Spotify contro Apple su come gestisce l'App Store, Cupertino risponde

Spotify contro Apple su come gestisce l'App Store, Cupertino risponde

Spotify non ci sta a dover pagare a Apple una tassa sulle transizioni effettuate nella sua app per iOS, tra le altre cose, cosa che obbligherebbe a gonfiare il prezzo dell'abbonamento Premium ben al di sopra del prezzo del concorrente Apple Music. Cupertino ha prontamente risposto con giuste osservazioni.

 

Scritto da , il 15/03/19

Seguici su

 
 

Spotify, il servizio di musica in streaming piu' diffuso al mondo, ha presentato, dopo "un'attenta considerazione", un reclamo contro Apple alla Commissione europea (CE), l'organismo di regolamentazione responsabile della concorrenza leale e non discriminatoria, accusando la società di Cupertino di avere, negli ultimi anni, introdotto regole nel suo App Store che "limitano di proposito la scelta e soffocano l'innovazione a spese dell'esperienza dell'utente, agendo essenzialmente sia come giocatore che come arbitro per svantaggiare deliberatamente gli altri sviluppatori di app". Dopo aver tentato senza successo di risolvere i problemi direttamente con Apple, Spotify ha chiesto che sia la CE ad agire per "garantire una concorrenza leale". Pochi giorni piu' tardi, Apple ha risposto a Spotify, e qui sotto trovate le considerazioni fatte dalla società di Cupertino.

"Il mio obiettivo per Spotify è ed è sempre stato quello di re-immaginare l'esperienza audio dando ai consumatori la migliore creatività e innovazione che abbiamo da offrire" ha dichiarato Daniel Ek, CEO e co-fondatore di Spotify, in una lettera pubblicata sul blog di Spotify. "Perché ciò sia una realtà, è mia ferma convinzione che aziende come la nostra debbano operare in un ecosistema in cui la concorrenza leale non sia solo incoraggiata, ma garantita" ha spiegato Ek.

Ek nota che Apple gestisce una piattaforma che, per oltre un miliardo di persone in tutto il mondo, "è la porta di accesso a Internet". Apple è proprietaria della piattaforma iOS e dell'App Store e concorrente di servizi come Spotify, avendo lanciato nel 2015 un suo servizio di musica in streaming, Apple Music. Questo "in teoria, va bene" per Ek, ma "nel caso di Apple, continua a darsi un vantaggio ingiusto ogni volta che puo'".

Per illustrare ciò che intende, Ek ha condiviso cosa in particolare non gli sta bene del comportamento di Apple. Prima cosa, Apple richiede che Spotify e altri servizi digitali - tra cui Netflix -  paghino una tassa del 30% sugli acquisti effettuati tramite il sistema di pagamento di Apple, anche quando gli utenti di Spotify Free - che non pagano - si aggiornano al servizio Spotify Premium. "Se paghiamo questa tassa, ci obbligherebbe a gonfiare artificialmente il prezzo del nostro abbonamento Premium ben al di sopra del prezzo di Apple Music" ha spiegato Ek, il che ha un senso: se Spotify Premium costa 9,99 dollari, ma 2,99 dollari di questi Spotify devono essere dati a Apple, Spotify dovrebbe offrire l'abbonamento Premium al costo di 12,99 dollari per far tornare i conti. "E per mantenere il nostro prezzo competitivo per i nostri clienti, non è qualcosa che possiamo fare" ha detto Ek.

Spotify da un po' di tempo ha quindi deciso di non utilizzare il sistema di pagamento di Apple, invitando gli utenti a sottoscrivere un abbonamento attraverso il suo sito web, quindi semplicemente di loggarsi con l'abbonamento Premium attivo all'interno dell'applicazione Spotify per iOS. Tuttavia, ha notato Ek, Apple applica una serie di restrizioni tecniche e limitanti l'esperienza su Spotify. Ad esempio, limita la comunicazione tra Spotify con i clienti, anche oltre l'app. In alcuni casi, Spotify ha detto di non essere nemmeno autorizzata ad inviare e-mail ai suoi clienti che utilizzano un dispositivo Apple. Ek ha notato, inoltre, che Apple blocca regolarmente gli aggiornamenti dell'app Spotify per iOS che vengono rilasciati per migliorare l'esperienza di uso del servizio. E' stato anche bloccato Spotify (e altri servizi concorrenti) da servizi Apple come Siri, HomePod e Apple Watch.

"Non stiamo cercando un trattamento speciale" nota Ek. "Vogliamo semplicemente lo stesso trattamento di numerose altre app sull'App Store, come Uber o Deliveroo, che non sono soggette alla tassa Apple e quindi non hanno le stesse restrizioni. (...) Vorrei essere chiaro che questo non è un problema di Spotify contro Apple. Vogliamo le stesse regole eque per le aziende giovani e meno giovani, grandi e piccole. Si tratta di sostenere e coltivare l'ecosistema sano che ha reso le nostre due società un successo".

