Social network in sicurezza: i consigli di ZoneAlarm

 

Ora che anche Facebook ha aperto le iscrizioni ai minori di 13 anni, bambini e ragazzi sono sempre più attratti dai social media

Scritto da Simone Ziggiotto il 05/06/12 | Pubblicata in Social Network | Archivio 2012

 

Ora che anche Facebook ha aperto le iscrizioni ai minori di 13 anni, bambini e ragazzi sono sempre più attratti dai social media. Twittando o aggiornando il proprio status di Facebook dai banchi o dalla mensa della scuola con uno smartphone, le giovani generazioni si mantengono in costante comunicazione tra loro.

In soccorso arriva ZoneAlarm, che ritiene la questione della privacy relativa ai social media una priorità per tutti i genitori. Secondo il Pew Research, quasi il 72 per cento dei giovani fa uso quotidiano di social network. In particolare, sono quasi 7,5 milioni i bambini dai 12 anni in giù che hanno un profilo Facebook.

Ed è per questo che i ragazzi hanno bisogno di capire come comportarsi sui social networ e quali rischi si corrono.

Social Network

ZoneAlarm ha stilato una lista di punti fondamentali da tenere in considerazione:

  • Tutto ciò che si condivide è permanente. Tutto ciò che viene pubblicato (foto, testi, messaggi, ecc) on-line può potenzialmente restare nella rete per sempre. 
  • Non condividere informazioni personali. Non pubblicare numero di telefono, indirizzo email e di casa, non "taggare" la propria città e non condividere informazioni relative alla scuola o ai propri progetti.
  •  Comunicare solo con persone che si conoscono. Se un contatto sconosciuto cerca di ottenere informazioni personali, dettagli sulla scuola frequentata, ecc., è bene informare di questo un adulto.
  • Selezionare le foto con attenzione. Meglio utilizzare un’immagine generica come foto del profilo e non la propria foto: qualsiasi foto postata può essere alterata da terzi per scopi spiacevoli.
  • Non condividere messaggi o immagini offensive rispetto ad altre persone. Mai condividere un commento, un forward, un tweet, o qualsiasi comunicazione sociale offensivanei confronti di qualcuno.
  • Scegliere un nome utente appropriato. Utilizzare un nome utente che non consenta di identificarvi.
  • Segnalate tutto ciò che vi mette a disagio. Fatti o messaggi che vi mettono a disagio segnalateli ai genitori.

Il social networking non è negativo di per sé: l'American Psychological Association sottolinea come ragazzi ed adolescenti timidi possano imparare meglio a socializzare protetti dalla sicurezza di computer e dispositivi mobili.

Tuttavia, si raccomanda massima attenzione.

 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?