UE: calano i prezzi per chiamate, dati e SMS in Europa

 

Effettuare e ricevere chiamate in roaming tra i paesi dell'Unione Europea a partire da questa Estate costerà meno

Scritto da Maurizio Giaretta il 29/03/12 | Pubblicata in Operatori | Archivio 2012

 

Effettuare e ricevere chiamate in roaming tra i paesi dell'Unione Europea a partire da questa Estate costerà meno. I prezzi per navigare in internet (in particolare), effettuare chiamate e inviare messaggi scenderà annualmente fino al 2014.

Traffico dati - Questo è quanto è stato deliberato ieri dal Parlamento Europeo. secondo l'accordo che è stato raggiunto, dal primo Luglio di quest'anno un MB di traffico dati non costerà più di 70 centesimi. Dal 2013 il tetto scenderà a 45 centesimi, mentre un ulteriore ribasso è previsto per il 2014 con 20 centesimi al megabyte. Attualmente non esiste un tetto massimo.

Chiamate effettuate - Per quanto riguarda le chiamate, il costo massimo per un minuto di conversazione dal primo Luglio è fissato a 29 centesimi di euro e scenderà a 24 cent da Luglio 2013, fino a 19 centesimi dal 2014. Con la legislazione vigente un minuto di chiamate costa attualmente un massimo di 35 centesimi.

 

Chiamate ricevute - Scenderà anche il costo per la ricezione chiamate, passando dagli attuali 11 centesimi al minuto agli 8 del 2012, ai 7 del 2013 fino ai 5 del 2014.

Invio di SMS - Sempre da questa estate cala anche il prezzo dei messaggi di testo, che passa dagli attuali 11 centesimi a 9, fino a raggiungere i 6 centesimi dal 2014.

I prezzi che sono stati elencati non sono comprensivi di IVA, il cui costo resta a carico dei consumatori. La delibera completa si può leggere in questa pagina.

SMS, quanto mi costi in Italia

In Italia il prezzo medio di un SMS è tra i più alti in Europa, pari a 4,57 centesimi. Nei mercati europei mediamente il costo è di 3,15 centesimi. L'allarme arriva dall'Antitrust.

Il prezzo commerciale all'ingrosso dei messaggi di testo, ossia gli SMS, in Italia è in media pari a 4,57 centesimi di euro a gennaio 2012. Secondo l'Antitrust, in una osservazione inviata all'Agcom, il costo di un SMS nel nostro Paese è tra i piu' alti in Europa, in cui la media è di circa 3,15 centesimi.
 
 SMS
 
Secondo l'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato le analisi della stessa Agcom mostrano che il ricavo unitario da servizi di terminazione offerti all'ingrosso:
"è stato pari nel 2011 a 4,5 cent a fronte di un prezzo medio ai clienti finali stimato dal regolatore nello stesso periodo a 2,3 cent"
Con tale nota, si è voluto verificare se il mercato dei messaggi di testo deve essere regolamentato o meno. Stando all'Antitrust, sono condivisibili le analisi dell'Agcom,
"circa la non suscettibilità di una regolamentazione ex ante del mercato in questione, in ragione della tendenza dello stesso a produrre nel tempo le condizioni tipiche di un mercato concorrenziale".
E' stato poi rilevato come:
"nonostante il trend decrescente dei prezzi dei servizi di terminazione Sms in Italia, questi ultimi si assestano ancora su livelli più alti rispetto alla media dei Paesi europei".
L’Antitrust confida su fatto che l’Agcom:
"continui a svolgere l’attività di monitoraggio sull’evoluzione del livello dei prezzi dei servizi di terminazione Sms in Italia, così da verificare che gli stessi rispondano ai criteri di obiettività, trasparenza, non discriminazione e proporzionalità, che informano l’accesso al mercato delle reti e dei servizi di comunicazione elettronica".
Secondo l'Antitrust, infine, il traffico generato attraverso internet dagli smartphone e dai tablet è più che raddoppiato negli ultimi tre anni e che, tra il 2010 e il 2011. Conclude la nota:
"è più che raddoppiato negli ultimi tre anni e che, tra il 2010 e il 2011, il numero di messaggi istantanei inviati tramite rete mobile è cresciuto del 300 per cento circa".
 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?