Google Project Loon, internet sempre e ovunque

 

Il gigante della ricerca vuole dare a tutti l'accesso a Internet su terra e ha una idea ad alta quota per riuscirci: Project Loon

Scritto da Simone Ziggiotto il 16/06/13 | Pubblicata in Google | Archivio 2013

 

Il gigante della ricerca vuole dare a tutti l'accesso a Internet su terra e ha una idea ad alta quota per riuscirci: Project Loon.

Google nella giornata di ieri ha annunciato ufficialmente "Project Loon", il suo piano per collegare il mondo intero a Internet utilizzando una tecnologia decisamente del 19esimo secolo: le mongolfiere.

Secondo un post sul blog ufficiale dell'azienda:

"Siamo convinti che in realtà potrebbe essere possibile costruire un anello di palloni, che possano volare in tutto il mondo sui venti stratosferici, fornendo l'accesso a Internet a coloro che si trovano nella parte sottostante. Siamo solo all'inizio, ma abbiamo costruito un sistema che utilizza palloni portati dal vento ad altitudini due volte più elevate di quelle che raggiungono gli aerei commerciali, riuscendo a garantire accesso a Internet a terra a velocità simili alle reti 3G di oggi o più veloci nel futuro."

Google Project Loon

Google dice che spera che la rete mobile possa essere utilizzata per collegare aree rurali e scarsamente raggiungibili oggi. Il nome stesso vuol dire 'pazzo' come 'pazzo' ma altrettando geniale è questo progetto.

Oltre a fornire l'accesso a due su tre persone sulla terra che non hanno accesso alla banda larga a prezzi accessibili, un altro obiettivo del team di Google che sta dietro al progetto Loon è quello di aiutare a mantenere le comunicazioni a seguito di calamità naturali (terremoto, tsunami, ecc.).

I palloncini aerostatici in grado di funzionare sfruttando l'energia solare sono telecomandati e in grado di navigare a 20 chilometri sopra la superficie della terra, ben al di sopra della quota in cui la maggior parte degli aeroplani commerciali viaggiano. I palloncini funzionano più o meno nel modo in cui funziona Internet via satellite, comunicando con antenne speciali e trasmettendo dati a stazioni di ricezione a terra.

Uno dei più evidenti ostacoli del progetto Loon, a quanto pare, è quello di usare palloni d'alta quota a cavallo dei venti dell'alta atmosfera, il che renderà di fatto i palloni sempre in movimento. Google questo lo sa e ha detto di aver intenzione di risolvere il problema mettendo i palloni dove sono necessari quando sono necessari utilizzando "alcuni algoritmi complessi e un sacco di potenza di calcolo.".

Il primo test di Project Loon è in corso con un programma pilota in Nuova Zelanda. Google dice che è attualmente alla ricerca di partner per la prossima fase del progetto e immagina un futuro in cui il servizio di roaming nelle zone rurali attualmente non coperte da internet potranno in realtà essere coperte "attingendo i dati da un palloncino".

Potete avere una spiegazione dettagliata di come Project Loon funziona nel video qui sotto:

Google Project Loon


 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?