Quello che Spotify chiede è quanto segue:
"Innanzitutto, le app devono essere in grado di competere in modo equo nel merito e non in base a chi possiede l'App Store. Dovremmo essere tutti soggetti allo stesso insieme di regole e restrizioni, inclusa Apple Music. In secondo luogo, i consumatori dovrebbero avere una vera scelta di sistemi di pagamento e non essere 'bloccati' o costretti ad utilizzare sistemi con tariffe discriminatorie come quella di Apple. Infine, gli app store non dovrebbero essere autorizzati a controllare le comunicazioni tra i servizi e gli utenti, inclusa l'introduzione di restrizioni sleali al marketing e promozioni a vantaggio dei consumatori". 

Apple risponde a Spotify

Il 14 marzo 2019, Apple ha rilasciato un lungo comunicato stampa in cui risponde alle accusa di Spotify, ecco tradotte le considerazioni fatte dalla società di Cupertino.

"Crediamo che la tecnologia raggiunga il suo vero potenziale quando la infondiamo con la creatività e l'ingegno umano. Fin dai nostri primi giorni, abbiamo costruito i nostri dispositivi, software e servizi per aiutare artisti, musicisti, creatori e visionari a fare ciò che sanno fare meglio. Sedici anni fa, abbiamo lanciato iTunes Store con l'idea che ci dovrebbe essere un luogo affidabile in cui gli utenti scoprono e acquistano musica eccezionale e ogni creatore è trattato in modo equo. Il risultato ha rivoluzionato l'industria musicale, e il nostro amore per la musica e le persone che lo fanno sono profondamente radicati in Apple.

Undici anni fa, l'App Store ha portato la stessa passione per la creatività alle app mobili. Nel decennio successivo, l'App Store ha contribuito a creare milioni di posti di lavoro, generato oltre 120 miliardi di dollari per gli sviluppatori e creato nuovi settori attraverso le attività avviate e sviluppate interamente nell'ecosistema di App Store.

Essenzialmente, l'App Store è una piattaforma sicura in cui gli utenti possono avere fiducia nelle app che scoprono e nelle transazioni che effettuano. E gli sviluppatori, dagli ingegneri alle prime armi alle aziende più grandi, possono stare tranquilli che tutti stanno giocando secondo lo stesso insieme di regole.

Ecco come dovrebbe essere. Vogliamo che crescano altre aziende di app, comprese quelle che competono con alcuni aspetti della nostra attività, perché ci spingono a migliorare.

Ciò che Spotify sta richiedendo è qualcosa di molto diverso. Dopo aver utilizzato l'App Store per anni per far crescere in modo esponenziale la propria attività, Spotify cerca di mantenere tutti i vantaggi dell'ecosistema di App Store - inclusi i notevoli guadagni che attingono dai clienti dell'App Store - senza apportare alcun contributo a quel mercato. Allo stesso tempo, distribuiscono la musica che ami apportando contributi sempre più piccoli agli artisti, ai musicisti e ai cantautori che la creano, arrivando persino a portare questi autori in tribunale.
Spotify ha tutto il diritto di determinare il proprio modello di business, ma sentiamo l'obbligo di rispondere quando Spotify mette le sue motivazioni finanziarie nella retorica fuorviante su chi siamo, cosa abbiamo costruito e cosa facciamo per supportare sviluppatori indipendenti, musicisti, cantautori e creatori di tutti i tipi".


Apple ha quindi voluto affrontare alcuni punti chiave.

Sull'affermazione di Spotify che Apple gli sta bloccando accesso a prodotti e gli aggiornamenti alla sua app, Apple risponde:
"Cancelliamo subito questo. Abbiamo approvato e distribuito circa 200 aggiornamenti di app per conto di Spotify, ottenendo oltre 300 milioni di copie scaricate dell'app Spotify. L'unica volta che abbiamo richiesto le modifiche è quando Spotify ha cercato di aggirare le stesse regole seguite da ogni altra app. Abbiamo lavorato frequentemente con Spotify per aiutarli a portare il loro servizio su più dispositivi e piattaforme:

- Quando abbiamo contattato Spotify a proposito del supporto di Siri e AirPlay 2 in diverse occasioni, ci hanno detto che ci stanno lavorando e siamo pronti ad aiutarli dove possiamo.
- Spotify è profondamente integrato in piattaforme come CarPlay e ha accesso agli stessi strumenti di sviluppo dell'app e alle risorse di qualsiasi altro sviluppatore
- Abbiamo trovato le affermazioni di Spotify su Apple Watch particolarmente sorprendenti. Quando Spotify ha presentato l'app per Apple Watch nel settembre 2018, l'abbiamo esaminata e approvata con lo stesso processo e la stessa velocità per qualsiasi altra app. In effetti, l'app Spotify Watch è attualmente l'app numero 1 nella categoria Watch Music.

