Recensione Pocophone F1 by Xiaomi, il Top di gamma Low Cost

Recensione Pocophone F1 by Xiaomi, il Top di gamma Low Cost

Siete alla ricerca di un Top di gamma ma che abbia un prezzo contenuto? Da oggi potete contare su Pocophone F1 che per poco più di 300 euro offre praticamente la stessa dotazione Hardware e software di Smartphone da 800/900 euro! Scopriamolo insieme nella nostra recensione.

 

Scritto da , il 18/09/18

Seguici su

 
 

Pocophone F1 è senza ombra di dubbio lo Smartphone del momento in quanto offre una scheda tecnica da vero Top di gamma ad un prezzo da fascia medio-bassa, ma vale la pena acquistarlo? Scopriamolo insieme nella nostra recensione!

Iniziamo dicendo che il listino Italiano è di 329 euro per il modello da 64 GB e 399 per quello da 128 GB ma in realtà questi sono prezzi che l’azienda sta mantenendo solo negli store fisici ufficiali (entrambi vicino Milano al momento) mentre nei pochi negozi dove si trova viene proposto a 399 euro di base, Amazon compresa.

Per ovviare al problema vi basta affidarvi ad Honorbuy che spedisce ed assiste dall’Italia e vende il prodotto al seguente indirizzo a meno del listino ufficiale anche degli store fisici di Xiaomi e vi propone ulteriori 5 euro di sconto se in fase d’ordine inserite il codice sconto PIANETACELLULARE.

 
Pocophone F1
Pocophone F1
 

All’interno della confezione di vendita troviamo: lo Smartphone disponibile in diverse colorazioni, il caricatore da parete Europeo, cavo USB Type C, spilla per estrarre il vano Sim, manuali guida e cover TPU sottile.

Esteticamente è davvero molto simile ad un Mi 8 nella parte anteriore e ricercato sul retro rispetto agli ultimi Smartphone presentati dall’azienda Cinese.

Davanti troviamo un vetro antigraffio mentre tutto il resto della scocca è il policarbonato, un materiale resistente e che è stato assemblato davvero ottimamente in quanto risulta solito e privo di scricchiolii anche se, ovviamente, la sensazione al tatto non è premium come per device in vetro o metallo.

Le dimensioni generali non sono eccessive a dir la verità, l’unico aspetto da considerare è il peso di 180 grammi, nell’utilizzo di tutti i giorni ci si fa l’abitudine soprattutto se consideriamo che sotto la scocca abbiamo 4000 mAh con ricarica rapida che permettono sempre di arrivare a sera con utilizzi molto intesi superando le 6 ore di display attivo con due sim all’interno, fantastico!

Leggi anche:
 
Pocophone F1
Pocophone F1
 

Il display è un’altro punto su cui Xiaomi ha tagliato i cosi, parliamo di un pannello LED IPS da 6,18 pollici con risoluzione di 2246 x 1080 pixel, 403 pixel per pollice, aspect ratio di 18.7:9 e con notch integrato.

Mettiamo subito le cose in chiaro, non si tratta di un pannello di scarsa qualità ma la luminosità massima così come l’angolo di visione non è al pari di altri Smartphone più costosi anche se nell’utilizzo di tutti i giorni non è una cosa che noterete.

Sotto alla scocca troviamo; processore Qualcomm Snapdragon 845 Octa Core da 2,8 Ghz, GPU Adreno 530, 6 GB di memoria RAM, 64 oppure 128 GB di memoria interna espandibile via micro SD sacrificando uno dei due slot Sim nano ed addirittura un sistema di raffreddamento a liquido.

Risultato? Lo Smartphone è un fulmine sia nell’utilizzo di tutti i giorni che con i giochi più pesanti che girano sempre al massimo del dettaglio, la gestione termica è perfetta e se inizialmente pensavamo che il circuito per il raffreddamento fosse una “cafonata” ci siamo dovuti ricredere, soprattutto in queste giornate di caldo afoso dove la scocca resta sempre fresca non affaticando il lavoro del processore.

 
Pocophone F1
Pocophone F1
 

Parlando di connettività qui troviamo la banda B20 800 mHz, l’LTE, il GPS con Glonass ed il Bluetooth 5.0 con supporto all’audio aptX HD, manca l’NFC e nel nostro caso non abbiamo mai visto l’icona del 4G Plus.

