Smartphone: 5 soluzioni ai problemi di batteria

 

Chi utilizza smartphone top di gamma, ormai si è abituato a restare spesso a corto di batteria

Scritto da Redazione il 21/08/14 | Pubblicata in Produttori | Archivio 2014

 

Smartphone: 5 soluzioni ai problemi di batteria

Chi utilizza smartphone top di gamma, ormai si è abituato a restare spesso a corto di batteria. Molti utenti, passano da una caricatore all'altro nel tentativo di restare sempre con una certa riserva di energia nel proprio smartphone.

Vediamo allora, 5 modi per ovviare ai problemi di batteria.

1) Risparmiare energia

Il primo consiglio che vi do, è quello più semplice ed economico da attuare, ovvero tentare di risparmiare la batteria.

Le funzioni che assorbono molta energia riguardano Wifi, Gps e Bluetooth. Spesso, per pigrizia o comodità, vengono lasciate sempre attivate, consumando inutilmente la batteria.

Il wifi attivato quando non serve, per esempio, consuma molta energia in quanto il sistema è continuamente connesso ad una rete, comunica, dialoga, invia e riceve dati e tenta di tanto in tanto, a cercare nuove reti.

Tutti gli smartphone, dispongono di un pannello rapido per attivare o disattivare queste funzioni, consentendoci di attivarle quando necessario e disattivarle quando non ci servono.

2) Applicazioni in background e app Energy Save


Altra fonte di consumo inutile della batteria, riguarda le applicazioni in esecuzione in background, come la maggior parte dei sistemi di messaggistica i quali accedono alla rete di tanto in tanto per verificare eventuali nuovi messaggi e comunicarli poi tramite le notifiche.

Per rispamiare batteria, possiamo per prima cosa disabilitare il push automatico, per esempio sulla posta elettronica, evitando che il sistema acceda alla rete ogni tot minuti per verificare nuovi messaggi.

Allo stesso modo, possiamo chiudere le applicazioni che non ci sono utili, come per esempio mappe e social network, e attivarle solo quando dobbiamo realmente utilizzarle.

Esistono alcune applicazioni ad hoc per gestire le funzioni di risparmio energetico, potendo intervenire sulle diverse funzioni e potendo creare dei profili automatici per ridurre il consumo di batteria, in grado di attivarsi in automatico man mano che la batteria scende di livello.

3) Powerbank


Powerbank tascabili
Le unità Power Bank sono costituite da batterie di dimensioni più o meno grandi, in grado di ricaricare uno o più smartphone contemporaneamente.

Si tratta di una soluzione molto pratica e utile, in quanto solitamente con un Power Bank di medio formato, possiamo ricaricare fino a 3 volte il nostro smartphone o quanto meno tappare temporaneamente i problemi di batteria.

Rappresenta oggi uno dei migliori sistemi quando si viaggia, soprattutto quando il viaggio viene fatto in giornata e quindi potremmo non avere a disposizione una fonte energetica.

4) Caricabatterie solari


Se avete in previsione un viaggio o pensate di dover restare fermi a lungo in un posto, il caricabatterie solare potrebbe fare al caso vostro.

Considerando il consumo attuale degli smartphone è quasi impossibile assicurare la piena carica, ma potrebbe aiutare a ridurre il consumo di batteria di un buon 20-30%, abbastanza per farci arrivare fina a sera con il cellulare carico.

5) Utilizzo intelligente

Se state viaggiando e non sapete con sicurezza se e quando avrete modo di accedere ad una presa elettrica, utilizzate saggiamente il vostro smartphone, rimandando o limitando alcuni utilizzi.

Per esempio, non utilizzate il vostro smartphone per ascoltare la musica, ma puntate ad avere con voi un lettore musicale a parte.

Allo stesso modo, evitate di guardare video o giocare, in quanto la riproduzione video e il gaming Mobile, richiedono notevole utilizzo di energia.

Disabilitate Wifi, Blutooth, Gps mentre camminate se non state utilizzando lo smartphone. Mi capita spesso, per praticità, di attivare la funzione flight mode se per esempio ho lo smartphone nello zaino, riattivandolo poi, solo quando lo riprendo in mano.

Limitate le chiamate a quelle veramente urgenti e preferite sms e messenger per comunicare con le altre persone.

Se utilizzate lo smartphone come Gps, una volta individuato il percorso, cercate di prendere dei punti di riferimento; successivamente spegnete l'applicazione Mappa e procedete in autonomia, facendo poi ripartire l'applicazione quando arrivate al check point successivo.
 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?