PiPO Work W1: il clone di ASUS Transformer Book T100

 

Non sempre i "prodotti fotocopia" riguardano l'Apple iPad oppure l'iPhone

Scritto da Gabriele Coronica il 27/02/14 | Pubblicata in Tablet | Archivio 2014

 

PiPO Work W1: il clone di ASUS Transformer Book T100

Non sempre i "prodotti fotocopia" riguardano l'Apple iPad oppure l'iPhone.. quello che vi proponiamo oggi, il PiPO Work W1, è infatti è un clone diretto dell'ASUS Transformer Book T100, dal quale ha ereditato design, caratteristiche e funzionalità.

Disponibile per il momento soltanto sul mercato asiatico ad un prezzo equivalente di 399 dollari, questo nuovo tablet PC è equipaggiato nativamente con il sistema operativo Microsoft Windows 8.1, con possibilità quindi di avviare le classiche applicazioni home e d'ufficio.

Sotto la scocca possiamo trovare 2 GB di memoria RAM, 32/64 GB di storage flash (espandibile a piacimento attraverso lo slot per schede microSD) e il processore Intel Atom Z3740D dual core di ultima generazione con frequenza operativa di 1.8 Ghz.

Lo chassis misura 257 x 172 x 9.7 millimetri, e lo schermo multi-touch capacitivo ha una diagonale di 10.1 pollici, la risoluzione HD e la tecnologia IPS, la quale garantisce dei maggiori angoli di visualizzazione.

Come avrete avuto già modo di capire dall'immagine della notizia, il device è convertibile in un PC netbook in maniera pratica e veloce: basta infatti collegarlo all'apposita docking station (opzionale), e siamo pronti a digitare email e documenti di testo con la tastiera fisica.

La batteria al litio, con capacità di 7.900 mAh, offre un'autonomia massima di 10 ore, e la connettività senza fili è garantita dalla presenza dei moduli 3G (opzionale tramite dongle USB), Wifi 802.11 b/g/n e Bluetooth 4.0.

Completano la scheda tecnica l'uscita video digitale miniHDMI 1.4a, una porta dati microUSB 2.0, il jack audio cuffie da 3.5mm, una webcam frontale da 2 Megapixel per le videochat via Wifi, ed infine una fotocamera posteriore da 5 Megapixel.

Per un rapido confronto, il Transformer Book T100 ha una batteria da 11 ore, un display touch IPS da 10.1 pollici con risoluzione di 1366 x 768 pixel, 2 GB di RAM, il processore Intel Atom e una webcam frontale da 1.2 Megapixel.

PiPO UT8: nuovo clone di iPad Mini con funzionalita' telefoniche

Direttamente dall'Asia arriva un nuovo clone dell'iPad Mini che, a differenza di altre "tavolette fotocopia", supporta anche le classiche funzioni telefoniche, come gli ultimi modelli diASUS Fonepad per intenderci.
 
PiPO UT8 si presenta con un design che è praticamente identico a quello del piccolo tablet della Mela morsicata, e il particolare più interessante è senza dubbio il prezzo, dato che viene proposto sul mercato a 999 yuan, circa 120 euro al cambio attuale.
Il mercato dei dispositivi portatili è in continua evoluzione, e sempre più produttori decidono di commercializzare dei device da 8 pollici, in quanto rappresentano il compromesso ideale tra portabilità e usabilità.
 
Grazie al supporto nativo per le reti WCDMA/HSPA (2100/900 MHz) e GSM/GPRS/EDGE (850/900/1800/1900 MHz), è possibile scrivere e ricevere i classici messaggi SMS e MMS, oltre a poter effettuare chiamate tradizionali, come un normale smartphone.
 
Caratterizzato dalle dimensioni di 200 x 137 x 8.6 millimetri per un peso complessivo di 370 grammi, il terminale ha sotto la scocca una batteria al litio da 4.700 mAh in grado di offire un'autonomia pari a 7-8 ore con un utilizzo standard.
 
Stando a quanto possiamo leggere sulla scheda tecnica del sito ufficiale, il sistema operativo preinstallato è Android 4.2.2 Jelly Bean, e per il momento non è chiaro se in futuro verrà aggiornato o meno all'ultima versione 4.4 Kit Kat.
 
La memoria flash interna ammonta a 16 GB, e grazie allo slot per schede microSD è possibile espandere a piacimento lo spazio d'archiviazione dei file multimediali, come ad esempio le foto o i video delle vacanze.
 
Completano la dotazione hardware il display multi-touch capacitivo da 7.85 pollici con risoluzione di 1024 x 768 pixel e tecnologia IPS, la memoria RAM da 2 GB, la webcam frontale da 2 Megapixel, la fotocamera posteriore da 5 Megapixel e il chipset Rockchip RK3188 quad core da 1.8 Ghz.

