siti con immagini, eccetera) e le tipologie di contenuto desiderate (immagini, video, eccetera).
 
L'immagine successiva serve a capire meglio quali siano le novità apportate nella pagine dei risultati della ricerca. A sinistra si vedono i risultati ottenuti dalla "vecchia" pagina di Google, mentre a destra si può effettuare il confronto con quella nuova.
 

 
 

Google assume il co-inventore del linguaggio XML

Questa settimana Google ha trovato un prezioso alleato per lo sviluppo della piattafora per smartphones Android.
 
Stiamo parlando di Tim Bray, che precedentemente lavorava come sviluppatore per Microsoft Sun e che i passato ha contribuito alla fondazione del linguaggio di programmazione XML.
 
"Sono qui principalmente per Android" ha affermato Bray nel suo blog, nel post intitolato "Now a No-Evil Zone".
 
Bray ha sfruttato l'occasione per dare uno strappo netto anche con Apple, sottolineando il suo "odio" per la visione del futuro del mobile internet proposta da iPhone, che "tralascia le controversie, il sesso e la libertà e che include forti limitazioni sul chi può dire che cosa e che cosa non può".
 
Bray ha anche aggiunto che si tratta di una sorta di sterile mondo alla Disney circondato da avvocati vampiri, pronti a succhiare il sangue di chiunque. "Le persone che progettano applicazioni servono piacere al padrone e al contempo temono la sua rabbia".
 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?