Cassazione: puoi farti rimborsare il costo di Windows dei nuovi PC

 

La vendita di PC con già un sistema operativo installato non è una politica commerciale corretta, dunque se l'utente non accetta all'avvio della macchina la licenza d'uso del software può chiederne il rimborso al produttore

Scritto da Simone Ziggiotto il 18/09/14 | Pubblicata in Produttori | Archivio 2014

 

Cassazione: puoi farti rimborsare il costo di Windows dei nuovi PC

La vendita di PC con già un sistema operativo installato non è una politica commerciale corretta, dunque se l'utente non accetta all'avvio della macchina la licenza d'uso del software può chiederne il rimborso al produttore. A stabilirlo è la Cassazione.

Chi acquista un pc con sistema operativo pre-installato ha diritto al rimborso del costo del software se non clicca sull'accettazione della licenza d'uso, potendo comunque tenersi l'hardware. E' quanto ha stabilito la Cassazione, che con una sentenza ha dato torto al colosso Hewlett-Packard (HP), confermando 140 euro di rimborso ad un consumatore fiorentino.

Dunque, se comprate un computer nuovo (HP, nel caso in oggetto) e quando lo accendete non accettate le condizioni della licenza d'uso (di Windows 8.1 ad esempio) potete chiedere il rimborso del costo del sistema operativo già installato sulla macchina (ad HP), perchè quando si compra un computer non si è obbligati ad accettare sia l'hardware (il computer) che il software (il sistema operativo) come invece vorrebbero i produttori.

La Cassazione ha questo stabilito:

"Chi acquista un computer sul quale sia stato preinstallato dal produttore un determinato sistema operativo ha il diritto, qualora non intenda accettare le condizioni della licenza d'uso del software propostegli al primo avvio del computer, di trattenere quest'ultimo restituendo il solo software oggetto della licenza non accettata, a fronte del rimborso della parte di prezzo ad esso specificamente riferibile"

La Suprema Corte ritiene che l'insieme di hardware e sistema operativo Windows-Microsoft risponderebbe, nella sostanza, ad una politica commerciale "finalizzata alla diffusione forzosa di quest'ultimo nella grande distribuzione dell'hardware".

Ad HP era stato dato torno già in secondo grado, l'ultimo giudizio prima della Cassazione, la quale ha ora definitivamente emesso sentenza, con la quale chiude la questione.

 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?