PiPO M9Pro e PiPO Max M1Pro: nuove alternative all'Apple iPad 4

Direttamente dall'Asia arrivano due nuovi tablet PC, chiamati PiPO M9Pro e PiPO Max M1Pro, equipaggiati con il sistema operativo Android Jelly Bean di Google e caratterizzati da una scheda tecnica molto interessante.
 
Iniziamo parlando del PiPO M9Pro: si tratta di una tavoletta digitale con scocca in lega di alluminio con finitura spazzolata e un ampio display multi-touch capacitivo con diagonale di 10.1 pollici, risoluzione FullHD e tecnologia HFFS (simile alla Super IPS, ma con maggiori angoli di visualizzazione).
 
Le caratteristiche tecniche di questo terminale non sono state ancora annunciate in maniera completa, ma sappiamo con certezza che la memoria RAM ammonta a 2 GB e il processore è il nuovo RockChip RK3188 quad core.

 


 
Maggiori dettagli li abbiamo invece per il PiPO Max M1Pro, prodotto basato sul chipset ARM Cortex A9 quad core con frequenza operativa di 1.8 Ghz e chip grafico ARM Mali 400 a 533 Mhz. Le prestazioni in generale non saranno affatto un problema.
 
In questo caso però lo schermo multi-touch (fino a 10 punti di contatto) ha una diagonale di 9.7 pollici, la risoluzione di 1024 x 768 pixel e la tecnologia IPS. La memoria RAM ammonta a 1 GB, e la batteria al litio ha la capacità di 8000 mAh, più che sufficiente per garantire degli ottimi livelli di autonomia.
 
Completano la dotazione hardware la memoria flash da 8 oppure 16 GB, le due fotocamere (entrambe con sensore da 2 Megapixel) e i moduli per la connettività senza fili Wifi b/g/n e Bluetooth 4.0. Il prezzo è stato fissato a 162 dollari, con uscita sul mercato mondiale prevista nelle prossime settimane.
 
Come già detto nel titolo della notizia, questi due tablet sono nati per contrastare la forte leadership dell'iPad 4, device che possiamo acquistare in Italia al prezzo di partenza di 499 euro IVA compresa nella versione Wifi con 16 GB di memoria.
 
La RAM ammonta a 1 GB, il processore è l'Apple A6X dual core con frequenza operativa di 1.4 Ghz, la webcam frontale è da 1.2 Megapixel, la fotocamera posteriore è da 5 Megapixel e il display touch ha la diagonale di 9.7 pollici e la risoluzione di 2048 x 1536 pixel.
 

PiPO Max M6: clone di Pad 4 in vendita a 269 dollari

E' stato da poco lanciato nel mercato asiatico, al prezzo equivalente di 269 dollari (cambio attuale), il nuovo PiPO Max M6, un tablet PC basato sul sistema operativo Android e dotato di caratteristiche tecniche molto interessanti.
 
Iniziamo parlando dello schermo: si tratta infatti di un Retina Display di tipo multi-touch capacitivo (fino a 10 punti di contatto) con diagonale di 9.7 pollici, risoluzione di 2048 x 1536 pixel, profondità di 16 milioni di colori e tecnologia IPS.
 
Sotto la scocca, realizzata in policarbonato, possiamo trovare 2 GB di memoria RAM, il processore Rockchip RK3188 quad core con frequenza operativa di 1.6 Ghz e i moduli per la connettività senza fili Bluetooth 4.0 e Wifi 802.11 b/g/n.
 

 
Se ci interessa anche la connettività 3G, perfetta per navigare sul web in completa libertà nelle zone non coperte dal Wifi, è possibile acquistare il modello con appunto il modulo 3G. In questo caso, il prezzo sale a 308 dollari.
 
Parlando della multimedialità, il dispositivo è dotato di due fotocamere: una frontale da 2 Megapixel, perfetta per le videochat in alta qualità, e una posteriore da 5 Megapixel con autofocus, flash LED e supporto alla registrazione di video in FullHD 1080p.
 
Attraverso l'uscita video mini-HDMI viene offerta la possibilità di visualizzare i contenuti multimediali sul televisore, e grazie allo slot microSD si può espandere a piacimento lo spazio d'archiviazione delle immagini e dei filmati.
 
Il sistema operativo preinstallato è Android 4.1 Jelly Bean (con aggiornamento imminente alla versione 4.2.2 Jelly Bean), e la batteria al litio da 10.000 mAh è in grado di garantire fino a 8 ore di autonomia.
 
La durata della batteria scende a circa 5 ore nel caso si utilizzi il device per i videogiochi 3D, ma si tratta comunque di un valore di tutto rispetto.
Non appena avremo maggiori notizie su una possibile disponibilità in Italia di questa nuova tavoletta digitale, ve lo faremo prontamente sapere.
 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?