WhatsApp si scusa per il disservizio del 3 maggio 2017

WhatsApp si scusa per il disservizio del 3 maggio 2017

WhatsApp ha subito un'interruzione di servizio che ha colpito gli utenti di tutto il mondo per alcune ore il 3 maggio 2017. Il movito resta sconosciuto.

 

Scritto da , il 07/05/17

Seguici su

 
 

Whatsapp si è scusata tramite un portavoce per il blocco del servizio che ha causato panico tra gli utenti nella tarda serata del 3 maggio 2017, quando erano le 22 circa in Italia, che non hanno potuto usare per poche ore il servizio di messaggistica istantanea per dire all'amico che stavano andando in bagno! Scherzi a parte, WhatsApp ha subito un'interruzione che ha colpito gli utenti di tutto il mondo per alcune ore il 3 maggio, come ha confermato lo stesso servizio di messaggistica di proprietà di Facebook tramite un comunicato stampa, nel quale tuttavia non è stato spiegato il motivo dietro l'interruzione del servizio.

Secondo le informazioni prese da diversi media, WhatsApp ha iniziato ad avere problemi per i suoi oltre 1,2 miliardi di utenti a livello globale a partire dalle ore 20:00 GMT. WhatsApp ha affermato in una breve dichiarazione iniziale di essere "consapevole del problema e di risolverlo quanto prima". Alle ore 22:30 GMT, la maggior parte degli utenti ha riferito di essere in grado di inviare e ricevere di nuovo i messaggi, dunque la parte piu' 'grossa' del disservizio sembra essere durata un paio di ore e mezzo. Tuttavia, secondo i siti web di DownDetector e Outage Report alcune persone hanno continuato ad avere problemi ancora per qualche ora successiva.

WhatsApp non ha detto cosa puo' aver causato il disservizio, ma una seconda dichiarazione della società, rilasciata dopo il ripristino del servizio, ha dichiarato: "In precedenza, gli utenti di WhatsApp in tutte le parti del mondo non sono stati in grado di accedere a WhatsApp per poche ore. Ora abbiamo risolto il problema e ci scusiamo per l'inconveniente".

Il blocco di Whatsapp del 3 maggio ha riguardato tutti gli utenti e tutte le piattaforme, quindi non importava da qualche dispositivo si accedere al servizio: non era possibile inviare o ricevere messaggi tramite Whatsapp durante le ore di disservizio.

Dave Anderson, esperto di esperienza digitale a Dynatrace, ha dichiarato alla BBC che probabilmente un aggiornamento dell'app puo' aver causato il problema: "WhatsApp invia una nuova versione dell'applicazione negli store ogni pochi giorni e probabilmente hanno fatto delle modifiche sbagliate al codice", ha detto. "Ogni sviluppo ha un rischio. Basta solo una riga di codice sbagliata per bloccare l'applicazione".

Whatsapp non ha nemmeno utilizzato gli account Twitter ufficiali (@wa_status e @WhatsApp) per tenere aggiornati gli utenti, poichè entrambi i profili non vengono piu' aggiornati da quando WhatsApp ha accettato di essere acquistato da Facebook. L'ultimo tweet di @wa_status risale al 22 febbraio 2014, il quale tra l'altro ha informato sul ripristino del servizio a seguito di un disservizio.

L'ultimo blackout importante della chat è stato nel febbraio 2014, subito dopo l'acquisizione da parte di Facebook, per problemi al server. Qualche mese dopo, a giugno, un altro disservizio ma di entità minore.

Il 3 maggio 2017 resta una giornata da ricordare, perchè oltre al blocco di Whatsapp gli utenti di Gmail  sono stati vittima di un attacco di phishing.

Come avviene solitamente in questi casi, gli utenti di WhatsApp si sono rivolti a Twitter come sfogatoio per lamentarsi del servizio di messaggistica di proprietà di Facebook usando l'hashtag #whatsappdown.

Vi riportiamo alcuni dei tweet da #whatsappdown (per privacy non mostriamo il nickname):

• Visto che WhatsApp non funziona, possiamo avere indietro MSN? #whatsappdown

• Raga è il momento giusto per tornare ad usare MSN e spaccare la gente di trilli #whatsappdown

• Il #WhatsAppdown di ieri, è servito per scoprire chi nel 2017 si ostina ancora a scrivere "what's up"

• Quando è #WhatsAppDown e scopri l'utilità dei 1000 sms gratis inclusi nella tua offerta

• Io e famiglia vivi. Il cane dorme, pare non si sia accorto di nulla. #whatsappdown

• Approfittando del #whatsappdown ho avuto modo di scambiare due parole con la mia famiglia; sembrano tutte brave persone.

• "Uscite di casa e parlatevi faccia a faccia." Ma da chi vuoi che vada alle dieci e mezza di sera? #whatsappdown

• Il bello di #whatsappdown è accorgersene solo la mattina attraverso Twitter

• L'avete presa così bene sta storia di #whatsappdown che mi sono rimessa su Twitter dopo 5 anni solo per leggere del vostro delirio.

• Ho appena scoperto che ho il soffitto grigio. #whatsappdown

• Ho mandato 3 sms e "il tuo traffico sta per esaurirsi" giusto per ricordarci che un tempo non scrivevamo Una Parola Per Rigo #whatsappdown

• che scleri,chiedo umilmente scusa al mio WiFi per gli insulti,pensavo fosse colpa sua,e poi nulla ho aperto twitter.. #whatsappdown

• Come si recupera la password di msn? #whatsappdown

• Processi del #whatsappdown: 1- Tenti di inviare il messaggio 2- Spegni e riaccendi il modem 3- Tiri giù i santi del paradiso 4- Apri Twitter

• Approfittatene per passare tutti a #Telegram #whatsappdown

• Ma esattamente cosa si fa in queste situazioni esiste un numero per le emergenze un corso di sopravvivenza QUALCOSA dai Mark #whatsappdown

• Pensate a tutte quelle persone che non hanno twitter e stanno imprecando contro il wifi di casa, poveri illusi #whatsappdown

• #whatsappdown è la volta buona che consumo in una serata tutti gli SMS e gli MMS arretrati della summercard Vodafone del 2004

• #whatsappdown un minuto di silenzio per tutti i router WiFi che questa sera sono stati vittime di violenza senza motivo

• Ma, se durante un #whatsappdown Twitter smettesse di andare, il mondo cadrebbe nell'anarchia e nella disperazione?

• #whatsappdown Ho spento e riacceso il telefono quattro volte...poi ho aperto Twitter e ti rendi conto che il problema e' globale!


Condividi questa notizia

Resta aggiornato su WhatsApp si scusa per il disservizio del 3 maggio 2017


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?