Sony Xperia Z3 e Xperia Z3 Compact: guida Root e Recovery

 

I nuovi Sony Xperia Z3 e Xperia Z3 Compact sono da poco arrivati sul mercato mondiale, e gli smanettoni del noto forum XDA-Developers hanno già trovato un modo per attivare i privilegi di Root e la modalità Recovery

Scritto da Gabriele Coronica il 08/10/14 | Pubblicata in Sony | Archivio 2014

 

Sony Xperia Z3 e Xperia Z3 Compact: guida Root e Recovery

I nuovi Sony Xperia Z3 e Xperia Z3 Compact sono da poco arrivati sul mercato mondiale, e gli smanettoni del noto forum XDA-Developers hanno già trovato un modo per attivare i privilegi di Root e la modalità Recovery.

Come sempre, ci teniamo a sottolineare che i procedimenti descritti in questa guida non sono supportati ufficialmente da Sony Mobile e portano all'annullamento immediato della garanzia del prodotto.

La redazione di PianetaCellulare non si assume alcuna responsabilità in caso di problemi di natura hardware e software, e vi ricordiamo inoltre che lo sblocco del telefono disattiva molte funzioni avanzate della fotocamera.

Come prima cosa, è necessario sbloccare il Bootloader: la casa giapponese fornisce uno strumento ufficiale per farlo, semplicemente accedendo a questa pagina e seguendo la procedura guidata.

Fatto? Perfetto, a questo punto scarichiamo il firmware modificato (download per Xperia Z3 e Xperia Z3 Compact), colleghiamo lo smartphone al PC tramite il cavo dati USB, estraiamo il file ZIP compresso nella cartella del Fastboot e scolleghiamo il telefono.

Apriamo quindi l'utility Fastboot (disponibile soltanto se abbiamo sbloccato il Bootloader) e digitiamo il seguente comando dal terminale: "fastboot flash boot boot.img" e successivamente "fastboot reboot".

Se ci interessa entrare nella modalità Recovery, dobbiamo riavviare il device e, non appena comparirà sullo schermo il logo Sony, teniamo premuto il pulsante Volume UP fino a quando non verrà avviata la Recovery Mode.

Sony Xperia Z2: guida Root con Bootloader bloccato

Gli utenti "smanettoni" DooMLoRD, Norti e Xsacha del noto forum di sviluppatori XDA Developers sono riusciti a trovare un modo per riuscire ad attivare i privilegi di Root del nuovo Sony Xperia Z2 anche se il Bootloader è bloccato.
Prima di procedere con la guida dettagliata, ci teniamo a precisare che l'intero procedimento non è supportato ufficialmente da Sony Mobile e porta all'annullamento della garanzia del prodotto.
 
La redazione di PianetaCellulare non si assume alcuna responsabilità in caso di problemi hardware e software, e raccomandiamo di procedere con l'operazione soltanto se si è consapevoli dei possibili rischi.
 
Come prima cosa, ci dobbiamo assicurare che il cellulare abbia installato il firmware 17.1.A.2.55 oppure 17.1.A.2.69. Per verificare la versione è sufficiente aprire le Impostazioni generali, scorrere in basso e fare tap su "Info sul telefono".
 
Colleghiamo quindi il telefono al PC tramite il cavo dati USB fornito in dotazione, avviamo il software PC Companion e attendiamo l'installazione automatica dei driver ADB di riconoscimento.
 
Fatto? Perfetto, adesso scarichiamo l'Xperia Z2 Rooting Toolkit  ed estraiamo il contenuto del file ZIP in una nuova cartella. Apriamo le Impostazioni dello smartphone, facciamo tap su "Opzioni Sviluppatore" e attiviamo la funzione USB Debugging.
 
Ci siamo quasi: avviamo il file "runme.bat" (si trova nella cartella del Rooting Toolkit) e aspettiamo qualche minuto per la procedura automatica.
 
Non appena comparirà il messaggio "Please crash the Service Menu app to complete", sblocchiamo il telefono, facciamo tap sulla nuova app Service Menu e attendiamo il completamento dell'operazione di Root. Per rendere effettive tutte le modifiche, è necessario un riavvio.

Sony Ericsson: guida alla modifica del Kernel nella gamma Xperia

Dopo aver spiegato passo passo come sbloccare il boot loader dei nuovi modelli della famiglia Xperia, i tecnici della joint-venture nippo svedese hanno pubblicato sul blog della compagnia una guida dettagliata alla modifica del kernel di sistema.
 
Vi ricordiamo che tale operazione potrebbe compromettere la validità della garanzia del telefono, pertanto la redazione di PianetaCellulare non si assume alcuna responsabilità a riguardo. Vi raccomandiamo inoltre di effettuare un backup completo prima di procedere con l'installazione del kernel.
 
La guida completa in inglese potete leggerla da questo indirizzo, tuttavia vediamo di fare un riassunto dei passi da seguire.
 

 
La prima cosa da fare è creare il proprio kernel personalizzato tramite utility apposite come Fastboot Client e ARM Cross Compiler. Una volta fatto, è necessario installare il nuovo kernel nel telefono Android creando un RAM Disk e memorizzando il tutto nella memoria flash del terminale.
 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?