Importante sottolineare che la ricezione è in tutti i casi davvero di ottimo livello, il GPS è stabile e veloce e non abbiamo avuto problemi con il Bluetooth, è invece presente il solito bug di Android Auto che ritroviamo in tutti gli Xiaomi.

L’audio in cuffia è buono e regolabile, non manca il jack da 3,5 millimetri qui, mentre dallo speaker troviamo un suono forte e chiaro al punto giusto, tra l’altro se avvicinate l’orecchio sembra riprodurre a volume bassissimo anche dalla capsula altoparlante ed infatti circolano in rete voci che parlano di un’introduzione dell’audio stereo nativa con un prossimo aggiornamento.
 
Pocophone F1
Pocophone F1
 

Il comparto fotografico è molto interessante in quanto davanti troviamo un sensore da 20 megapixel con HDR automatico e modalità ritratto mentre sul retro ritroviamo un doppio sensore da 12 megapixel f/1.9 e 5 megapixel f/2.0, c’è anche la stabilizzazione Elettronica (EIS).

Le foto scattate dallo Smartphone sono davvero interessanti per colore e dettaglio, il secondo sensore viene sfruttato per migliorare gli scatti ed utilizzare la modalità ritratto e non manca l’intelligenza artificiale che in poche parole riconosce scene e soggetti inquadrati e migliora automaticamente le impostazioni di scatto.

In generale considerando il prezzo offre prestazioni al Top, parlando di video invece arriviamo al 4K Ultra HD a 30 fps, al seguente indirizzo la galleria di test a risoluzione originale e nella recensione video a fine articolo il filmato di test.
 
Pocophone F1
Pocophone F1
 

Passando al software qui troviamo la MIUI 9 Globale con Android 8.1 al momento anche se la MIUI 10 è già disponibile in Beta ed Android 9 è in fase di test, il launcher non è quello tradizionale ma si chiama “MIUI per Poco”, potete scaricarlo e provarlo dal Play Store da qualsiasi Smartphone se volete.

In poche parole offre tutto ciò di buono che troviamo sulla MIUI tradizionale Globale con alcune aggiunte interessanti ovvero l’app drawer in stile Android Stock, un tema snellito e più pulito ma soprattutto la possibilità di utilizzare pacchetti d’icone esterni!

Importante dire che non vengono mostrate le notifiche nella parte sinistra del notch ma va abbassata la tendina per riprenderle, magari con un prossimo aggiornamento introdurranno l'opzione che al momento manca.

Tutto gira in maniera fluida, non mancano le gesture, la radio FM, le applicazioni clonate (per due Whatsapp con due Sim per esempio), lo spazio privato e la gestione di consumi e permessi avanzata.

Noi al momento siamo su software basato sulla versione 9.6.18 stabile, build che ha abilitato anche lo sblocco con il volto in Italia che sfrutta l’infrarosso per il funzionamento anche al buio ma che al momento pare sia stata ritirata per problemi non specificati, dovrebbe comunque ripartire presto il rilascio.

In conclusione va detto che questo è uno Smartphone che, volendo, ha un’occhio di riguardo anche per il modding in quanto Xiaomi ha notevolmente abbassato le ore necessarie per lo sblocco del bootloader, sono stati rilasciati i codici sorgenti e troviamo in rete già diverse ROM.

Insomma Pocophone F1 by Xiaomi non ha sicuramente un nome attraente ed una scocca in materiale pregiato ma è solido, velocissimo ed offre tutto quello che potete cercare da un Top di gamma, ne vale la pena? A questo prezzo assolutamente si!

Vi lasciamo ora alla nostra recensione video in cui potete vedere lo Smartphone in azione, come sempre vi ricordo che il prodotto è disponibile dall’Italia al seguente indirizzo con codice sconto PIANETACELLULARE per risparmiare 5 euro e vi invito ad iscrivervi al nostro canale Youtube, al nostro canale Telegram ed a seguirci su Instagram, buona visione!

Recensione Pocophone F1 by Xiaomi, il flagship killer dei flagship killer?



Condividi questa notizia

Resta aggiornato su Recensione Pocophone F1 by Xiaomi, il Top di gamma Low Cost


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?