iPhone registra la posizione anche con i servizi di localizzazione disabilitati

 

Secondo i risultati di un test condotto da The Wall Street Journal, iPhone continua a registrare i dati sul posizionamento anche quando i servizi di localizzazione sono disabilitati

Scritto da Maurizio Giaretta il 26/04/11 | Pubblicata in iPhone | Archivio 2011

 

Secondo i risultati di un test condotto da The Wall Street Journal, iPhone continua a registrare i dati sul posizionamento anche quando i servizi di localizzazione sono disabilitati.

I dati sarebbero raccolti in base alla prossimità delle celle e dei punti hotspot Wi-Fi.

Sembra inoltre che alcuni enti istituzionali di diversi paesi (inclusi Cora del Sud, Francia e Germania) stiano indagando sul sistema di tracciamento degli utenti da parte di Apple.

Da circa una settimana è emerso che i dispositivi iOS Apple tracciano la posizione degli utenti a insaputa di questi ultimi. Il problema da allora ha continuato a essere sulle prime pagine delle riviste specializzate e sembra ancora non essere pronto per sgonfiarsi.

Per difendere la posizione della propria azienda, Steve Jobs ieri ha risposto a un'email inviatagli dal sito MacRumors.

Domanda: "Potrebbe spiegare la necessità di uno strumento di localizzazione passiva nel mio iPhone? E' sconcertante sapere che la mia posizione sia registrata costantemente. Forse potrebbe far luce sulla questione prima che io acquisti un Droid. Quelli non mi tracciano".

Risposta: "Oh si che lo fanno. Noi non tracciamo nessuno. Le informazioni che stanno circolando a riguardo sono false".

Sembra infatti che la registrazione della posizione dell'utente non sia una prerogativa di Apple e anche gli smartphones HTC con sistema Android (come riportato in questo articolo) lo fanno.

 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?