Apple aggiorna il sistema AirTag, anche per ridurre i tracciamenti indesiderati quando non servono

Apple aggiorna il sistema AirTag, anche per ridurre i tracciamenti indesiderati quando non servono

Nuovi avvisi sulla privacy durante la configurazione di AirTag, risposta ai problemi relativi agli avvisi per gli AirPods e documentazione di supporto aggiornata tra i miglioramenti in arrivo da Apple per AirTag e la rete Dov'è.

 

Scritto da il 21/02/22 | Pubblicato in Apple AirTag | aggiornamenti Apple | | Archivio 2022

Seguici su

 
 

AirTag è l'accessorio di Apple che consente di tenere traccia di oggetti personali come chiavi, portafoglio, borsa, zaino, bagagli e altro tramite l'app Dov'è. Dal lancio di AirTag lo scorso anno, Apple ha ricevuto dagli utenti feedback di ringraziamenti per far sapere all'azienda che questo prodotto è stato per loro determinante nel riunirli con le cose per loro importanti, cose che senza di esso avrebbero potuto perdere. Grazie ad AirTag e all'app Dov’è, ad esempio, una persona che ha perso il portafogli in metropolitana è stato in grado di rintracciarlo in una stazione dall'altra parte della città, mentre un AirTag posizionato all'interno di un kit medico contenente una medicina fondamentale ha permesso ad un genitore di trovarlo dopo che suo figlio lo ha perso sull'autobus. Apple ha però anche ricevuto segnalazioni di malintenzionati che tentano di utilizzare in modo improprio AirTag per scopi dannosi o addirittura criminali. Apple si è altresì resa conto che gli utenti potrebbero ricevere avvisi di tracciamento indesiderati anche quando non ce n’è motivo, ad esempio quando prendono in prestito le chiavi di qualcun altro con un AirTag collegato o quando usano l'auto di famiglia in cui un altro membro ha dimenticato i propri AirPods. Apple, in seguito a valutazioni interne e al lavoro fatto a stretto contatto con vari gruppi di sicurezza e forze dell'ordine, ha lavorato negli ultimi mesi per identificare modi in cui poter aggiornare gli avvisi di sicurezza di AirTag e aiutare a prevenire i tracciamenti indesiderati.

Apple ha spiegato in più occasioni di aver progettato AirTag per aiutare le persone a localizzare i propri effetti personali, non per rintracciare le persone o la proprietà di un'altra persona e quindi l'azienda "condanna nei termini più rigorosi possibile qualsiasi uso dannoso" dei suoi prodotti. "Il monitoraggio indesiderato è stato a lungo un problema della società e abbiamo preso sul serio questa preoccupazione nella progettazione di AirTag. È per questo che la rete Dov’è è progettata pensando alla privacy, utilizza la crittografia end-to-end e perché abbiamo innovato con il primo sistema proattivo in assoluto per avvisarti di tracciamenti indesiderati. Ci auguriamo che questo avvii una tendenza del settore affinché altri forniscano questo tipo di avvisi proattivi nei loro prodotti" ha spiegato Apple.

Il lavoro di Apple con le forze dell'ordine per migliorare AirTag.
Apple ha lavorato attivamente con le forze dell'ordine su tutte le richieste relative ad AirTag che ha ricevuto. Sulla base delle conoscenze dell'azienda di Cupertino e delle sue discussioni con le forze dell'ordine, è emerso che incidenti per uso improprio di AirTag sono rari. Nonostante questo, Apple ritiene che anche un solo caso sia troppo. Ogni AirTag ha un numero di serie univoco e gli AirTag associati sono associati a un ID Apple. Apple può fornire i dettagli dell'account accoppiato in risposta a una citazione o a una richiesta valida delle forze dell'ordine. Apple ha collaborato con le autorità con successo nei casi in cui le informazioni che l'azienda ha fornito sono state utilizzate per risalire a un AirTag fino all'autore, che è stato quindi arrestato e accusato. Le forze dell'ordine hanno condiviso il loro apprezzamento per l'assistenza che Apple ha fornito nell'aiutarli a trovare la fonte del tracciamento indesiderato. Dopo aver identificato miglioramenti che può apportare alle informazioni che condivide e alle risorse educative che offre, ha previsto di aggiornare la propria documentazione relativa al rapporto con le forze dell’ordine (qui accessibile: www.apple.com/legal/transparency/government-information.html).

