Google compra Fitbit: Acquisizione Approvata dalla Commissione EU

Google compra Fitbit: Acquisizione Approvata dalla Commissione EU

L'acquisizione di Fitbit da parte di Google è confermata, con l'azienda di Mountain View che dovrà però rispettare un pacchetto di impegni per almeno dieci anni, nel rispetto della privacy degli utenti e della sicurezza dei loro dati.

 

Scritto da il 22/12/20 | Pubblicato in Google | Fitbit | acquisizioni | Archivio 2020

Seguici su

 
 

La Commissione Europea ha approvato, ai sensi dell'EU Merger Regulation, l'acquisizione di Fitbit da parte di Google. L'approvazione è subordinata al pieno rispetto di un pacchetto di impegni da parte di Google. Andiamo a scoprire tutto quanto.

Il vicepresidente esecutivo Margrethe Vestager, responsabile della politica sulla concorrenza in Europa, ha dichiarato: "Possiamo approvare la proposta di acquisizione di Fitbit da parte di Google perché gli impegni garantiranno che il mercato dei dispositivi indossabili e il nascente spazio della salute digitale rimarranno aperti e competitivi. Gli impegni determineranno come Google potrà utilizzare i dati raccolti per scopi pubblicitari, come sarà salvaguardata l'interoperabilità tra dispositivi indossabili concorrenti e Android e come gli utenti potranno continuare a condividere dati su salute e fitness, se lo desiderano."

La decisione della Commissione UE segue una indagine approfondita sul piano di acquisizione annunciato nel Novembre 2019 destinato a combinare le attività complementari di Google e Fitbit. Fitbit ha una quota di mercato limitata in Europa nel segmento degli smartwatch in rapida crescita in cui sono presenti molti concorrenti più grandi, come Apple, Garmin e Samsung. "L'acquisizione proposta porterà a sovrapposizioni orizzontali molto limitate tra le attività di Google e Fitbit" si legge nella nota della Commissione UE, la cui indagine si è concentrata sui dati raccolti tramite i dispositivi indossabili Fitbit e sull'interoperabilità dei dispositivi indossabili con il sistema operativo Android di Google per smartphone.

Leggi anche:
Leggi anche:
Leggi anche: Fitbit fa parte della famiglia Google: acquisizione completata

L'indagine

Durante la sua indagine approfondita, la Commissione ha raccolto ampie informazioni e feedback dai concorrenti delle società partecipanti alla fusione, Fitbit e Google, nonché da vari altri partecipanti al mercato di riferimento e parti interessate. La Commissione ha anche lavorato in stretta collaborazione con le autorità garanti della concorrenza di tutto il mondo, nonché con il comitato europeo per la protezione dei dati.

L'indagine è nata dalle preoccupazioni della Commissione che l'operazione, come inizialmente notificata, avrebbe danneggiato la concorrenza in diversi mercati. In particolare, queste erano le preoccupazioni emerse:

Pubblicità: acquisendo Fitbit, Google acquisirà (i) il database gestito da Fitbit con i dati sulla salute e la forma fisica dei suoi utenti; e (ii) la tecnologia per sviluppare un database simile a quello di Fitbit. Aumentando la già vasta quantità di dati che Google potrebbe utilizzare per la personalizzazione degli annunci, sarebbe più difficile per i concorrenti abbinare i servizi di Google nei mercati della pubblicità associata alla ricerca online, della pubblicità display online e dell'intero ecosistema "ad tech". La transazione creerebbe quindi barriere all'ingresso di nuovi concorrenti e all'espansione per i concorrenti esistenti di Google per questi servizi a scapito degli inserzionisti, che si troverebbero a dover pagare prezzi più alti e avere meno scelta per raggiungere i loro potenziali clienti.

Accesso alla Web Application Programming Interface ('API') nel mercato dell'assistenza sanitaria digitale: numerosi attori in questo mercato attualmente accedono ai dati su salute e fitness forniti da Fitbit tramite un'API Web, al fine di fornire servizi agli utenti Fitbit e ottenere il loro dati in cambio. La Commissione ha rilevato che, in seguito alla transazione, Google potrebbe limitare l'accesso dei concorrenti all'API Web di Fitbit. Una simile strategia andrebbe soprattutto a scapito delle start-up nel nascente spazio europeo della sanità digitale.

Dispositivi indossabili da polso: la Commissione teme che a seguito della transazione Google possa svantaggiare i produttori concorrenti di dispositivi indossabili da polso degradando la loro interoperabilità con gli smartphone Android.