Spotify è libera di creare app per - e competere con - i nostri prodotti e piattaforme, e speriamo che lo facciano".

Apple ha poi detto che Spotify vuole tutti i vantaggi di un'app gratuita senza essere gratuita:
"Un pieno 84 percento delle app nell'App Store non paga nulla ad Apple quando gli utenti scaricano o usano l'app. Questa non è discriminazione, come afferma Spotify, è questione di stile:
- Le app agli utenti gratuite non vengono fatturate da Apple.
- Le app che generano entrate esclusivamente attraverso la pubblicità, ad esempio alcuni giochi gratuiti, non vengono fatturate da Apple.
- Le transazioni commerciali delle app in cui gli utenti si iscrivono o acquistano beni digitali al di fuori dell'applicazione non vengono fatturate da Apple.
- Le app che vendono beni fisici, tra cui servizi di guida e di consegna cibo, per citarne alcuni, non sono fatturate da Apple.
L'unico contributo che Apple richiede è per beni e servizi digitali acquistati all'interno dell'app utilizzando il nostro sistema di acquisto in-app sicuro. Come sottolinea Spotify, quella quota di compartecipazione alle entrate è del 30 percento per il primo anno di un abbonamento annuale, ma ha omesso che scende al 15 percento negli anni successivi".

Ci sono altre questioni, secondo Apple, non menzionate da Spotify su come funziona il suo business:

"La maggior parte dei clienti utilizza il suo prodotto gratuito, supportato dalla pubblicità, che non fornisce alcun contributo all'App Store. Una parte significativa dei clienti di Spotify proviene da partnership con operatori di telefonia mobile. Ciò non genera alcun contributo all'App Store, ma richiede a Spotify il pagamento di una simile commissione di distribuzione a rivenditori e operatori. Solo una piccola parte degli abbonamenti di Spotify rientra nel modello di condivisione delle entrate di Apple. Spotify chiede che il numero sia zero".

E Apple prosegue:
"Parliamoci chiaro di cosa significa. Apple collega Spotify agli utenti. Forniamo la piattaforma con cui gli utenti scaricano e aggiornano la loro app. Condividiamo strumenti di sviluppo software critici per supportare la creazione di app come Spotify. E abbiamo creato un sistema di pagamento sicuro, non una piccola impresa, che consente agli utenti di avere fiducia nelle transazioni in-app. Spotify sta chiedendo di mantenere tutti questi vantaggi pur mantenendo il 100% delle entrate.
Spotify non sarebbe il business che è oggi senza l'ecosistema di App Store, ma ora stanno sfruttando la loro scala per evitare di contribuire a mantenere quell'ecosistema per la prossima generazione di imprenditori di app. Pensiamo che sia sbagliato."

Apple dice che Spotify vuole guadagnare di più dal lavoro degli altri:
"Condividiamo l'amore per la musica di Spotify e la loro visione di condividerla con il mondo. Dove differiamo è come raggiungono quell'obiettivo. Sotto la retorica, l'obiettivo di Spotify è quello di guadagnare di più dal lavoro degli altri. E non è solo l'App Store che stanno cercando di spremere: sono anche artisti, musicisti e cantautori.
Proprio questa settimana, Spotify ha citato i creatori di musica dopo che una decisione del Copyright Royalty Board degli Stati Uniti ha richiesto a Spotify di aumentare i pagamenti delle royalty. Questo non è solo sbagliato, rappresenta un passo indietro reale, significativo e dannoso per l'industria musicale.
L'approccio di Apple è sempre stato quello di far crescere la torta. Creando nuovi mercati, possiamo creare più opportunità non solo per il nostro business, ma per artisti, creatori, imprenditori e ogni 'pazzo' con una grande idea. Questo è nel nostro DNA, è il modello giusto per far crescere le prossime grandi idee per le app e, in definitiva, è meglio per i clienti."

Apple non si è inventata nulla di non vero, da anni Spotify viene accusata dagli artisti e industrie musicali di pagare poche royalty.

In conclusione, Apple dice:
"Siamo orgogliosi del lavoro che abbiamo svolto per aiutare Spotify a creare un business di successo raggiungendo centinaia di milioni di amanti della musica, e auguriamo loro un successo continuo - dopo tutto, questo è stato il punto fondamentale della creazione di App Store in primo luogo". 

Condividi questa notizia

Resta aggiornato su Spotify contro Apple su come gestisce l'App Store, Cupertino risponde


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?