NSA: Obama, Google e Facebook rispondono alle accuse

 

Non ci sono prove che la National Security Agency ha diretto accesso ai server centrali delle aziende della Silicon Valley

Scritto da Simone Ziggiotto il 09/06/13 | Pubblicata in Produttori | Archivio 2013

 

Non ci sono prove che la National Security Agency ha diretto accesso ai server centrali delle aziende della Silicon Valley. Fonti dicono che l'agenzia di spionaggio può ottenere informazioni su persone non americane previa ordinanza del tribunale su persone "coinvolte in una attività legata al terrorismo internazionale".

L'Agenzia nazionale per la sicurezza non ha ottenuto l'accesso diretto ai sistemi di Apple, Google, Facebook, e altri grandi aziende Internet. Recenti rapporti sul Washington Post e The Guardian hanno sostenuto che un programma segreto chiamato PRISM avesse consentito "all'Agenzia nazionale per la sicurezza l'accesso diretto ai server delle società" e che "dai database di dati di una società la NSA sarebbe stata in grado di prendere informazioni sugli utenti."

Tali relazioni sono incorrette e sembrano essere basate su una lettura errata di un documento Powerpoint trapelato nei giorni precedenti, secondo un ex funzionario di governo che è intimamente familiare con questo processo di acquisizione dei dati e ha parlato oggi in anonimato. "Non è come descritto nel The Washington Post o The Guardian", la persona ha detto. "Niente di tutto questo è vero. Si tratta di un processo legale molto formalizzato che le aziende sono obbligate a seguire.".

Secondo l'ex funzionario, il processo è stato creato dal Congresso sei anni fa e comprende la supervisione giudiziaria delle informazioni, come confermato da un'altra persona con conoscenza diretta di come questa raccolta di dati avviene.

NSA

Le slide della presentazione Powerpoint trapelata dicono che il programma ha avuto inizio nel settembre del 2007, poche settimane dopo che la legge di sorveglianza degli utenti esteri è stata modificata. La procedura legale, la persona ha detto, è simile al modo in cui viene applicata la legge per le richieste di informazioni delle persone nelle indagini penali: il governo deve presentare una richiesta per ottenere i dettagli dell'account di qualcuno che è specificamente identificato come un individuo non americano, con una motivazione specifica che provi che il soggetto è coinvolto in una attività legata al terrorismo internazionale. Entrambi i contenuti delle comunicazioni e dei metadati, come ad esempio le informazioni su chi sta parlando con chi, possono essere richieste, secondo la legge americana.

Il Washington Post ha fatto marcia indietro dalla sua prima relazione su PRISM. In un primo momento, il giornale ha sostenuto che le principali aziende della Silicon Valley "partecipavano consapevolmente alle operazioni di PRISM.". Ma poi il giornale ha silenziosamente rimosso quelle accuse la notte scorsa. E ha anche tolto la sua dichiarazione nella quale ocnfermava che l'NSA sta "accedendo direttamente nei server centrali delle aziende.".

In un altro articolo pubblicato oggi, il New York Times ha citato fonti anonime che gettano ulteriore dubbio sui rapporti iniziali. Ognuna delle aziende di tecnologia tirate in ballo, secondo il Times, "tracciano una linea di controllo tra dare al governo l'accesso completo ai suoi server per raccogliere i dati degli utenti e dare loro dati specifici in risposta alle singole ordinanze del tribunale.".

L'amministratore delegato di Google Larry Page e l'amministratore delegato di Facebook Mark Zuckerberg hanno entrambi dato smentite ufficiali al fatto che partecipano a programmi come PRISM.

"Facebook non è e non è mai stato parte di qualsiasi programma per dare al governo degli Stati Uniti o un qualsiasi altro governo accesso diretto ai nostri server. Non abbiamo mai ricevuto una richiesta o un ordine del tribunale da qualsiasi agenzia governativa per chiedere informazioni o metadati in massa, come quella di Verizon, come riferito. E se lo facessimo, combatteremo in modo aggressivo. Non avevamo mai sentito parlare di PRISM prima di ieri." ha detto Mark Zuckerberg.

Page, la cui società sta attualmente combattendo la legalità delle decisioni giudiziarie in due diverse corti federali, ha detto che "notizie di stampa che suggeriscono che Google sta fornendo l'accesso aperto ai dati dei nostri utenti sono false, punto.".

Il programma PRISM ha fatto parlare di sè dopo che il Guardian ha pubblicato una notizia in cui viene detto che il Governo americano ha richiesto i tabulati telefonici dei clienti Verizon. Il Wall Street Journal ha successivamente riferito che anche gli operatori AT&T e Sprint sono stati contattati dall'FBI per avere i dati dei loro clienti.

Funzionari di Washington hanno confermato subito che l'ordine trapelato e riguardante Verizon era reale. Dianne Feinstein, la californiana del partito democratico che guida il Comitato Intelligence del Senato, ha ammesso che si trattava di un programma di sorveglianza che "è in vigore dagli ultimi sette anni.". Il senatore Ron Wyden ha detto che il programma è uno "di quelli di cui mi sono occupato per anni.". Al contrario, James Clapper, il direttore dell'intelligence nazionale, ha rilasciato una dichiarazione dicendo che la notte scorsa The Guardian e simili articoli che hanno trattato l'argomento PRISM "contengono numerose inesattezze".

Il presidente Obama ha affrontato la questione del programma della NSA a San Jose, in California, questa mattina. Ma le osservazioni di Obama hanno semplicemente detto: "Per quanto riguarda Internet e le e-mail, questo non si applica ai cittadini degli Stati Uniti, e non si applica alle persone che vivono negli Stati Uniti.". Obama ha detto che, quando il governo emette un ordine di intercettazione, le aziende "non danno alcun accesso diretto ai server.". L'ordine deve essere fatto per avere informazioni sul conto o un'intercettazione diretta a una specifica persona straniera, e "non possiamo avere informazioni su gruppi di massa di persone", ma la richiesta deve essere "ben dettagliata".

 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?