Google compra DeepMind per 400 milioni

 

La società londinese DeepMind specializzata in algoritmi per l'apprendimento automatico è stata comprata da Google

Scritto da Simone Ziggiotto il 27/01/14 | Pubblicata in Google | Archivio 2014

 

Google compra DeepMind per 400 milioni

La società londinese DeepMind specializzata in algoritmi per l'apprendimento automatico è stata comprata da Google.

Google sta espandendo le sue ambizioni nel campo dell'intelligenza artificiale con l'acquisizione della società DeepMind per una somma di 400 milioni di dollari.

Il sito web di DeepMind descrive la società con sede a Londra come "all'avanguardia", specializzata nelle "migliori tecniche di machine learning e sistemi di neuroscienze in grado costruire potenti algoritmi di apprendimento automatico".

L'accordo, che è stato segnalato da Recode, è stato confermato a Cnet.com da un rappresentante di Google che ha rifiutato però di discutere i termini dell'accordo. L'amministratore delegato di Google Larry Page ha guidato l'affare di persona, secondo quanto riporta Recode.

L'acquisizione da parte di Google di DeepMind arriva a meno di un anno dopo che il gigante del web ha annunciato l'apertura di un nuovo laboratorio che utilizza un computer quantistico per lo sviluppo delle tecnologie di apprendimento automatico. 

Google si è particolarmente concentrata sui progressi nel campo dell'intelligenza artificiale di recente. Ad oggi, gli scienziati Google che lavorano nei laboratori segreti X Labs hanno fatto grandi passi avanti nell'uso dei computer per simulare il cervello umano. Meglio conosciuti per aver inventato le automobili che si guidano da sole e per gli occhiali di realtà aumentata, gli scienziati che lavorano presso i laboratori hanno creato una rete neurale per l'apprendimento automatico collegando 16.000 processori per computer, che è poi stata testata in Internet: le prestazioni della rete hanno superato le aspettative dei ricercatori, raddoppiando il tasso di accuratezza nell'identificazione di oggetti da un elenco di 20.000 articoli, ed è stata in grado di riconoscere gatti.

Mentre l'atto di trovare gatti su Internet non è molto impegnativo, le prestazioni della rete hanno superato le aspettative dei ricercatori, perchè si è raddoppiato il tasso di accuratezza nell'identificazione di oggetti da una lista di 20.000 articoli, secondo un rapporto del New York Times. Per trovare i gatti, il team di ricercatori ha esaminato le immagini in miniatura di video scelti a caso da più di 10 miliardi di video di YouTube. I risultati servono a supportare le teorie dei biologi che suggeriscono che i neuroni nel cervello sono addestrati ad individuare oggetti specifici.

 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?