WhatsApp Payments, lo scambio denaro presto in altri paesi oltre l'India

WhatsApp Payments, lo scambio denaro presto in altri paesi oltre l'India

WhatsApp sta continuando a testare il supporto per i pagamenti peer-to-peer nella sua applicazione di messaggistica in India con l'obiettivo, entro sei mesi, di espanderlo in piu' paesi.

 

Scritto da il 30/01/20 | Pubblicato in WhatsApp | | | Archivio 2020

Seguici su

 
 

Facebook sta preparando il supporto per consentire agli utenti di scambiarsi denaro tramite la sua applicazione di messaggistica Whatsapp da circa quattro anni.

Nel mese di Febbraio 2018, in India, SONO iniziati i primi test  di Whatsapp Payments (abbreviabile in 'Whatsapp Pay') con un gruppo di circa un milione di utenti ma da allora non ci sono state piu' informazioni circa l'espansione a livello globale. In India, la funzionalità viene basata su UPI (Unified Payments Interface), un sistema digitale di pagamento sostenuto dal governo. Ora, in un post condiviso il 29 gennaio 2020 tramite il suo profilo Facebook nel quale ha commentato i risultati finanziari della sua società relativi all'ultimo trimestre del 2019, il fondatore e CEO di Facebook Mark Zuckerberg ha dichiarato che il commercio e i pagamenti sono un'altra area che sarà importante per tutte le app di Facebook, inclusa Instagram. L'obiettivo è di garantire che "ogni singolo imprenditore di piccole imprese là fuori abbia le stesse opportunità e l'accesso allo stesso tipo di strumenti sofisticati a cui storicamente solo le grandi aziende hanno avuto accesso. Questo è ciò che rappresentiamo: mettere il potere nelle mani degli individui".

Con Whatsapp Payments gli utenti saranno in grado di "inviare denaro in modo rapidamente e semplicemente come inviare una foto" ha promesso Zuckerberg, ricordando che Facebook ha ottenuto l'approvazione per testarlo con un milione di persone in India nel 2018. In questi quasi due anni, sempre piu' persone hanno continuato ad usare settimana dopo settimana questo strumento di scambio di denaro, da qui la decisione di iniziare espandere Whatsapp Payments "in diversi paesi" nei prossimi mesi, con l'obiettivo di "fare molti progressi nei prossimi sei mesi" ha detto Zuckerberg.

Oltre a WhatsApp Payments, Facebook sta lavorando a diversi altri sforzi per aiutare a facilitare più scambi di denaro, dal marketplace di Facebook allo shopping su Instagram, allo sviluppo di Facebook Pay e della moneta virtuale Libra.

Lo spazio dei pagamenti elettronici "è così grande ed è importante per dare potere alle persone, quindi stiamo adottando una serie di approcci diversi che vanno dalle persone che acquistano e vendono direttamente alle aziende che creano vetrine per le persone che interagiscono con le loro imprese direttamente attraverso la messaggistica, e una serie di cose sui pagamenti vanno dall'uso di sistemi nazionali esistenti come l'UCI in India alla creazione di nuovi sistemi globali" ha aggiunto Zuckerberg.

"Avere successo nelle piccole imprese non è solo la chiave per creare un'ampia crescita economica in cui tutti possano sostenersi" ha detto il fondatore di Facebook, secondo cui "è anche importante mantenere comunità sane poiché le piccole imprese sono spesso il luogo in cui le persone si incontrano. Nei nostri servizi vediamo continuamente come le piccole imprese che utilizzano i nostri strumenti sono spesso al centro delle loro comunità locali. Quindi questa è una priorità per noi su entrambi i fronti - per la missione sociale e per il business".

Leggi anche:
Leggi anche:
 
Mark Zuckerberg parla di Whatsapp Payments nel commentare i risultati finanziari di Facebook del Q4 2019
Mark Zuckerberg parla di Whatsapp Payments nel commentare i risultati finanziari di Facebook del Q4 2019
 

Come funziona Whatsapp Payments

Come suggerisce il nome di questa funzionalità, 'WhatsApp Payments' consente agli utenti di WhatsApp di scambiarsi denaro tramite l'applicazione.

Ecco come funziona WhatsApp Payments in India, dove è attualmente in test:
l'opzione è disponibile tramite apposito pulsante 'Pagamenti' che, quando premuto per la prima volta, avvia la configurazione iniziale che prevede l'accettazione dei termini e le condizioni di utilizzo del servizio da parte dell'utente e il collegamento del proprio account di Whatsapp con quello di UPI con la creazione di un pin di autenticazione per la conferma dei pagamenti (chi non ha già un account UPI deve crearne uno nuovo tramite l'app UPI o della propria banca). Da questa configurazione in poi, in una conversazione di chat in WhatsApp un contatto puo' inviare del denaro ad un altro contatto a patto che entrambi abbiano il servizio WhatsApp Payments attivo.

Quando lo scambio di denaro tra utenti di Whatsapp verrà lanciato in altri paesi oltre l'india non si sa.

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria