Una colletta per l'Hacker che ha violato il profilo di Marc Zuckerberg

 

Vi ho parlato proprio ieri in questo articolo di Khalil Shreateh, un ricercatore che ha trovato un grave bug che permetteva a chiunque di scrivere a nome del proprietario del profilo Facebook qualcosa sul diario, anche senza avere la persona tra gli amici

Scritto da Pietro Oliveri il 20/08/13 | Pubblicata in Produttori | Archivio 2013

 

Vi ho parlato proprio ieri in questo articolo di Khalil Shreateh, un ricercatore che ha trovato un grave bug che permetteva a chiunque di scrivere a nome del proprietario del profilo Facebook qualcosa sul diario, anche senza avere la persona tra gli amici.

Sebbene il colosso abbia chiuso la “falla” nessun riconoscimento in denaro è stato versato al ricercatore (Facebook di solito dona almeno 500 dollari) ed ecco allora che da parte degli utenti parte una vera e propria colletta di riconoscimento!

Facebook

A far partire l’iniziativa è stato Marc Maiffret, un altro ricercatore che ha riconosciuto l’importanza del bug trovato.

Molti utenti hanno subito iniziato a donare dichiarando che il ricercatore poteva benissimo vendere la sua scoperta a qualche criminale, e vista la sua occupazione è probabile che non faticherebbe a trovarne.

Il tetto prefissato è 10 Mila dollari ed attualmente sono già stati raccolti ben 8500 dollari!

Il team di sicurezza di Facebook si è subito fatto sentire dando la colpa al ricercatore ed alla sua poca padronanza con l’Inglese che avrebbe causato diverse incomprensioni.

Fatto sta che la faccenda poteva essere gestita meglio per evitare una figuraccia al colosso creato da Marc Zuckerberg.

Se siete interessati a partecipare alla colletta potete farlo a questo indirizzo.

 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?