Gboard supporta il codice Morse

Gboard supporta il codice Morse

La tastiera Morse è ora disponibile in Gboard per iOS, mentre in Gboard su Android è stata migliorata. Ecco la storia dietro questa integrazione.

 

Scritto da , il 14/07/18

Seguici su

 
 

Alla conferenza per gli sviluppatori I/O 2018 nello scorso mese di maggio Google ha annunciato di aver aggiunto l'input Morse alla tastiera predefinita di Android per migliorare l'accessibilità per le persone in tutto il mondo. Morse è ora disponibile in Gboard per iOS, mentre in Gboard su Android è stata migliorata. Per aiutare ad imparare a digitare il codice Morse, Google ha anche creato un gioco (su Android, iOS e desktop) su Chrome Experiment che può aiutare ad impararlo in meno di un'ora.

Google ha collaborato con la sviluppatrice Tania Finlayson, una esperta in tecnologia di assistenza al codice Morse, per rendere il codice Morse più accessibile. Il codice Morse è un sistema per trasmettere lettere, numeri e segni di punteggiatura per mezzo di un segnale in codice ad intermittenza ed è stato uno dei primi metodi di comunicazione a distanza.

A seguire la storia di Tania come lei stessa la ha raccontata in un post sul blog di Google. 

"Il mio nome è Tania Finlayson, e sono nata con una paralisi cerebrale. Alcuni dottori dissero ai miei genitori che probabilmente non avrei fatto nulla e gli suggerirono di farmi entrare in un istituto. Fortunatamente, i miei genitori non hanno accettato il consiglio, mi hanno cresciuta come una bambina normale e non si aspettavano niente di meno da me per tutta la mia infanzia. Dovevo finire il pranzo prima di poter mangiare il dolce, dovevo andare a letto alla giusta ora e mi sono messa nei guai (...). L'unica differenza era che non ero in grado di comunicare in modo molto efficace; fondamentalmente, potevo rispondere solo a domande "si" e "no". Quando ero abbastanza grande da leggere, ho usato una scheda di comunicazione con circa 200 parole. Ho usato un bastoncino per indicare le parole. Un paio di anni più tardi, mio ​​padre decise che dovevo provare una macchina da scrivere e premere i tasti con un archetto. Sorprendentemente, il mio vocabolario si è ampliato (...) e finalmente ho avuto la possibilità di infastidire mio padre con domande e domande sul mondo. Sono abbastanza sicura che mio padre non si è pentito, in alcun modo, di avermi fatto provare una macchina da scrivere. Ha! Diversi anni dopo, ero tra i quattro bambini scelti per partecipare ad uno studio per bambini non verbali all'Università di Washington. Lo studio è stato condotto da Al Ross, che ha scritto una sovvenzione per la creazione di un comunicatore di codice Morse per bambini disabili. Il codice Morse, che è un sistema di comunicazione che risale al 1800, ci ha permesso di compitare parole e comunicare semplicemente usando due pulsanti: un punto '.' E un trattino '-'. Il dispositivo era rivoluzionario. Convertiva il mio codice Morse in lettere, poi parlava ad alta voce in inglese e aveva integrata una piccola stampante. Potevo attivare una luce per 'alzare la mano in classe'. All'inizio pensavo che l'apprendimento del codice Morse sarebbe stato una perdita di tempo, ma presto ho imparato che mi dava una totale libertà con le mie parole e, per la prima volta, potevo parlare con facilità. La scuola è diventata divertente, invece di estenuante. Potevo concentrarmi sui miei studi e avere vere conversazioni con i miei amici per la prima volta. Inoltre, non avevo bisogno di una figura adulta con me ogni momento a scuola, ed è stato fantastico".

 
Codice morse in Gboard
Codice morse in Gboard
 
Leggi anche:

L'esperienza di Tania con il comunicatore del codice Morse la ha portata ad intraprendere una partnership con Google per portare il codice Morse in Gboard. Lavorando a stretto contatto con il team di Google, Tania ha aiutato a progettare il layout della tastiera in formato Morse, aggiunto sequenze Morse alla striscia dei suggerimenti automatici sopra la tastiera e ha sviluppato impostazioni che consentono alle persone di personalizzare la tastiera in base alle proprie esigenze specifiche.

La tastiera con codice Morse su Gboard consente alle persone di utilizzare il codice Morse (punti e trattini) per inserire il testo, invece di usare la normale tastiera qwerty. Gboard per Android consente di collegare dispositivi esterni al dispositivo, quindi una persona con mobilità limitata potrebbe utilizzare anche questi.

"Sono entusiasta di vedere che cosa costruiranno le persone grazie al codice Morse: che si tratti di una tastiera come Gboard, un gioco o un'app educativa, le possibilità sono infinite. La maggior parte della tecnologia oggi è progettata per il mercato di massa. Sfortunatamente, questo può significare che le persone con disabilità possono essere lasciate indietro. Sviluppare strumenti di comunicazione come questo è importante, perché per molte persone rende semplicemente la vita vivibile. Ora, se qualcuno vuole provare il codice Morse, può usare il telefono che ha in tasca. Semplicemente scaricando un'app, chiunque può provare a comunicare con il codice Morse".

"Quando sono stata in grado di comunicare da bambina, la prima sensazione che ho avuto è stata 'Wow! Questo è abbastanza avanti!' La prima cosa che ho digitato era 'Sei un vecchio scorreggiatore, papà!', quella fu la prima volta che lo vidi ridere con le lacrime agli occhi; non so ancora se l'ho fatto ridere davvero o se l'ho reso davvero triste! Probabilmente un po' entrambe le cose".

E' possible trovare il codice morse in Gboard per iOS e Android scaricando l'app dagli store di Apple e Google.

La storia di Tania Finlayson, esperta in tecnologia di assistenza al codice Morse



Condividi questa notizia

Resta aggiornato su Gboard supporta il codice Morse


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?