Google Music, confronto con iTunes Match e Artist Hub

 

Negli Stati Uniti mercoledì 16 Novembre ha fatto il debutto Google Music, il nuovo servizio dedicato alla musica che consente di effettuare acquisti, di conservare online le proprie canzoni e (con alcune limitazioni) di condividerle gratuitamente con gli altri utenti di Google+

Scritto da Maurizio Giaretta il 18/11/11 | Pubblicata in Google | Archivio 2011

 

Negli Stati Uniti mercoledì 16 Novembre ha fatto il debutto Google Music, il nuovo servizio dedicato alla musica che consente di effettuare acquisti, di conservare online le proprie canzoni e (con alcune limitazioni) di condividerle gratuitamente con gli altri utenti di Google+.

Google Music andrà ad affiancarsi ad altri servizi già esistenti di Apple e Amazon e principalmente con iTunes store (che consente di acquistare le canzoni) e iTunes Match (che consente di conservarle online).

Quest'ultimo consente di tenere online 25.000 canzoni al costo di 25 dollari all'anno, mentre Google Music è gratuito e di canzoni consente di archiviarne 20.000. Match consente però di sincronizzare facilmente le canzoni, mentre per il nuovo rivale le canzoni devono essere gestite manualmente, una per una. Se il catalogo è grande, l'utente si può trovare a perdere parecchio tempo per effettuare l'operazione.

Bisogna considerare inoltre che per il momento il servizio di Big G non ha a disposizione le tracce della Warner Music Group (iTunes, invece, si). "Devono risolvere questo problema rapidamente" ha affermato a Reuters l'analista Mike McGuire di Gartner.

Una caratteristica da non sottovalutare per Google Music è la presenza dell'"artist hub", che consente ai musicisti indipendenti di vendere direttamente le proprie canzoni, senza intermediari, al prezzo che ritengono più opportuno. Del prezzo di acquisto, il 70% finisce direttamente nelle proprie tasche.

Diciamo che Google tratta i musicisti come Android Market tratta gli sviluppatori. Questo modo di agire potrebbe cambiare il modo di far soldi degli artisti, aprendo nuovi scenari e trasformando le canzoni in 'applicazioni'. E questa non è un'innovazione da sottovalutare.

Attualmente Google Music non è fruibile da noi (se per esempio si prova ad accedere usando il proprio account Google si scoprirà di non essere ancora i benvenuti). Il servizio mette a disposizione 13 milioni di canzoni. Per poterlo usare, non ci resta che aspettare.

 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?