DDLStorage oscurato dalla Guardia di Finanza

 

La Guardia di Finanza ha oscurato la piattaforma web DDLStorage che ha generato 460

Scritto da Simone Ziggiotto il 05/07/14 | Pubblicata in Operatori | Archivio 2014

 

DDLStorage oscurato dalla Guardia di Finanza

La Guardia di Finanza ha oscurato la piattaforma web DDLStorage che ha generato 460.000.000 download illegali di file protetti dal diritto d'autore.

Nel corso dell'operazione Italian blackout, la Guardia di Finanza ha oscurato il cyberlocker DDLStorage: è stato inibito l'accesso dall'Italia al portale amministrato nel nostro paese e composto da oltre 120 server che hanno trovato luogo inizialmente su internet service provider in Francia, per poi spostarsi su spazi olandesi gestiti da un noto fornitore di servizi della rete, anche se il cyberlocker continuava a essere gestito da dominus italiani.

DDLStorage è accusato di aver generato 460.000.000 download illegali di file protetti dal diritto d'autore. La piattaforma oscurata consentiva l'accesso a milioni di opere protette da diritto d'autore, tra cui musica, film e opere cinematografiche, serie tv sky, videogiochi e prodotti editoriali.

L'operazione Italian blackout ha avuto come scopo quello di bloccare le condotte illecite finalizzate alla violazione in materia di diritti d'autore anche quando si cerca di mascherare tali azioni dietro una parvenza di legalità con la costituzione di società ad hoc. delittuosi è la prima operazione nella quale è stato possibile provare il legame diretto tra il sito già sequestrato dove i contenuti erano accessibili e il cyberlocker di riferimento.

DDLStorage corrispondeva agli uploaders, coloro che caricavano sui server materiale illegalmente, somme proporzionate al numero di download ottenuto dal materiale da loro caricato, per somme in denaro di decine di migliaia di euro l'anno.

La Guardia di Finanza ha trovato 20 responsabili a gestire il complesso sistema eretto per massimizzare gli illeciti profitti della piattaforma apparentemente legale.

Per dare il senso dell'importanza dell'indagine, basti dire che la famosa operazione svolta dal federal bureau of investigation (fbi) nei confronti del noto caso megaupload e megavideo si è limitata solamente all'oscuramento dei cyberlocker utilizzati per la distribuzione del materiale tutelato. La Gdf ha proceduto, nel caso di DDLStorage, al blocco degli accessi agli indirizzi a livello ip e dns.

46 siti web oscurati dalla Guardia di Finanza perché diffondevano film e altri contenuti in prima visione violandone il diritto d'autore.

Quarantasei siti internet che diffondevano serie tv e film, anche in prima visione assoluta, sono stati sequestrati dai finanzieri del Nucleo speciale per la radiodiffusione e l'Editoria su iniziativa della magistratura romana. L'accusa è quella di violazione del diritto d'autore.
 
Tra i film che erano proposti dai siti oscurati anche il neo premiato all'Oscar come Miglior Film Straniero "La Grande Bellezza" di Paolo Sorrentino.
Tra i siti sequestrati e oscurati al pubblico dalla Guardia di Finanza ci sono Filmxtutti.org, Eurostreaming.org, Piratestreaming.tv, Filmstreamita.tv e Casacinemaz.net.
La maggiorparte dei siti ha i server all'estero, per cui l'inchiesta viene per il momento condotta contro ignoti. Nei prossimi giorni la GdF indagherà per far luce sul giro d’affari legato alla pubblicità che ha fatto guadagnare in maniera illecita i proprietari dei siti.
 
Chi cerca di collegarsi ad uno dei 46 siti oscurati viene al momento indirizzato ad una pagina che avvisa del sequestro per opera della Guardia di Finanza per violazione all’art. 171-ter comma II lettera a) bis della Legge 22/04/1941 n. 633.
 
"La pirateria in Italia determina danni economici per svariate centinaia di milioni di euro all'anno, e le conseguenze si riversano anche sul versante occupazionale. Solo nell'ultimo triennio sono stati oltre 22 mila i posti di lavoro persi in vari settori del circuito cinematografico" avverte la Guardia di Finanza in un comunicato ufficiale.
 
Guardia di Finanza chiude Linkstreaming

LinkstreamingLe Fiamme Gialle hanno annunciato l'operazione Little Angel che ha permesso di chiudere il sito Linkstreaming, sito web che consentiva di vedere gratuitamente serie Tv e film del cinema in modalità streaming.

Tra i film resi disponibili su Linkstreaming, c'erano gli ultimi episodi di Lost e in film Avatar e Green Zone

I 6 indagati rischiano da 1 a 4 anni di reclusione e una multa da 2.582 ad euro 15.493 euro per aver indotto e sostenuto la pirateria multimediale.

La Guardia di Finanza di Cagliari  sarà inoltre cercando di quantificare i guadagni illegalmente conseguiti grazie alle pubblicità presenti nel sito che presentava prodotti e sponsor piuttosto famosi.

 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?