Zuckerberg: Internet punto di svolta mondiale dopo Stampa e Tv

 

Internet rappresenta un punto di svolta per l'umanità, con un impatto nella vita globale equiparabile a quello che stampa, tv e cellulari hanno apportato nella precedente storia della civiltà umana

Scritto da Redazione il 09/07/14 | Pubblicata in Social Network | Archivio 2014

 

Zuckerberg: Internet punto di svolta mondiale dopo Stampa e Tv

Internet rappresenta un punto di svolta per l'umanità, con un impatto nella vita globale equiparabile a quello che stampa, tv e cellulari hanno apportato nella precedente storia della civiltà umana.

Un mondo sempre più connesso, una condivisione di idee senza limiti e informazioni sempre più accessibili da tutti: questi i tre punti nevralgici del discorso di Zuckerberg che cita Internet come veicolo per il progresso sociale ed economico soprattutto nei paesi considerati sottosviluppati o in fase di sviluppo.

Internet può portare istruzione, informazione e cultura laddove le stesse cose non potrebbero mai arrivare o arriverebbero con particolare difficoltà. Ma soprattutto Internet, può risollevare dalla povertà almeno 160 milioni di persone, secondo i dati forniti da Deloitte, oltre a creare potenzialmente 140 milioni di nuovi posti di lavoro.

Rispetto a 20 anni fa, oggi potrebbe bastare un tablet, una parabola e un pannello solare per portare istruzione e cultura anche nel più angolo remoto del pianeta a costi tanto accessibili che un cittadino medio occidentale potrebbe tranquillamente sostenere.

Non solo istruzione e informazioni: con la rete, le idee viaggiano alla velocità della luce, si spargono per il pianeta, si trasformano e si plasmano in nuove idee, ancora più rivoluzionarie.

Il potenziale della rete, insomma, va ben oltre la comodità dello shopping o della possibilità di comunicare con persone sparse in tutto il globo.

Con l'evoluzione tecnologica e costi sempre più accessibili, Internet sta piano piano invadendo aree prima escluse dalla rivoluzione tecnologica. I sistemi stanno diventando sempre più efficienti, economici e facilmente accessibili, tanto che oggi il 90% degli abitanti del pianeta è potenzialmente coperto da reti cellulari. Siamo in piena rivoluzione 4G, ma si parla già del futuro, delle connessioni 5G da 1 Gbps.


Zuckerberg cita il caso di iPhone: il primo iPhone, dati inclusi, necessitava di circa 2000 dollari all'anno mentre oggi per disporre di molti più dati, ne sono sufficienti circa 500 dollari, con riferimento alle offerte americane.

Oggi, i potenziali fruitori del Web sono circa 2,7 miliardi, poco più di un terzo di tutti i possibili internauti sparsi nel pianeta Terra.
Facebook, Google e Microsoft si stanno dando battaglia per connettere i restanti 5 miliardi, oggi fuori dalla rete.

Una guerra che non potrà che farci bene.

 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?