Google: gli utenti diventano Testimonial

 

Mentre proseguono le polemiche circa l'uso dei dati degli utenti di Facebook 'venduti' dal social network alle società di marketing per la pubblicità sul suo sito, anche Google si prepara a fare lo stesso, anche se in un modo leggermente diverso

Scritto da Simone Ziggiotto il 14/10/13 | Pubblicata in Google | Archivio 2013

 

Mentre proseguono le polemiche circa l'uso dei dati degli utenti di Facebook 'venduti' dal social network alle società di marketing per la pubblicità sul suo sito, anche Google si prepara a fare lo stesso, anche se in un modo leggermente diverso.

Google Plus pagina privacy

A partire dall'11 novembre, infatti, Big G potrà fare uso del nome, delle fotografie e delle recensioni degli iscritti al proprio social network Google Plus per personalizzare in base ai loro interessi gli annunci pubblicitari presenti sulle pagine del sito. In questo modo, altre persone potrebbero vedere la nostra faccia mentre pubblicizziamo un ristorante che magari abbiamo recensito bene o un album musicale che abbiamo ascoltato o un film che abbiamo visto e commentato su Google Plus.

A differenza di Facebook, Google consentirà agli utenti di accettare o meno l'uso dei propri dati, e si potrà quindi scegliere se far mostrare la propria foto o sfruttare i propri commenti sui post per scopi pubblicitari.

Google tiene a precisare che i dati degli utenti saranno utilizzati solo previa loro consenso, spiegando che "la nostra priorità è mantenere al sicuro le informazioni degli utenti. Le persone con meno di 18 anni verranno automaticamente escluse".

"Vogliamo offrire agli utenti, ai loro amici e alle persone nelle loro cerchie le informazioni più utili. I consigli da persone conosciute possono essere molto utili, quindi gli amici, la famiglia e altre persone potrebbero visualizzare il nome e la foto del profilo di un utente, nonché contenuti come le recensioni che condivide o gli annunci su cui ha fatto +1", prosegue Mountain View nel comunicato con cui annuncia la sua proposta di 'marketing personalizzato'.

Come scrive anche il New York Times, Google sfrutterà anche i +1 delle app su Play Store, le recensioni di un ristorante su Google Plus Local e i +1 su un sito o su una pubblicità. "I feedback da persone conosciute consentono di risparmiare tempo e di migliorare i risultati per l'utente e per i suoi amici in tutti i servizi Google, fra cui Ricerca Google, Maps, Play e pubblicità. Ad esempio, gli amici possono vedere che un utente ha valutato un album con quattro stelle nella pagina Google Play della relativa band. Inoltre, un +1 fatto sul panettiere locale preferito potrebbe essere incluso in un annuncio che il panettiere pubblica su Google."

Lo scopo di Google è di "offrire servizi piu' completi e personalizzati", andando a far riconsiderare l'uso del suo pulsante +1 nelle pagine web, l’equivalente del "Mi piace" di Facebook.

Come disattivare l'uso dei nostri dati in Google Plus. Per un controllo ancora maggiore sull'esperienza con gli annunci Google, è possibile utilizzare lo strumento Impostazioni annunci per gestire il tipo di annunci visualizzati. 

 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?