Twitter lancia Fabric, piattaforma per sviluppatori di app mobile

 

Il prossimo obiettivo di Twitter per gli sviluppatori di app mobili: far usere il numero di telefono al posto della password per l'autenticazione degli utenti nelle app

Scritto da Simone Ziggiotto il 29/10/14 | Pubblicata in Social Network | Archivio 2014

 

Twitter lancia Fabric, piattaforma per sviluppatori di app mobile

Il prossimo obiettivo di Twitter per gli sviluppatori di app mobili: far usere il numero di telefono al posto della password per l'autenticazione degli utenti nelle app.

La società di social networking, nota per permettere alla gente di scambare brevi messaggi 'tweet' ad amici o seguaci sta per offrire il nuovo strumento chiamato 'Fabric' per lo sviluppo di app mobile. Twitter spera di attirare gli sviluppatori di app ad usare questo nuovo kit per consentire agli utenti, per esempio, di fare il log-in nelle app con il numero di cellulare al posto della password. Il servizio, chiamato "Digits", incluso del nuovo kit Fabric, consente agli utenti di accedere ad un'app inserendo numero di telefono e codice di verifica che si riceve via sms, invece di dover usare una password o fare il log-in usando il proprio account Facebook o Twitter.

Il servizio è l'ultima novità ad aggiungersi alla parte meno conosciuta di Twitter, come anche la tecnologia pubblicitaria chiamata MoPub e il programma per testare le app chiamato Crashlytics. Twitter Mercoledì ha rinominato la sua suite di strumenti in "Fabric", sottolineando non solo l'aggiunta di nuove caratteristiche come Digits di cui sopra, ma anche come ciascuna di esse può completarsi a vicenda.

Twitter ritiene che diventando una parte centrale del mondo degli sviluppatori potrà incentivarli ad integrare il suo servizio di messaggistica nelle loro app, o almeno prendere in considerazione la cosa. E' tutto parte della più ampia strategia della società di espandersi al di là di social networking per diventare una parte centrale del mondo dello sviluppo di app mobile.

"E 'tutto su di voi e i vostri utenti, non noi", ha detto Dick Costolo, CEO di Twitter, durante l'ultima conferenza a cui hanno preso parte oltre 1.000 sviluppatori.

Twitter non è l'unico social network che cerca di espandersi oltre le sue radici. Facebook lo scorso anno ha acquistato il servizio di sviluppo di app Parse, e da allora ha ampliato i suoi sforzi per includere progetti come una serie di strumenti racchiusi in 'App Links' per aiutare gli sviluppatori a far 'parlare' le applicazioni tra di esse.

Non è chiaro quanto bene gli sforzi di Twitter avranno successo, ma hanno funzionato bene per Facebook finora. Da quando Facebook ha acquistato Parse il numero di applicazioni costruite utilizzando tali strumenti è aumentato di oltre sei volte a 400.000.

Twitter ha detto che renderà "Fabric" disponibile agli sviluppatori nel corso delle prossime settimane, e la disponibilità sarà estesa in 216 paesi e in 28 lingue.

 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?