Disoccupazione al 13 percento, Digitale e applicazioni valgono il 2 percento del PIL

 

Il tasso di disoccupazione in Italia, a Gennaio 2014, segna il 12

Scritto da Redazione il 01/04/14 | Pubblicata in Produttori | Archivio 2014

 

Disoccupazione al 13 percento, Digitale e applicazioni valgono il 2 percento del PIL

Il tasso di disoccupazione in Italia, a Gennaio 2014, segna il 12.9%, il valore più alto dal 1977, con oltre 1 milione di posti di lavoro bruciati dal 2008. L'incremento su base annuale è di circa il 4%.

Il tasso di disoccupazione giovanile schizza al 42.4%, un record da quando vengono rilevati questi dati con punte del 53% al sud.
Dal 2008 al 2013, sono stati circa 984 mila i posti di lavoro persi, portando il numero di disoccupati in Italia a quota 3 milioni e 293 mila.

Un dato estremamente negativo che conferma l'andamento recessivo del nostro paese che da ormai 5 anni si trova in una situazione lavorativa a dir poco drammatica.

In un paese povero di materie prime e in una fase di profonda deindustrializzazione, un aiuto concreto potrebbe arrivare dal mondo digitale, oggi poco sviluppato che pone l'Italia tra i peggiori in Europa per approto al PIL.

Il solo mercato delle applicazioni, in pieno boom, porterà in Europa quasi 800.000 nuovi posti di lavoro entro i promissimi 5 anni, con un fatturato previsto intorno ai 51 miliardi di euro. Un mercato ricco e interessante per il quale il nostro paese riceverà poche briciole.

Il mercato digitale, collegato a Internet e servizi di vario genere, che vale oggi circa il 2 percento del PIL, potrebbe garantire oltre 300.000 posti di lavoro aggiuntivi se la quota digitale fosse in media con gli altri paesi Europei, che viaggiano intorno al 4%.

Analizzando i dati storici dal 1999 al 2010, diversi studi hanno dimostrato che aumentando del 10% la diffusione di Internet, si potrebbeo creare una ulteriore occupazione pari allo 0.44%, ovvero 100.000 posti di lavoro, soprattutto nella fascia più sofferente 18-24.

Altro grande filone per creare posti di lavoro, è rappresentanto dal sistema Startup, un terreno fertile dove far nascere nuove imprese innovative che potrebbero rilanciare non solo il mondo digitale, ma tutto il sistema paese.

Purtroppo, davanti a tante opportunità e buoni propositi, la realtà è ben diversa, con un paese molto veloce e attento a creare nuove imposte o vincoli ad ogni novità, ma molto molto lento a puntare su settori in forte crescita.
 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?