Telefonia fissa, Italia la piu' cara in Europa

 

A confronto con l'Europa, secondo uno studio l'Italia è il paese nel quale le tariffe per la telefonia fissa sono le più care

Scritto da Maurizio Giaretta il 14/12/12 | Pubblicata in Produttori | Archivio 2012

 

A confronto con l'Europa, secondo uno studio l'Italia è il paese nel quale le tariffe per la telefonia fissa sono le più care. Il costo per quella mobile, invece, è in calo. Inoltre la metà dei cittadini ha almeno uno smartphone, mentre circa uno su quattro ha anche un tablet.


TELEFONIA FISSA

Per analizzare i dati di consumo relativi alla telefonia fissa sono stati presi in esame cinque tipi di consumatori. Si va dal primo, ovvero da quello che ha bisogno solamente delle funzioni più basilari (poche chiamate verso fissi e mobili), e si arriva allultimo, che corrisponde alla coppia ipertecnologica (poche chiamate verso i fissi, tante verso i mobili, pochi SMS, rete internet fissa e mobile super veloce).

Secondo quanto si può notare dal Grafico 1 (vedi la galleria fotografica sopra l'articolo), per quanto concerne il profilo di consumo 1 (colorato in viola) l'Italia è il paese più caro. Il consumatore italiano medio spende 29 sterline (+3 sterline rispetto al 2011), superando Spagna (28 sterline), Germania (27), Stati Uniti (25) e Francia (23). Il paese meno caro è il Regno Unito con 19 sterline al mese.

Per il profilo che corrisponde alla 'famiglia connessa' (in rosa), si scopre che le famiglie italiane spendono di più rispetto agli altri paesi, con 48 sterline mensili (in deciso aumento rispetto alle 38 dell'anno precedente). Il paese più economico, da questo punto di vista, è sempre il regno Unito con 21 sterline.

Per il profilo della 'coppia sofisticata' (quello in arancione) è sempre l'Italia a essere la più cara con 37 sterline di media al mese (+7 rispetto al 2011). Nel Regno Unito (23 sterline) e in Francia (25 sterline) si trovano le tariffe meno costose.


TELEFONIA MOBILE

Le cose fortunatamente cambiano se si analizzano le tariffe della telefonia mobile (Grafico 1A). Il prezzo medio, che è in calo rispetto a quello del 2011, è dietro solamente a Regno Unito e Francia. In Italia si spende meno rispetto a Germania, Spagna e Stati Uniti.


USO INTERNET, SMARTPHONES E TABLET

Ci sono stati altri dati interessanti, riguardanti le preferenze di accesso a internet con i dispositivi portatili. Secondo il Grafico 3, in Italia il 5,6% delle volte si accede a internet tramite uno smartphone o un tablet. Per confronto, in Spagna la percentuale sale al 9,7% e nel regno Unito al 16,4%.

Viene poi analizzata (Grafico 4) la media di minuti alla settimana di connessione a internet tramite un computer fisso o un computer portatile. In leggera controtendenza rispetto agli altri paesi, si scopre che in Italia il tempo medio è continuativamente in crescita rispetto a quello registrato nel 2010 e nel 2011.

I proprietari di uno smartphone in Italia (Grafico 2) corrispondono al 55% della popolazione e il dato è appena sotto a quello del regno Unito (58%) e della Spagna (64%). Per quanto concerne i tablet, siamo sempre nei primi posti della classifica con il 23%, dietro solo a Spagna e Australia (entrambe con il 24%).


METODOLOGIA E FONTE

I risultati sono stati pubblicati dalla società di analisi inglese Ofcom. Per quanto concerne la metodologia, per la parte industriale sono stati combinati i dati del 2011 e di Settembre 2012, mentre per quelli online sono stati presi campioni rappresentativi della popolazione costituiti da almeno 1.000 individui per ciascuno dei 9 paesi. L'analisi completa la si può leggere in questo indirizzo.

 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?