Tra gli aggiornamenti principali che Apple ha intenzione di introdurre:

Nuovi avvisi sulla privacy durante la configurazione di AirTag:
in un prossimo aggiornamento software, ogni utente che configura il proprio AirTag per la prima volta vedrà un messaggio che afferma chiaramente che AirTag ha lo scopo di tracciare i propri effetti personali, che l'utilizzo di AirTag per tracciare le persone senza consenso è un criminalità in molte regioni del mondo, che AirTag è progettato per essere rilevato dalle vittime e che le forze dell'ordine possono richiedere informazioni identificative sul proprietario dell'AirTag.

Risoluzione dei problemi relativi agli avvisi per AirPods:
in seguito ai feedback ricevuti da utenti che hanno segnalato di aver ricevuto avvisi come "Accessorio sconosciuto rilevato", Apple ha confermato che questo avviso non verrà visualizzato se viene rilevato un AirTag nelle vicinanze: solo per AirPods (3a generazione), AirPods Pro, AirPods Max o un accessorio di terze parti nella rete Dov’è. Nello stesso aggiornamento software, Apple aggiornerà l'avviso che gli utenti ricevono per indicare il riferimento a "AirPods" anzichè di "Accessorio sconosciuto".

Documentazione di supporto aggiornata:
Apple sta già aggiornando la pagina di supporto per il monitoraggio indesiderato (su support.apple.com/it-it/HT212227) per comunicare le funzionalità di sicurezza integrate negli accessori di rete AirTag, AirPods e Dov’è. Questa pagina ora include ulteriori spiegazioni su quali accessori della rete Dov’è potrebbero attivare un avviso di tracciamento indesiderato, più elementi visivi per fornire esempi specifici di tali avvisi e informazioni aggiornate su cosa fare dopo aver ricevuto un avviso, comprese le istruzioni per disabilitare un AirTag, AirPods o accessorio della rete Dov’è. Ci sono anche collegamenti a risorse che le persone possono utilizzare se ritengono che la loro sicurezza sia a rischio, come il National Network to End Domestic Violence (rete nazionale per porre fine alla violenza domestica) e il National Center for Victims of Crime (centro nazionale per le vittime di crimini).

Tra gli aggiornamenti che Apple sta esaminando di introdurre entro la fine dell'anno:

Posizione precisa:
consente ai destinatari di un avviso di tracciamento indesiderato di individuare con precisione un AirTag sconosciuto. Gli utenti di iPhone 11, iPhone 12 e iPhone 13 potranno utilizzare la ricerca di precisione per vedere la distanza e la direzione di un AirTag sconosciuto quando il dispositivo si trova nel raggio d'azione. Mentre la persona con l'iPhone si sposta, Precision Finding combina i dati dalla fotocamera, di ARKit, dall'accelerometro e dal giroscopio per guidare verso l'AirTag attraverso feedback di suoni, tattili e visivi.

Visualizzazione di un avviso con suono:
quando AirTag emette automaticamente un suono per avvisare qualcuno nelle vicinanze della presenza di esso e l’iPhone, iPad o iPod touch dell’utente rileva che sta seguendo lo stesso percorso, verrà mostrato anche un avviso sul dispositivo dell’utente, che potrà eseguire un’azione direttamente da qui, per esempio riprodurre un suono o usare la funzione “Posizione precisa”, se disponibile. Potrebbe tornare utile nei casi in cui l’AirTag si trova in una posizione in cui è difficile sentirlo o se l’altoparlante dell’AirTag è stato manomesso.

Perfezionamento della logica di avviso di dei tracciamenti indesiderati:
Apple ha in programma di aggiornare il suo sistema di avviso dei tracciamenti indesiderati - che utilizza una logica sofisticata per determinare il modo in cui avvisa gli utenti - per avvisare in anticipo gli utenti che un AirTag sconosciuto o un accessorio della rete Dov’è potrebbe seguire lo stesso percorso.

Ottimizzazione del suono di AirTag:
Attualmente, gli utenti iOS che ricevono un avviso di tracciamento indesiderato possono riprodurre un suono per aiutarli a trovare l'AirTag sconosciuto. Apple prevede di cambiare la sequenza dei toni per utilizzare più toni più forti per rendere più facilmente trovabile un AirTag sconosciuto.