Google Assistente su Sonos One e Sonos Beam

Google Assistente su Sonos One e Sonos Beam

Sonos rende disponibile l'Assistente Google su selezionati propri sistemi, a partire da One e Beam, in leggero ritardo rispetto a quanto previsto. Sonos è fiduciosa che questa integrazione sarà valsa l'attesa.

 

Scritto da , il 15/05/19

Seguici su

 
 

L'Assistente Google è arrivato negli altoparlanti e soundbar Sonos compatibili (inizialmente Sonos One e Sonos Beam) attraverso un aggiornamento software, il quale la scorsa estate era previsto "entro la fine del 2018" per Sonos One ma alla fine dell'anno era stato poi posticipato dall'azienda "all'inizio del 2019". Al CES 2019 di Las Vegas, Google aveva confermato non solo che Sonos One sarebbe stato presto aggiornato con il supporto per il suo Assistente ma che lo stesso sarebbe arrivato anche sulla soundbar Sonos Beam. Il 14 maggio 2019, è iniziata la distribuzione (prima negli Stati Uniti) del firmware per Sonos One e Sonos Beam che introduce il supporto per l'Assistente Google.  Sonos è, oggi, la prima azienda a supportare più assistenti vocali nello stesso sistema audio, avendo già introdotto il supporto per Alexa in precedenza.

"Ascoltare musica e podcast è uno dei modi più popolari in cui le persone utilizzano l'Assistente Google, quindi portiamo l'Assistente a Sonos One e Sonos Beam. Con l'Assistente integrato, sarai in grado di controllare la tua musica preferita, i tuoi podcast e le stazioni radio da qualsiasi parte della tua casa senza mai prendere in mano il tuo telefono." ha dichiarato al CES 2019 Manuel Bronstein, Vice President of Product per Google Assistant.

“Per noi la libertà di scelta è importante, vogliamo che siano gli utenti a decidere che cosa riprodurre e come controllare i contenuti. L’aggiunta del comando vocale, come ora Google Assistant, ha reso il controllo ancora più semplice”, ha spiegato Patrick Spence, CEO di Sonos. “Abbiamo collaborato con Google per ottenere questa integrazione partendo da zero, mettendo il meglio di Google Assistant nell’ecosistema di prodotti e partner Sonos. Oggi siamo la prima azienda a offrire contemporaneamente due assistenti vocali per lo stesso sistema. Si tratta di un traguardo davvero notevole per il settore. Immaginiamo il giorno in cui proporremo più assistenti vocali che operano simultaneamente sullo stesso dispositivo e ci impegneremo nel farlo quanto prima”.

Il programma di beta testing privato ha anticipato il lancio ufficiale.
Sonos aveva aperto un programma di beta testing privato a cui hanno potuto partecipare coloro che erano interessati a provare l'esperienza dell'Assistente Google sui propri speaker compatibili in anteprima. Sonos chiedeva ai beta tester di impegnarsi almeno per 14 ore di ascolto a settimana, di utilizzare 10 comandi vocali ogni giorno e di rispondere ai sondaggi entro 72 ore da quando gli vengono proposti. Dopo che sono stati esaminati tutti i candidati - un processo che ha richiesto alcune settimane - il successivo passo è stato quello di iniziare a testare l'esperienza in poche centinaia di case all'inizio e qualche migliaio di case nei mesi successivi, con l'obiettivo finale di ottenere un feedback importante dagli ascoltatori nel mondo reale prima del lancio ufficiale dell'esperienza il 14 maggio 2019.