Alcuni operatori di mercato che ritengono che Google abbia già una presenza significativa nel settore della sanità digitale hanno espresso la preoccupazione che Google possa ottenere un vantaggio competitivo in questo settore combinando i database di Google e Fitbit al punto che i concorrenti non sarebbero più in grado di competere. L'indagine approfondita della Commissione non ha confermato tali preoccupazioni perché "il settore della sanità digitale è ancora nascente in Europa con molti attori attivi in ​​questo spazio". Inoltre, "Fitbit ha una comunità di utenti limitata nel segmento degli smartwatch in rapida crescita". Altri partecipanti al mercato hanno sollevato una preoccupazione per la privacy indicando che "sarebbe sempre più difficile per gli utenti sapere per cosa potrebbero essere utilizzati i loro dati sanitari". Dall'indagine della Commissione è emerso che "Google dovrà garantire il rispetto delle disposizioni e dei principi del GDPR, che prevede che il trattamento dei dati personali relativi alla salute sia vietato, a meno che la persona non abbia dato esplicito consenso". Tali preoccupazioni non rientrano nell'ambito di competenza del controllo della fusione e vi sono strumenti normativi specifici per affrontarle.

I rimedi proposti: gli impegni che Google dovra' rispettare

Per affrontare i problemi di concorrenza della Commissione, Google ha offerto i seguenti impegni.

Impegno per gli annunci:
Google non utilizzerà per Google Ads i dati sulla salute e il benessere raccolti da dispositivi indossabili da polso e altri dispositivi Fitbit degli utenti nello Spazio Economico Europeo ("SEE"), inclusi la pubblicità associata alla ricerca, la pubblicità display e i prodotti di intermediazione pubblicitaria. Questo si riferisce anche ai dati raccolti tramite sensori (incluso il GPS) e ai dati inseriti manualmente dagli utenti. Inoltre, Google manterrà una separazione tecnica dei dati utente Fitbit pertinenti: i dati verranno archiviati separatamente rispetto a qualsiasi altro dato di Google utilizzato per la pubblicità. Infine, Google garantirà che gli utenti dello SEE abbiano la possibilità di concedere o negare l'utilizzo dei dati sulla salute e sul benessere memorizzati nel proprio account Google o nell'account Fitbit da altri servizi Google (come Ricerca Google, Google Maps, Assistente Google e YouTube).

Impegno per l'accesso all'API Web Fitbit:
Google manterrà l'accesso ai dati di salute e forma fisica degli utenti alle applicazioni software tramite l'API Web Fitbit, senza addebiti per l'accesso e soggetto al consenso dell'utente.

Impegno per le API Android:
Google continuerà a concedere in licenza gratuitamente ai produttori di apparecchiature originali (OEM) Android quelle API pubbliche che coprono tutte le funzionalità di base attuali di cui i dispositivi indossabili da polso hanno bisogno per interagire con uno smartphone Android. Tali funzionalità principali includono, ma non sono limitate a, la connessione tramite Bluetooth ad uno smartphone Android, l'accesso alla fotocamera dello smartphone o al suo GPS. Per garantire che questo impegno sia a prova di futuro, sono inclusi anche eventuali miglioramenti di tali funzionalità e aggiornamenti pertinenti.

Non è possibile per Google aggirare l'impegno dell'API Android duplicando le API di interoperabilità principali al di fuori dell'Android Open Source Project (AOSP). Questo perché, in base agli impegni, Google deve mantenere le funzionalità offerte dalle API di interoperabilità principali, inclusi eventuali miglioramenti relativi alle funzionalità, nel codice open source in futuro. Eventuali miglioramenti alle funzionalità di queste API di interoperabilità di base (anche se mai fossero rese disponibili a Fitbit tramite un'API privata) devono essere sviluppati in AOSP e offerti in codice open source ai concorrenti di Fitbit.

Per garantire che gli OEM di dispositivi indossabili abbiano accesso anche alle funzionalità future, Google concederà a questi OEM l'accesso a tutte le API Android che renderà disponibili agli sviluppatori di app per smartphone Android, comprese quelle che fanno parte di Google Mobile Services (GMS), una raccolta di app Google proprietarie che non fanno parte del progetto Android Open Source.

Google inoltre non eluderà l'impegno dell'API Android degradando l'esperienza degli utenti con dispositivi indossati da polso di terze parti attraverso la visualizzazione di avvisi, messaggi di errore o richieste di autorizzazione in modo discriminatorio o imponendo ai dispositivi indossati dal polso condizioni discriminatorie degli OEM sull'accesso alla loro app complementare nel Google Play Store.

La durata degli impegni è di dieci anni. A causa della posizione radicata di Google nel mercato della pubblicità online, la Commissione può decidere di prolungare la durata dell'Impegno per gli annunci fino a ulteriori dieci anni, giustificando la necessità di tale proroga.

Un fiduciario, che dovrà essere nominato prima della conclusione dell'accordo, monitorerà l'attuazione degli impegni. Per adempiere ai suoi doveri, il fiduciario avrà competenze di vasta portata.

Leggi anche:
Leggi anche:

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria