Facebook, Ue indaga su acquisizione WhatsApp

 

L'Unione Europea sta indagando sull'acquisizione da 19 miliardi di dollari di WhatsApp da parte di Facebook per capire se c'è il rischio che Facebook diventi monopolista dei dati personali degli utenti

Scritto da Simone Ziggiotto il 12/07/14 | Pubblicata in Social Network | Archivio 2014

 

Facebook, Ue indaga su acquisizione WhatsApp

L'Unione Europea sta indagando sull'acquisizione da 19 miliardi di dollari di WhatsApp da parte di Facebook per capire se c'è il rischio che Facebook diventi monopolista dei dati personali degli utenti.

Secondo quanto riporta il Wall Street Journal, l'Unione Europea ha deciso di fare luce sull'acquisizione da 19 miliardi di dollari di WhatsApp da parte di Facebook inviando questionari ai concorrenti del social network (Line, Telegram, WeChat per citarne alcune) per capire l'impatto dell'unione con l'app di messaggistica sui rispettivi mercati.

La decisione aprirebbe la strada ad un'inchiesta formale che rappresenterebbe il primo caso per chiarire come applicare delle regole per far rispettare la libera concorrenza nel mondo dei social media. Inoltre, la Ue vuole analizzare i rischi che potrebbero insorgere per via della grande quantità di dati personali degli utenti di Facebook e di WhatsApp che, se uniti, finirebbero nelle mani di Facebook e come questi potrebbero essere usati in modo anti-competitivo nei confronti dei servizi concorrenti.

Facebook ha comprato a febbraio di quest'anno WhatsApp per 19 miliardi di dollari. "Io in realtà penso che, di per sé, [WhatsApp] vale più di 19 miliardi di dollari", diceva al tempo Zuckerberg. "Per essere una parte di Facebook, faremo in modo che possano [il team di WhatsApp] concentrarsi per i prossimi cinque anni, o giù di lì, esclusivamente sul collegamento di sempre più persone". Egli ha anche ribadito che WhatsApp continuerà ad operare autonomamente e che Facebook non monetizzerà i messaggi e altri contenuti scambiati via WhatsApp.

Il Wall Street Journal ritiene che almeno due delle aziende che hanno ricevuto il questionario hanno detto alla commissione che temono che l'unione di Facebook con WhatsApp possa ingiustamente escluderle dal mercato, sostenendo che le due società rappresentano insieme una grande quantità di persone in un certo numero di paesi europei.

Alcuni esperti antitrust e dirigenti di aziende di tecnologia dicono che un caso del genere può essere difficile da analizzare perché la comunicazione online è un settore in così rapida evoluzione. Nel valutare l'acquisizione di Microsoft di Skype, per esempio, la commissione ha scelto di puntare ad un mercato delle comunicazioni più ampio in cui potranno esserci numerosi concorrenti, e non bocciare l'affare incondizionatamente.

Insomma, l'Unione Europea teme che Facebook diventi monopolista dei dati personali delle persone iscritte al social network e a WhatsApp.

 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?