Caricare il cellulare con le onde sonore, in futuro si potra'

 

Convertire le onde sonore in energia elettrica? E' possibile secondo quanto afferma il dottor Sang-Woo Kim dell'Università di Seoul, in Sud Corea

Scritto da Maurizio Giaretta il 16/05/11 | Pubblicata in Produttori | Archivio 2011

 

Convertire le onde sonore in energia elettrica? E' possibile secondo quanto afferma il dottor Sang-Woo Kim dell'Università di Seoul, in Sud Corea.

La nuova tecnologia in futuro potrebbe essere utilizzata per ricaricare le batterie dei telefoni cellulari e di qualsiasi altro tipo strumento elettrico semplicemente parlando. Il telfonino potrebbe proseguire a ricaricarsi anche da spento.

I recenti smartphones, per quanto affascinanti e ricchi di funzioni possano essere, hanno un problema comune: la scarsa autonomia della batteria. Gli utenti che li usano intensamente sono infatti costretti a effettuare anche una o più ricariche al giorno per essere sicuri di non rimanere a secco.

Molte persone si attrezzano acquistando delle batterie di scorta, portando con se il cavo per le ricariche di emergenza oppure collegando il telefonino all'accendisigari dell'automobile. Fortunatamente, tutta quest'apprensione non potrebbe più essere necessaria in futuro.

Il dottor Sang-Woo Kim ha spiegato che è possibile rinchiudere il suono della vita di tutti i giorni trasformandolo in energia elettrica.

"La potenza del suono può essere usata in numerose nuove applicazioni come nei telefoni cellulari, che possono ricaricarsi durante le conversazioni, e i muri a isolamento acustico a margine delle autostrade, che assorbono il suono dai veicoli che ci passano davanti".

La tecnologia utilizza dei fili molto sottili di ossido di zinco, che sono posizionati tra due elettrodi. Sopra di essa c'è un pannello che assorbe il suono. All'arrivo di un'onda sonora, questo pannello vibra. La vibrazione viene trasmessa alle parti in ossido di zinco che, muovendosi, generano corrente elettrica.

Psycho, la celebre scena della doccia. Con il suo grido, Janet Leigh avrebbe potuto ricaricarsi il cellulare.
 

Un prototipo è stato in grado di convertire un suono di circa 100 decibel (un rumore forte; si consideri che la soglia del dolore è a circa 120 decibel, fonte) in 50 millivolt di elettricità.

Questa quantità di energia attualmente non è sufficiente a caricare un telefonino, tuttavia con le future implementazioni chissà dove si potrà arrivare.

 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?