L'Assistente Google sugli altoparlanti Sonos
Con l'Assistente di Google sugli altoparlanti Sonos compatibili gli utenti possono fare le cose che lo stesso assistente vocale consente di fare sugli smart speaker che già lo integrano, quindi ricevere risposte a domande come "Ok Google, quanto lontana è la luna?", tenersi aggiornati con i prossimi appuntamenti sul Calendario ("Ok Google, raccontami la mia giornata"), controllare la propria smart home ("Ok Google, spegni le luci del soggiorno") e altro ancora. Gli utenti possono anche dire allo speaker Sonos di riprodurre la stessa musica su piu' altoparlanti dell'ecosistema Sonos in casa e presenti in varie stanze (funzione di audio multi-room). Inoltre, Google Assistant supporta il multi-account e, grazie al riconoscimento della voce, sa se chi sta ascoltando è una persona o un'altra (cosa che torna molto utile in una famiglia dove piu' persone sono abituate a 'dialogare' con l'Assistente Google). Non solo musica e TV, quindi, Sonos supporta le principali azioni e funzioni dell'assistente Google, tra cui anche Conversazione continua, modalità Broadcast e la possibilità di scegliere una voce diversa per l'Assistente. Grazie alla ricchezza dell'ecosistema di Google e all'integrazione all'interno della casa intelligente, l'Assistente Google su Sonos include oltre un milione di azioni dai prodotti dei partner. Sonos ha promesso che ulteriori funzionalità e azioni saranno disponibili attraverso aggiornamenti continui, portando ancora di più dell'esperienza di Google Assistant su Sonos.

Al momento del lancio, l'Assistente Google su Sonos offre:

- Controllo del sistema: grazie alla piattaforma aperta di prodotti e partner Sonos, è possibile avviare una canzone utilizzando AirPlay da Apple Music, chiedere all'Assistente Google di andare alla traccia successiva e abbassare il volume nell'app Sonos. Inoltre, un solo dispositivo con supporto vocale supportato consente di richiedere musica o contenuti da riprodurre su altri diffusori Sonos nel sistema (Play: 1, ad esempio).

- Musica, notizie e radio. è possibile richiedere e controllare musica, notizie e radio con la voce da un elenco crescente di servizi di streaming, tra cui: Spotify, YouTube Music, Google Play Music, Pandora, TIDAL, TuneIn, iHeartRadio e Deezer per iniziare. E' possibile usare la voce per andare al brano successivo, cambiare il volume o mettere in pausa con tutti i servizi di streaming disponibili su Sonos.

- Controllo facile per la TV con Sonos Beam. E' possibile accendere la TV con l'Assistente Google utilizzando la connessione HDMI ARC e CEC di Beam, passare dalla TV alla musica e regola il volume. E' possibile aggiungere un Chromecast Ultra per ottenere funzionalità aggiuntive con la voce per la TV, inclusa la richiesta di riproduzione di serie o film specifici dai servizi di streaming compatibili.

- Gestione delle attività e appuntamenti. E' possibile ottenere risposte su meteo, calcoli, traduzioni, sport e altro, gestire attività, pianificare appuntamenti, sveglie e timer, richiamare gli appuntamenti del calendario. Tutto questo fa parte dell'ecosistema di Google: è anche possibile chiedere indicazioni all'Assistente e riceverle direttamente su un telefono Android.

- Gestione della Smart Home. E' possibile chiedere all'Assistente Google su Sonos di regolare la temperatura o di accendere la luce. Al momento, ci sono più di 200 milioni di dispositivi nelle case di tutto il mondo che funzionano con l'Assistente Google ora su Sonos.

Inizia con l'Assistente sul tuo altoparlante o soundbar Sonos

Se possiedi già un Sonos One o Sonos Beam, è facile impostare l'Assistente Google. L'altoparlante e la soundbar ricevono automaticamente un aggiornamento software che introduce l'Assistente Google come opzione di assistente vocale. In seguito all'aggiornamento, per impostare l'Assistente Google sui tuoi altoparlanti Sonos: Entra in "Servizi vocali" nell'app Sonos in Impostazioni, Seleziona Assistente Google, quindi segui la procedura guidata di configurazione.

La distribuzione dell'aggiornamento software per Sonos One o Sonos Beam che introduce l'Assistente Google è iniziata negli Stati Uniti il 14 maggio per poi essere estesa a Regno Unito, Germania, Canada, Australia, Francia, Paesi Bassi e altri paesi, tra cui Italia, ad un certo punto. 

Google Assistant affianca Alexa su Sonos

Sonos One e Beam già integrano l'assistente Alexa di Amazon. I possessori italiani di dispositivi Sonos Sonos One e/o Beam hanno quindi oggi a disposizione due assistenti digitali vocali tra cui scegliere, Alexa di Amazon e Assistente di Google.

Leggi anche:

Condividi questa notizia

Resta aggiornato su Google Assistente su Sonos One e Sonos Beam


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?