Windows 8, il fallimento piu' eclatante degli ultimi 30 anni

 

Con il prossimo aggiornamento "Blue", Microsoft si sta preparando a modificare parecchie funzioni presenti su Windows 8

Scritto da Maurizio Giaretta il 11/05/13 | Pubblicata in Microsoft | Archivio 2013

 

Con il prossimo aggiornamento "Blue", Microsoft si sta preparando a modificare parecchie funzioni presenti su Windows 8. Una nota rivista straniera ha definito il software come il più grande fallimento dai tempi della New Coke.

Il sistema operativo principe della società di Redmond non può permettersi di rimanere indietro rispetto alla concorrenza, che sta correndo molto velocemente. Così, per soddisfare le esigenze dei consumatori, il primo grande aggiornamento includerà numerosi cambiamenti. Un pò di cambiamenti sono fisiologici, ma troppi sono sintomo di una concezione iniziale sbagliata del software.

Windows 8 è il fallimento più grande dai tempi della New Coke

Il primo approccio, a quanto pare, è stato un buco nell'acqua. Il tentativo di presentare una piattaforma che potesse funzionare sia per i computer che per i tablet (oltre a Windows Phone per gli smartphones) non ha fatto centro. Così giunge già l'ora di correre ai ripari con pesanti modifiche. Una di esse consisterà nella reintroduzione del pulsante Start, che - non si sa perchè - era scomparso.

Il Financial Times va giù duro, descrivendo il fallimento di Microsoft il più grande dai tempi della New Coke della Coca Cola di circa 30 anni fa. La multinazionale delle bibite, dopo aver presentato una coca cola con una nuova formula, la ritirò dal mercato appena dopo tre mesi, tornando alla formula originaria.

Tami Reller, una delle dirigenti del progetto Windows, ha parlato proprio alla testata giornalistica, ammettendo che molti utenti si sono trovati in difficoltà per imparare a usare Windows 8. E questa notizia non è sicuramente positiva, considerato soprattutto che si sta parlando di un software destinato alla commercializzazione di massa.

Windows 8 in ogni caso è stato un passo importante, delicato e difficile per la società di Redmond, che per la prima volta dopo anni ha dovuto cambiare completamente il modo di pensare per un software che non fosse più valido solamente per i personal computers e che ha portato all'introduzione di una nuova interfaccia touchscreen, colorata e basata su forme geometriche quadrate bidimensionali.

Blue modificherà proprio degli "aspetti chiave" di un software nato per contrastare il dominio di iOS e di iPad. Se a Ottobre il nuovo pacchetto non migliorerà decisamente il sistema operativo, a pagare le conseguenze potrebbe essere il CEO Steve Ballmer, il principale responsabile dell'intero progetto.

Apple iPad

Mesi or sono, il CEO di Apple Tim Cook era stato lungimirante su Windows 8. Lo aveva descritto come il "tentativo di combinare un frigorifero e un tostapane". Cosa che si può fare a livello tecnico, ma che non necessariamente sarà in grado di attirare i piaceri dei consumatori.

Il futuro è sempre più mobile, come testimoniano anche gli ultimi dati di Canalys. Microsoft è sempre stata una società solida dal punto di vista del software per computer desktop e notebook, tuttavia deve cambiare in fretta le proprie abitudini preparandosi alla transizione (già cominciata da tempo) verso i dispositivi "mobili" come smartphones e tablet.

Sistemi operativi come Android e iOS stanno invece facendo il percorso opposto, ovvero, dopo esser nati come piattaforme per telefonini, si stanno allargando per gli schermi dei tablet. In un'ottica di convergenza, le cose per Microsoft, se la situazione rimanesse tale, non prometterebbero affatto bene.

 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?