Samsung Galaxy S4 e Galaxy Note 3 tornano nei risultati 3DMark

 

Alcuni di voi si ricorderanno che qualche mese fa Samsung era stata scoperta imbrogliare con i risultati dei benchmark dei suoi dispositivi di fascia alta basati sul sistema operativo Android di Google

Scritto da Gabriele Coronica il 03/04/14 | Pubblicata in Samsung | Archivio 2014

 

Alcuni di voi si ricorderanno che qualche mese fa Samsung era stata scoperta imbrogliare con i risultati dei benchmark dei suoi dispositivi di fascia alta basati sul sistema operativo Android di Google.

In pratica, questi "trucchetti" erano attivati in automatico dal terminale non appena veniva avviata un'applicazione per il test delle prestazioni 2D e 3D, fornendo dei risultati lontani dalla realtà.

I tecnici del colosso asiatico hanno ammesso i loro sbagli, e nell'ultimo firmware Android 4.4.2 Kit Kat per il Galaxy S4 e il Galaxy Note 3 sono state rimosse completamente le "ottimizzazioni software", riportando tutto alla normalità.

In seguito a questa azione, l'azienda Futuremark ha deciso di rimettere nella lista dei risultati del proprio benchmark 3DMark entrambi i dispositivi. Come dice un detto.. Tutto è bene quel che finisce bene.

Samsung ha sicuramente imparato la lezione, e pure gli stessi consumatori hanno capito che non bisogna mai fidarsi dei benchmark. È molto meglio documentarsi con cura leggendo le recensioni dei siti web e le opinioni degli altri utenti.

I due terminali comunque non avevano bisogno di questo tipo di trucchi, visto che sotto la loro scocca possiamo trovare un hardware di alto livello, in grado di gestire senza problemi anche le applicazioni più esose di risorse.

Samsung Galaxy S4 e Galaxy Note 3: stop ai trucchi nei benchmark

Qualche mese fa, Samsung era stata al centro di un importante scandalo per quanto riguarda i benchmark di Android, dato che i risultati di quest'ultimi venivano truccati sul Galaxy S4 e sul Galaxy Note 3.
 
Il trucco era molto semplice: non appena veniva avviata un'applicazione per il benchmark delle prestazioni, la frequenza operativa del processore veniva aumentata alla velocità massima, in modo da garantire delle prestazioni più elevate.
Il problema è che questo aumento si verificava soltanto con le app di benchmark, e non con quelle tradizionali. Neanche i giochi 3D godevano di queste "ottimizzazioni" a livello software.
 
Fortunatamente i tecnici dell'azienda sud coreana si sono resi conto che una situazione del genere era tutt'altro che giusta per i consumatori, e nell'ultimo firmware basato sul sistema operativo Android 4.4 Kit Kat sono stati rimossi tutti i cheat a riguardo.
 
Ricordiamo che il Galaxy Note 3, annunciato lo scorso settembre durante la fiera IFA 2013 di Berlino, ha un display touch da 5.7 pollici, 3 GB di memoria RAM e il chipset Exynos 5 Octa 5420 octa core.
 
Per quanto riguarda il Galaxy S4, si tratta di uno smartphone che si presenta con uno schermo multi-touch capacitivo con diagonale di 5 pollici, risoluzione di 1920 x 1080 pixel, tecnologia Super AMOLED e protezione Gorilla Glass 3.
 
La memoria RAM ammonta a 2 GB, il processore è il Qualcomm APQ8064T Snapdragon 600 quad core con frequenza operativa di 1.9 Ghz, la webcam frontale è da 2 Megapixel, e sulla scocca posteriore trova posto una fotocamera da 13 Megapixel con flash LED e autofocus.
 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?