Meglio vivere il presente che fotografarlo, ricerca dalla Nuova Zelanda

 

Avete presente quella selva di persone che in particolari momenti, piuttosto che godersi il momento, alza le braccia al cielo e riprende il tutto con il proprio smartphone? Una ricerca condotta dalla Victoria University della Nuova Zelanda, ha svelato quello che un pò tutti già sospettavano

Scritto da Redazione il 27/05/14 | Pubblicata in Produttori | Archivio 2014

 

Meglio vivere il presente che fotografarlo, ricerca dalla Nuova Zelanda

Avete presente quella selva di persone che in particolari momenti, piuttosto che godersi il momento, alza le braccia al cielo e riprende il tutto con il proprio smartphone?

Una ricerca condotta dalla Victoria University della Nuova Zelanda, ha svelato quello che un pò tutti già sospettavano.

Le situazioni, meglio viverle in prima persona che attraverso una videocamera.


Quando l'essere umano vive l'esperienza diretta in prima persona, il ricordo di un momento o di un evento resta impresso in maniera migliore e più dettagliata, donando uno stato di maggiore serenità.

Lo studio, ha infatti evidenziato che lo stesso ricordo, acquisito tramite fotocamera o videocamera, genera invece stress e tensione che influiscono in maniera molto negativa sul ricordo stesso.

Non solo: scattare una foto in maniera eccessivamente frenetica, riduce notevolmente il ricordo del momento e riduce drasticamente la qualità di dettagli che poi ricorderemo, rendendo cosi i nostri ricordi più sbiaditi e sfuocati.

La ricerca ha trattato anche una pratica, oggi molto diffusa, di scattare migliaia di foto per poi semplicemente archiviarle da qualche parte e non riguardarle mai più.

La mancata interazione con le foto riduce la capacità del nostro cervello di recuperare ricordi e informazioni dettagliate, rendendo cosi i ricordi meno emozionali.

Il passaggio al digitale e l'evoluzione degli smartphone ci ha dato oggi la possibilità di riprendere qualunque cosa in qualsiasi momento, generando un flusso fotografico inimmaginabile solo pochi anni fa. Milioni di foto ogni giorno finiscono in rete e molte altre restano archiviate su smartphone e fotocamere.

Conviene forse tornare alla selezione che veniva fatta in passato?
 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?