Microsoft: Addio a Msn Messenger, offline nel 2014

 

Dopo aver speso 8,5 miliardi per acquisire Skype, ora Microsoft prepara lo swtich off di Messenger

Scritto da Redazione il 11/01/13 | Pubblicata in Microsoft | Archivio 2013

 
Dopo aver speso 8,5 miliardi per acquisire Skype, ora Microsoft prepara lo swtich off di Messenger.

Il famoso client di messaggistica di Microsoft, chiuderà ufficialmente i battenti il 15 Marzo, ma il sistema sarà definitivamente offline in tutto il mondo solamente a partire da Marzo 2014.

Questo vuol dire che sarà ancora possibile utilizzare il nuovo Messenger solo per chi è già iscritto, mentre i nuovi utenti dovranno passar direttamente al nuovo sistema.

Agli utenti sarà consigliato di passare a Skype, anche se c'è da dire che moltissimi degli utilizzatori di Messenger, già possiedono un account Skype.

Skype su Android

Il passaggio sarà quindi poco traumatico: dal 15 Marzo 2013, Skype diventerà il punto di riferimento per Microsoft e gli utenti potranno esportare i propri contatti nel nuovo Istant Messenger.

Il lento e inesorabile declino di Msn Messenger arriva dunque al capolinea. Se in passato Microsoft poteva contare su ben 350 milioni di utenti, oggi ne restano attivi poco più di 100 milioni.

Decisamente pochi rispetto a quelli online su Skype, pari a circa 280 milioni e con un buon numero di clienti paganti che sfruttano il sistema di numerazione virtuale. La sola versione per sistemi iOS conta oltre 120 milioni di utenti, senza contare poi il popolo Android e, più recente, le attivazioni su Playstation Vita e Tv. Sono 300 milioni i minuti di conversazione effettuati ogni giorno sulla rete.
Skype su Playstation Vita
Il chiarimento di Microsoft sulle tempistiche

La roadmap tenuta da Microsoft prevede il blocco di Messenger per il 15 Marzo mentre la rete Messenger resterà accessibile fino a Marzo 2014 prima di essere definitivamente oscurata, in modo da lasciare agli utenti circa 1 anno per potersi trasferire su Skype.
 

15 Marzo 2013: MSN Messenger va in pensione

 
Dal 15 marzo 2013 Windows Live Messenger andra' in pensione: lo ha comunicato il blog thenextweb, secondo cui la stessa azienda Microsoft ha già provveduto ad avvisare gli utenti del proprio servizio tramite una mail. Dove finiranno i vecchi utenti? Nessuna paura, tutti saranno trasportati su Skype, il servizio voip più diffuso al mondo che Redmond ha acquistato a fine 2011.
 
Dopo quattordici anni di onorato servizio chiude dunque lo storico servizio di instant messaging di Mcirosoft. Del pensionamento di Windows Live Messenger ne avevamo già parlato alcune settimane fa, ma ora conosciamo il giorno esatto in cui verrà proclamato il 'cessato servizio' da parte di Microsoft. In fine dei conti, c'era da aspettarsi una simile situazione: perchè mai avrebbero dovuto coesistere due piattaforme che offrono lo stesso servizio? In particolare dopo che da due anni le piattaforme sono controllate dalla stessa azienda. Il passaggio dal buon vecchio WLM a Skype è quindi più che sensato, e consentirà a Microsoft di concentrarsi sullo sviluppo di un unico client Voip, piuttosto che dividere gli investimenti su due.
 
Messenger Skype
 
Nasce MSN - Siamo nell'agosto del 1995 - precisamente il 24 agosto - quando in concomitanza con il rilascio del sistema operativo desktop Windows 95 la Microsoft propone MSN (The Microsoft Network), una piattaforma che riuinsce una serie di servizi Internet (tra cui Messenger) in grado di sfruttare una connessione dial-up. MSN agli esordi era in grado di fornire contenuti proprietari attraverso un'interfaccia a cartelle integrata in Windows Explorer, il file manager di Windows 95. Nel corso degli anni sono cambiati non solo i servizi che MSN era in grado di offrire, ma nel corso del 2006 abbiamo assistito ad una più ampia riorganizzazione della piattaforma, da cui molti servizi sono stati trasferiti nel nuovo gruppo di servizi online "Windows Live". Tra i servizi interessati al cambiamento ricordiamo MSN Hotmail (ora noto come Windows Live Hotmail), MSN Messenger (ora noto come Windows Live Messenger), MSN Search (prima Live Search, ora Bing), MSN Virtual Earth (ora Live Search Maps), MSN Spaces (ora Windows Live Spaces), e MSN Alerts (ora Windows Live Alerts). Sette anni più tardi, dal 15 marzo 2013, sarà la volta di un nuovo cambiamento, che porterà alla disattivazione completa di Windows Live Messenger e il trasferimento degli al servizio Skype, acquisito da Microsoft nel 2011 per 8,5 miliardi di dollari.
 
Da WLM a Skype, il passo è breve - Mentre sono oltre 300 milioni gli utenti attivi ogni mese in Windows Live Messenger, negli ultimi mesi gli utenti che utilizzano Skype sono arrivati a quota 280 milioni: per questo motivo Redmond ha deciso di non mantenere aperti entrambi i servizi, chiudendo Messenger e puntando a rivoluzionare il sistema di comunicazione di Skype che comprende già oggi telefonate VoIP e messaggistica istantanea, accessibili sia tramite applicazione per computer desktop che dalle maggiori piattaforme mobile come iOS, Android e Windows 8. 
 
Che fine faranno gli utenti di WLM -  Il passaggio a Skype è molto semplice, in quanto gli utenti potranno conservare tutti i loro contatti e continuare a chattare installando Skype e accedendovi attraverso l’account Messenger esistente, senza bisogno di creare nuovi account. Contatti, immagini del profilo e  tutti i dati dell'account saranno automaticamente trasferiti in Skype, nulla andrà perduto.
 
 
 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?