Samsung, entro fine anno SmartWatch che supporta scheda SIM

 

Samsung prevede di introdurre uno smartwatch che è capace di fare telefonate e ricevere dati, permettendo così di essere utilizzato senza mantenere il collegamento con uno smartphone, andando così a togliere una limitazione che è presente negli orologi oggi sul mercato, secondo quanto riporta il Wall Street Journal

Scritto da Simone Ziggiotto il 26/05/14 | Pubblicata in Smartwatch | Archivio 2014

 

Samsung, entro fine anno SmartWatch che supporta scheda SIM

Samsung prevede di introdurre uno smartwatch che è capace di fare telefonate e ricevere dati, permettendo così di essere utilizzato senza mantenere il collegamento con uno smartphone, andando così a togliere una limitazione che è presente negli orologi oggi sul mercato, secondo quanto riporta il Wall Street Journal.

Lo SmartWatch in questione sarà svelato nei prossimi mesi, e includerà una fotocamera, modulo GPS, e un sensore per il monitoraggio della frequenza cardiaca, e sarà almeno in grado di inviare email.

Il WSJ suppone che un tale orologio sarà anche in grado di supportare applicazioni di terze parti, cosa di cui gli orologi precedenti di Samsung hanno, permettendo così  di fare molte più cose.

Il dispositivo, in sostanza, avrebbe le funzionalità chiave di uno smartphone, solo che sarebbero presenti in un orologio, che richiederebbe una scheda SIM e, non obbligatorio ma consigliato, un piano che comprenda dati e voce.

Samsung è stata la prima a lanciare uno smartwatch sul mercato, il Galaxy Gear, che però è stato un grande flop. La paura è che l'insuccesso si ripeta con la presentazione di questo nuovo orologio con supporto SIM, ma sperimentare è positivo, in quanto il mercato degli SmartWatch comincia ad emergere solo in questo momento.

Una delle maggiori lamentele dei consumatori nei confronti degli smartwatch esistenti di Samsung è la loro dipendenza prepotente su un telefono che sia collegato via bluetooth. Tuttavia, il fatto che le persone debbano comprarsi una seconda SIM su cui attivare un nuovo piano per voce/traffico da inserire nell'orologio non è di sicuro un incentivo ad acquistare un prodotto simile, a meno che gli operatori telefonici non si adeguino al nuovo mercato in espansione e consentano di attivare una seconda scheda SIM che abbia lo stesso numero della principale, così da condividere opzioni e piano tariffario.

Per quanto concerne il sistema operativo, il nuovo smartwatch dovrebbe arrivare sempre con Tizen OS, quindi niente Android di Google.

 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?