Assistente Google, conversazioni piu' naturali con 'Guarda e parla' e 'Frasi veloci' su Nest Hub Max e altre novita'

Assistente Google, conversazioni piu' naturali con 'Guarda e parla' e 'Frasi veloci' su Nest Hub Max e altre novita'

Dalle nuove funzioni 'Look and Talk' e 'Quick phrases' che permetteranno di fare richieste su Nest Hub Max senza pronunciare prima 'Hey Google' alla capacità dell'assistente di comprendere le richieste incomplete: ecco le novità per l'Assistente Google annunciate a I/O 2022.

 

Scritto da il 12/05/22 | Pubblicato in Google IO 2022 | Android | Assistente Google | Archivio 2022

Seguici su

 
 

Google ha annunciato a I/O 2022 un paio di novità per il suo Assistente, per rendere le conversazioni più naturali. In particolare, sul palco dell'evento per gli sviluppatori, Sissie Hsiao ha detto che lo smart display più grande di Google, il Nest Hub Max, sarà in grado di eseguire comandi senza che l'utente abbia bisogno di pronunciare la parola chiave "Hey Google", gazie alle nuove funzionalità chiamate "Look and Talk" e "Quick phrases" in arrivo tramite aggiornamento software. Nel frattempo, Google sta lavorando per fare in modo che l'Assistente possa aiutare l'utente durante la formulazione di una richiesta quando non sa bene cosa vuole chiedere.

Con la funzione "Look and Talk" attivata sul proprio Nest Hub Max, basta posizionarsi di fronte allo smart display e guardarlo, quindi chiedere ciò che si vuole chiedere senza anticipare la richiesta da "Hey Google". Funziona solo quando il dispositivo riconosce, tramite Voice Match (riconoscimento della voce) o Face Match (riconoscimento del volto), la persona che si trova di fronte alla fotocamera che integra nella parte frontale. L'Assistente elabora così la richiesta senza aver bisogno di essere richiamato dalla frase di attivazione, perchè comprende da chi arriva. La fotocamera dello smart display deve essere attivata perchè possa funzionare "Look and Talk", e riguardo la privacy Google assicura che le immagini delle interazioni con questa funzione vengono elaborate interamente sul dispositivo, quindi non vengono condivise con i sever di Google o con nessun altro attraverso internet. Resta comunque la possibilità sempre di dire "Hey Google" ogni volta che si vuole chiedere qualcosa all'Assistente.

Gli utenti interessati potranno chiedere maggiori informazioni su "Look and Talk" direttamente all'Assistente Google sul Nest Hub Max, dove la funzione sarà disponibile: negli Stati Uniti si potrà dire “Hey Google, what is Look and Talk?” o “Hey Google, how do you enable Look and Talk?”.

Leggi anche:
Leggi anche:

Google Nest Hub - presentazione di 'Look and Talk'


Restando in tema di Google Nest Hub Max, Google ha annunciato che sta portando su questo dispositivo il supporto per le "Quick phrases", le 'frasi rapide', che basterà pronunciare all'Assistente Google sul Nest Hub Max per fargli eseguire azioni senza dover prima dire "Hey Google". Al lancio, le frasi disponibili saranno per alcune delle attività quotidiane più comuni, ad esempio: impostare un timer di 10 minuti, spegnere le luci del soggiorno, cancellare una sveglia o un timer, abbassare/alzare la luminosità di una luce, chiedere le previsioni del tempo, chiedere l'orario.

Inizialmente, queste funzionalità saranno disponibili negli Stati Uniti.

 
Google Nest Hub - Quick phrases
Google Nest Hub - Quick phrases
 
Leggi anche:
Leggi anche:

Infine, Google ha detto che sta lavorando per fare in modo che l'Assistente possa aiutare l'utente durante la formulazione di una richiesta quando non sa bene cosa vuole chiedere. Ad esempio, se durante la formulazione di una richiesta l'utente si blocca perchè deve pensare a cosa chiedere, e magari gli scappa pure di dire un 'mmmmmmm...', l'Assistente resta ad ascoltare, pronunciando un "mm hm" (per comprendere meglio guardare la demo nel video qui sotto, ndr) per far sapere all'utente che sta ancora ascoltando ed è in attesa della richiesta. Ad esempio, se si chiede qualcosa come "Hey Google, riproduci la nuova canzone di.... mmmm... Florence and the.... qualcosa?" perchè non si ricorda il nome dell'artista completo, l'Assistente potrà comunque comprendere la richiesta e rispondere: "Capito, riproduco Free from Florence + the Machine da Spotify".

 
Assistente Google - esempio di conversazione naturale in cui l'assistente comprende una richiesta non completa
Assistente Google - esempio di conversazione naturale in cui l'assistente comprende una richiesta non completa
 

E' possibile vedere queste novità legate all'Assistente Google e al Google Nest Hub Max, e in particolare una dimostrazione live dell'esempio fatto qui sopra, nel player qui sotto, partendo dal minuto 32.  

Google IO 2022 | Replay


Leggi anche: