PC: mercato in crisi, vendite PC in costante calo

 

Va male il mercato dei PC in questo momento

Scritto da Simone Ziggiotto il 12/04/13 | Pubblicata in Produttori | Archivio 2013

 

Va male il mercato dei PC in questo momento. Quanto male? Peggio che mai, secondo i nuovi rapporti di un paio di società di ricerca. Nel Q1 2013 le spedizioni informatiche mondiali sono scese del 14 per cento. HP, Samsung, Acer hanno registrato cali a due cifre percentuali, solo Lenovo si salva.

Nel primo trimestre le spedizioni informatiche globali sono scese del 13 per cento rispetto all'anno precedente, ha detto International Data Corp. (IDC), ma molto peggio sono le sue previsioni, che vedono un ulteriore calo del 7,7 per cento nei nel prossimo futuro. Secondo IDC, il primo trimestre di quest'anno è stato il peggiore da quando IDC ha iniziato il monitoraggio trimestrale delle vendite di PC nel 1994, ed è il quarto trimestre consecutivo su base annua che cala il numero di spedizioni.

Secondo la società di ricerca Gartner, nel frattempo, i dati raccolti mostrano un declino pari al 11 per cento nel primo trimestre di vendite di PC a livello mondiale, con un numero totale che è al di sotto di 80 milioni di unità per la prima volta dal secondo trimestre del 2009.

PC touch Windows 8

Come se non bastasse, il fattore principale che si prevedeva potesse stimolare il mercato PC - il rilascio di Microsoft Windows 8 - effettivamente non ha giovato alle spedizioni di computer. E, anche se ci sono sempre più persone che desiderano avere un PC con touch screen, questo tipo di dispositivi ancora costano troppi soldi e per il momento non c'è un'ampia offerta da parte dei produttori, causa carenza di componenti. IDC ha osservato che le innovazioni ci sono da parte dei produttori di PC, ma i consumatori le vedono come ancora troppo "ingombranti o costose".

Ecco cosa l'analista di IDC Bob O'Donnell ha avuto da dire:

"Mentre alcuni consumatori apprezzano i nuovi fattori di forma e funzionalità touch di Windows 8, i radicali mutamenti dell'interfaccia utente, a partire dalla rimozione del familiare pulsante Start e dei costi associati ai nuovi PC touch, hanno reso i PC un'alternativa meno attraente rispetto a tablet e altri dispositivi della concorrenza. Microsoft dovrà prendere alcune decisioni molto difficili andando avanti se vuole contribuire a rilanciare il mercato dei PC."

Le vendite di PC sono state deboli per un bel po' di tempo, con i risultati trimestrali dei vari produttori di computer che riflettono i tempi duri. Il settore non è solo ferito dalla debolezza dell'economia, ma anche dai consumatori che optano per i dispositivi mobili invece dei PC tradizionali. L'ultimo sistema operativo di Microsoft era atteso per aumentare le vendite, ma è chiaramente in difficoltà, come IDC ha osservato.

Le spedizioni di PC sono scese in tutti i grandi mercati, con gli Stati Uniti e la regione Asia-Pacifico, escluso il Giappone, in calo del 13 per cento rispetto all'anno precedente, secondo IDC. Europa, Medio Oriente e Africa hanno perso due cifre su base percentuale, e le spedizioni rimangono comunque deboli anche in Giappone, anche se la crisi è meno imponente.

L'analista di IDC David Daoud ha notato che notizie positive per risollevare il mercato dei PC provengono dai produttori asiatici, che stanno iniziando ad abbassare il costo dei loro prodotti: "hanno colto l'occasione, con l'individuare le opportunità e la debolezza dei concorrenti e di proporsi in modo appropriato e intelligente sul mercato", ha detto Daoud.

Per quanto concerne i fornitori di PC, nel dettaglio, HP rimane al top della classifica, anche se in calo del 23 per cento rispetto al primo trimestre dello scorso anno.  Lenovo è al secondo posto dei venditori top ed è l’unico produttore a non aver registrare alcun calo in questo trimestre. Non può ritenersi altrettanto soddisfatta Dell, che ha venduto il 10 per cento in meno di PC a livello globale; lo stesso vale per Acer con la perdita del 31 per cento e ASUS a meno 19,2 per cento. Apple non rientra nella top five perchè detiene una quota di mercato estremamente ridotta rispetto la media, anche se negli Stati Uniti ha registrato un calo di circa il 7 per cento rispetto al primo trimestre 2012.

"Abbiamo già ampliato la nostra attenzione a questo mercato e abbiamo altri prodotti oltre ai PC (come tablet e smartphone) che i consumatori vogliono", ha detto un portavoce di Lenovo. "Mentre il nostro successo è chiaramente positivo su questa strada, stiamo anche lavorando sodo per migliorare le nostre prestazioni in questa nuova metrica."

Per Samsung, parte del suo successo deriva dai Chromebooks. Tali dispositivi, basati sul sistema operativo di Google Chrome, rimangono una piccola parte del mercato, ma continuano a crescere ogni trimestre, ha detto Daoud.

Acer, che è stata alle prese con il crollo del mercato dei netbook, ha registrato il più forte calo, con le sue spedizioni in tutto il mondo in calo del 31 per cento, secondo IDC, o del 29 per cento, secondo Gartner.

I numeri da Gartner e IDC in genere sono simili, ma differiscono notevolmente in un solo ambito: Apple. IDC ha detto che le spedizioni di computer e iPad della società di Cupertino sono calate del 7,5 per cento, mentre Gartner ha detto che le vendite sono aumentate del 7,4 per cento. 

 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?