Motorola Mobility ora appartiene a Lenovo

 

Il trasferimento di Motorola da Google a Lenovo segna la fine di un breve capitolo per il fornitore di portatile, e porta in Lenovo la credibilità di cui ha bisogno nel mercato della telefonia mobile

Scritto da Simone Ziggiotto il 30/10/14 | Pubblicata in Motorola | Archivio 2014

 

Motorola Mobility ora appartiene a Lenovo

Il trasferimento di Motorola da Google a Lenovo segna la fine di un breve capitolo per il fornitore di portatile, e porta in Lenovo la credibilità di cui ha bisogno nel mercato della telefonia mobile.

Lenovo ha detto Giovedì di aver chiuso l'acquisizione di Motorola Mobility, guadagnando "un punto d'appoggio più grande negli Stati Uniti e in altri mercati sviluppati". In base all'accordo, Lenovo pagherà l'ex proprietaria Google 2,91 miliardi di dollari, tra cui 660.000 dollari in contanti e 750 milioni di dollari in stock option. I restanti 1,5 miliardi di dollari saranno pagati a Google sotto forma di una cambiale di tre anni. Mentre Lenovo diventa proprietaria del business mobile di Motorola, Google mantiene la proprietà del portafoglio di brevetti (tra cui il progetto Ara).

Il trasferimento di Motorola da Google a Lenovo segna la fine di un breve capitolo per Motorola in Google. Secondo Google, Motorola ha perfezionato il suo portafoglio di prodotti concentrandosi su pochi dispositivi, sviluppando una particolare attenzione verso i dispositivi di fascia bassa nei mercati emergenti con i suoi smartphone a prezzi accessibili Moto G e Moto E.

Lenovo e Motorola combinate avranno l'8 per cento di quota del mercato degli smartphone a livello mondiale, diventando così il terzo maggior produttore di smartphone al mondo, secondo Strategy Analytics. La società di ricerca ha detto che le due imprese potranno beneficiare di un maggiore bacino di consumatori, più canali di distribuzione e più capacità di fare marketing, dovendo tuttavia fare i conti con un rallentamento della crescita di Lenovo e le continue perdite di Motorola. "La fusione di questi due gruppi l'anno prossimo non sarà così facile come molti si aspettano," la società ha detto in un post.

Motorola continuerà ad essere guidata dal Presidente e Chief Operating Officer Rick Osterloh. "Con un impressionante portafoglio di smartphone, indossabili e PC, le nostre due aziende saranno nella posizione ideale per spingere i confini di scelta e valore, e portare nuove entusiasmanti esperienze alle persone in tutto il mondo", ha detto Osterloh in un post sul blog.

Per Lenovo, che ha una reputazione importante come il produttore di PC numero 1 nel mondo, Motorola presta alla società credibilità nel mercato della telefonia mobile. Motorola per Lenovo è un marchio riconoscibile nei mercati più sviluppati, in particolare negli Stati Uniti, dove il produttore ha anche importanti partnership con gli operatori di telefonia mobile locali.

Liu Jin, vice presidente e presidente esecutivo del gruppo mobile business di Lenovo, servirà come presidente del consiglio di amministrazione di Motorola. Jin ha detto che si aspetta di vendere più di 100 milioni di dispositivi mobili quest'anno - tra cui smartphone e tablet. "Motorola ha già costruito una posizione solida sul mercato, e i loro recenti risultati mostrano che i consumatori sono entusiasti dei loro prodotti eccezionali che si distinguono per il loro design e la semplicità", Jun ha detto.

Motorola nel corso degli ultimi due mesi ha presentato una serie di prodotti importanti tra cui le rinnovate versioni di Moto X e Moto G, il Nexus 6 per Google, così come del Turbo Droid realizzato apposta per Verizon Wireless.
 

Quali sono i piani di Lenovo dopo l'acquisto di Motorola? Ce lo spiega il CEO della società cinese.

Per quanto riguarda la recente acquisizione di Lenovo di Motorola, l'amministratore delegato della società cinese, Yang Yuanqing, sostiene che il modello di business a lungo termine previsto dalla sua azienda per il futuro della società americana consentirà al gigante tecnologico cinese di trasformare in guadagni le potenzialità di Motorola abbastanza rapidamente. Questo, nonostante la finalizzazione in parallelo dell'acquisizione della divisione server di fascia bassa di IBM.
 
Allo stesso tempo, però, gli scettici sostengono che se Google, con tutte le sue risorse, non è stata in grado di far crescere il valore di Motorola, allora come farà Lenovo in pochi trimestri a fare questo?
 
Secondo Yang, la società sarà in grado di risparmiare una quantità significativa di soldi abbassando immediatamente i costi di produzione su scala globale, a partire dai costi per i materiali (che non necessariamente significa avere prodotti più scadenti). La società cinese prevede, inoltre, di portare sul mercato più prodotti a marchio Motorola, in particolare nei mercati emergenti come la Cina, dove Lenovo spera che il brand Motorola sarà riconosciuto e abbracciato dai clienti.
 
In pratica, il piano di Lenovo è quello di produrre più telefoni Motorola, di fascia bassa e accessibili a prezzi più competitivi sul mercato. Yang ci assicura che la società continuerà a costruire dispositivi di alta qualità, nonché sotto il marchio Motorola, quindi un successore del popolare Moto X potrebbe essere in cantiere.
 
Parte del motivo per cui Google non è riuscita a far crescere Motorola è dovuto alla relativamente limitata disponibilità sul mercato dei suoi smartphone. La posizione di Lenovo come distributore globale può essere proprio quello che a Google mancava, basta che Lenovo non inciampi nel gestire due giovani acquisizioni e che abbia fatto bene i conti prima di investire nei due grossi progetti quali sono Motorola e IBM.
 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?