Internet in Italia: cresce la velocita' media di connessione nel Q2 2013

 

Akamai ha pubblicato il suo ultimo rapporto sullo Stato di Internet relativo al secondo trimestre 2013

Scritto da Simone Ziggiotto il 16/10/13 | Pubblicata in Produttori | Archivio 2013

 

Internet in Italia: cresce la velocita' media di connessione nel Q2 2013

Akamai ha pubblicato il suo ultimo rapporto sullo Stato di Internet relativo al secondo trimestre 2013.

Basato sulle informazioni raccolte dalla Akamai, il rapporto è un’analisi approfondita di dati quali, tra gli altri, velocità di connessione, penetrazione di Internet e un osservatorio sugli attacchi DDoS indirizzati a siti e-commerce.

Velocità di connessione: cresce in Italia

Nel secondo trimestre 2013, la velocità media di connessione globale in Europa è aumentata del 5.2 per cento rispetto ai tre mesi precedenti, a 3.3 Mbps. L’Italia ha registrato un aumento del 10 per cento rispetto al trimestre precedente. In Svizzera al media è di 11 Mbps, mentre nei Paesi Bassi è di 10.1 Mbps.

Nel secondo trimestre 2013, Romania e Svizzera sono gli unici Paesi europei che hanno registrato un picco medio della velocità di connessione superiore ai 40 Mbps, seguite da Belgio (39.9 Mbps), Paesi Bassi (38.8 Mbps) e Gran Bretagna (37.1 Mbps).

In generale, è migliorata la qualità delle connessioni internet e la disponibilità di servizi ad alta velocità in Europa.

In Italia, la velocità media di connessione è di 4.9 Mbps, più veloce dell’11 per cento su base trimestrale e del 23 per cento su base annuale. Il picco medio è stato di 23.3 Mbps, maggiore del 5.6 per cento e del 34 per cento su base trimestrale e annuale, rispettivamente.

Velocità di connessione: l'Italia registra importanti incrementi

Penetrazione globale di Internet

Più 752 milioni di indirizzi IPv4 unici in 242 Paesi si sono connessi alla Akamai Intelligent Platform nel secondo trimestre 2013. Nella realtà sono molti di più, in quanto, in molti casi, un singolo indirizzo IP rappresenta più individui.

Tra i Paesi europei nella Top 10 con il maggior numero di indirizzi connessi si segnalano: Italia (+12 per cento in un anno, al nono posto nella classifica globale con oltre 20 milioni di indirizzi), Francia (+3.8 per cento, in settima posizione), Gran Bretagna (+9.6 per cento, in sesta posizione) e Germania (+5.3 per cento, in quarta posizione).

Diminuiscono del 9 per cento gli attacchi da Europa

Nel secondo trimestre 2013, l’Indonesia ha sorpassato la Cina diventando la principale fonte di attacchi (del 38 per cento di quelli osservati). La Cina è responsabile del 33 per cento delle minacce, seguita dagli Stati Uniti. In questo trimestre, l’Italia ha generato solo lo 0.5 per cento degli attacchi osservati. 

Attacchi DDoS: in aumento del 54 per cento rispetto al trimestre precedente

Nel secondo trimestre 2013, sono stati registrati 318 attacchi DDoS, in aumento del 54 per cento rispetto al primo trimestre. Di questi, 134 sono stati indirizzati ad aziende del settore enterprise, 91 all’ambito Retail/Travel, 53 all’area Media e Entertainment. 

Connettività high broadband: vince la Svizzera

L'high broadband (superiore ai 10 Mbps) continua a crescere in tutta Europa. La Svizzera guida la classifica europea con il 37 per cento di connessioni high broadband, seguita dai Paesi Bassi al 31 per cento e dalla Repubblica Ceca (27 per cento).  Incrementi su base annua in vari Paesi europei, tra cui Gran Bretagna (+200 per cento) e Irlanda (+93 per cento), mentre Repubblica Ceca, Belgio, Svezia, Germania, Polonia, Spagna e Francia hanno visto aumentare il tasso di adozione del 70 per cento o più rispetto allo stesso periodo nel 2012.

L’adozione di high broadband è aumentata anche in Italia (+16 per cento rispetto allo scorso trimestre,): ad oggi, il 3.7 per cento degli italiani utilizza connessioni oltre i 10 Mbps, in crescita del 40 per cento rispetto allo stesso periodo lo scorso anno. L’adozione della banda larga è aumentata del 88 per cento rispetto allo scorso anno, e del 37 per cento rispetto al primo trimestre 2013, stabilizzandosi al 52 per cento. Abbiamo dunque superato la soglia del 50 per cento, lasciandoci alle spalle la solita Turchia e, addirittura, la Norvegia, dove le connessioni broadband si sono stabilizzate al 49 per cento.

Connettività mobile: il traffico di dati è aumentato

Connettività mobile: il traffico di dati è aumentato

Cresce la velocità media di connessione mobile tra i 9.7 Mbps e gli 0.5 Mbps. Undici operatori hanno registrato velocità di connessione da banda larga (superiori a 4 Mbps), mentre 62  una velocità media superiore a 1 Mbps. Il provider con la maggiore velocità è in Repubblica Ceca, con 6.4 Mbps.

Le velocità di connessione massime offerte dagli operatori italiani vanno dai 28.5 Mbps ai 18.9 Mbps.

 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?