Siae: In arrivo Aumento ingiustificato su Smartphone, Tablet e Pc

 

Rideterminazione dei compensi per copia privata: Una tassa di fatto imposta dalla Siae nel 2009 e prontamente promulgata a mezzo Decreto Legge che torna in Parlamento con la promessa di uscrine ancora più odiosa di prima

Scritto da Redazione il 22/06/14 | Pubblicata in Produttori | Archivio 2014

 

Siae: In arrivo Aumento ingiustificato su Smartphone, Tablet e Pc

Rideterminazione dei compensi per copia privata: Una tassa di fatto imposta dalla Siae nel 2009 e prontamente promulgata a mezzo Decreto Legge che torna in Parlamento con la promessa di uscrine ancora più odiosa di prima.

Le richieste della SIAE, supportate da statistiche europee ben confezionate, prevedono un incremento di oltre il 500% a danno dei consumatori italiani,

Non contenti di quanto già imposto su Dvd, Cd, Masterizzatori e qualunque cosa disponga di una memoria digitale, la SIAE riparte e rincara ulteriormente la dose di tasse, sulle quali, inoltre, andrà applicata anche l'iva al 22%.

Per dare la solita facciata perbenista, ad uso e consumo dei giornali che vorranno nascodere l'ennesimo scempio, la tassa sui cellulari, quelli intendiamoci ormai praticamente spariti dal mercato, scende da 0.90 a 0.50 centesimi. Cosi, potranno dire che riducono la tassa sui cellulari per aumentarla sugli smartphone.

Di contro, gli smartphone, che rappresentano la quasi totalità del mercato, passeranno da 0.90 a 5.20 euro (6.34 iva inclusa).  Una batosta che vale oltre il 6/7% di rincaro per tutti gli smartphone di fascia bassa, quelli sotto i 100 euro.

I tablet Pc, oggi esclusi dalla tassa, verranno aggravi della stessa cifra prevista per la categoria smartphone.

I Pc passano da 1.90 euro a 6 euro, ovvero 7.32 con iva.

Le Tv che dispongono di archiviazione di massa, subiranno un extra costo di 5 euro (6.10 con iva)

Le chiavette USB passano da una tariffazione di 0.09 a GB a 0.10 a GB fino ad un massimo di 9 euro.

Gli hard disk oltre i 20 GB subiranno una tassa di 12.88 euro mentre i decoder digitali con memoria, subiranno una batosta fenomenale: 32.20 euro sopra i 400 GB.

Considerando le vendite del 2013, l'extra costo totale a carico dei cittadini per il 2014, sarà di ben 200 milioni di euro; soldi che finiranno nella tasche della SIAE e in parte anche in quelle di autori e compositori.

AGGIORNAMENTO DEL 10 aprile 2014

La proposta di aggiornamento delle tabelle Siae è prossima ad iniziare l'iter burocratico. Il ministro Dario Franceschini , come dichiarato, si appresta ad approvare il decreto senza attendere la ricerca in corso commissionata da Bray per valutare se siano effettivamente aumentate le copie private, essendo questa la motivazione dell'esistenza di questo balzello.

Gli aumenti sembrano confermati come sopra riportato.
 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?