Microsoft: 2,5 computer su 10 non protetti da Antivirus

 

Il Microsoft Security Intelligence Report 2013 rivela che le infezioni da malware sono 5,5 volte più possibili senza software antivirus; 2,5 computer su 10 non dispongono di una protezione malware aggiornata, con un drastico aumento del rischio di infezione

Scritto da Simone Ziggiotto il 19/04/13 | Pubblicata in Microsoft | Archivio 2013

 

Il Microsoft Security Intelligence Report 2013 rivela che le infezioni da malware sono 5,5 volte più possibili senza software antivirus; 2,5 computer su 10 non dispongono di una protezione malware aggiornata, con un drastico aumento del rischio di infezione.

Senza software antivirus, i computer sono 5,5 volte più a rischio di  essere infettati da malware: lo si evince dall'ultimo rapport Security Intelligence Report volume 14 (SIRv14)  presentato da Microsoft Corp. E' stato quindi confermato che i software antivirus contribuiscono a proteggere i computer dai virus, eliminare le infezioni e salvaguardare la privacy degli utenti. 

"Le persone capiscono intuitivamente l'importanza di chiudere a chiave la porta di casa per impedire eventuali intrusioni. La sicurezza dei computer non è diversa. Navigare in Internet senza disporre di un antivirus aggiornato equivale a lasciare la porta di ingresso aperta ai criminali" - ha dichiarato Tim Rains, direttore del Trustworthy Computing Group di Microsoft

Microsoft

Il Microsoft Security Intelligence Report descrive alcune delle minacce più diffuse che i consumatori online si trovano ad affrontare:

Pensare prima di fare clic.
Nel quarto trimestre del 2012, Microsoft ha rilevato ed eliminato allegati di posta elettronica dannosi da quasi 3 milioni di computer. La minaccia è legata all'apertura di documenti realizzati con l'intento di causare danni e inviati tramite posta elettronica. Gli antivirus sono in grado di prevenire le infezioni che viaggiano via email.

Attenzione a sconti e offerte.
Il gruppo di minacce Keygen, generalmente legato al malware, è stato rilevato quasi 7 milioni di volte nell'ultimo trimestre del 2012. Gli utenti che cercano software, film o giochi online gratuiti o scontati sono maggiormente soggetti al rischio di imbattersi in questo tipo programmi creati appositamente per registrare in maniera fraudolenta un programma commerciale a pagamento, dietro cui è nascosto un virus.

Dal rapporto si evince come, in Italia, nel secondo trimestre 2012, la percentuale di computer non protetti da antivirus è stata di circa il 21 per cento, contro il 19 per cento della Francia ed il 20 per cento della Germania.

Molti utenti non si rendono conto di essere vulnerabili. Le ragioni della mancata protezione di 2,5 computer su 10 sono diversi: il periodo di prova è scaduto o il software non è aggiornato; il software antivirus è stato disattivato da hacker informatici; viene sottovalutata l'importanza dell'antivirus e non viene installato.

Altro fattore importante è l'utilizzo di un sistema operativo datato. Nel caso di Windows XP, ad esempio ,fra meno di un anno non verranno più rilasciati aggiornamenti di sicurezza e non sara' più possibile ricevere supporto tecnico da Microsoft. E' altamente consigliato prepararsi ad aggiornare a Windows 7 o Windows 8.

"Microsoft ha lanciato Windows XP nel 2001 ed è stato un grande successo, perché ha aiutato gli utenti in ambito consumer e business a diventare più produttivi. L'evoluzione tecnologica degli ultimi dodici anni ha portato però a un profondo cambiamento del mercato, dei dispositivi disponibili, delle esigenze e delle aspettative degli utenti. Le aziende moderne necessitano di crescente protezione dei propri dati e garanzie di sicurezza, compliance e facilità di gestione. I consumatori, allo stesso tempo, cercano una tecnologia capace di rappresentare un nuovo stile di lavoro in mobilita', che li aiuti ad essere produttivi in qualsiasi momento, ovunque ci si trovi e da qualsiasi dispositivo. Il passaggio da Windows XP a una piattaforma più moderna quale Windows 7 e Windows 8 garantisce la sicurezza e l'affidabilità che caratterizzano i sistemi operativi di Microsoft ".
Claudia Bonatti, Direttore Divisione Windows di Microsoft Italia.

Microsoft elabora il Security Intelligence Report due volte l'anno per fornire informazioni sulle minacce globali più diffuse e agevolare così la protezione degli utenti e delle organizzazioni. SIRv14, il report più recente che abbiamo qui sopra preso in esame contiene i dati relativi alla seconda metà del 2012 raccolti da oltre un miliardo di sistemi attivi in tutto il mondo.

 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?