Galaxy S10, le tecnologie Condivisione di Carica Wireless e Adaptive Power Saving raccontate da Samsung

Galaxy S10, le tecnologie Condivisione di Carica Wireless e Adaptive Power Saving raccontate da Samsung

Samsung parla del processo di sviluppo della batteria dei nuovi Galaxy S10, che vantano le tecnologie Condivisione di Carica Wireless e Adaptive Power Saving.

 

Scritto da , il 16/03/19

Seguici su

 
 

Samsung Electronics ha introdotto la sua tecnologia Wireless PowerShare su un dispositivo mobile per la prima volta nella serie Galaxy S10 consentendo di ricaricare smartphone e dispositivi indossabili compatibili con la ricarica wireless Qi senza la necessità di cavi aggiuntivi. Per saperne di più sul processo di sviluppo della batteria dei nuovi Galaxy S10, Samsung Newsroom ha parlato con gli sviluppatori che hanno contribuito a dare vita alla batteria - Hyeonsu Lee, Hongjung Son, Yusu Kim e Juhyang Lee - e al Product Planner Jeongmin Moon.

Secondo il Product Planner Jeongmin Moon, il team di sviluppo ha incorporato la tecnologia Wireless PowerShare nella linea Galaxy S10 per offrire agli utenti la libertà di trascorrere la propria giornata senza dover essere legati da cavi e caricabatterie. La tecnologia sarebbe dunque un modo semplice e conveniente per tenere accesi i dispositivi quando si è in viaggio.

Ricordiamo che la capacità della batteria di Galaxy S10 è di 3400mAh (capacità tipica), la capacità della batteria di Galaxy S10e è di 3100 mAh (capacità tipica), la capacità della batteria di Galaxy S10+ è di 4100mAh (capacità tipica).
 
da sinistra: Yusu Kim, Hyeonsu Lee, Hongjung Son, Juhyang Lee e Jeongmin Moon
da sinistra: Yusu Kim, Hyeonsu Lee, Hongjung Son, Juhyang Lee e Jeongmin Moon
 

Samsung Galaxy S10: Condivisione di Carica Wireless

"Volevamo risolvere l'inconveniente di dover portare con sé più caricabatterie e cavi quando si è in giro, o dover interrompere la giornata per fermarsi in luoghi come bar solo per caricare il telefono", ha detto Moon. "Così ci è venuta l'idea di rendere il Galaxy S10 un caricabatterie wireless in sé e per sé."

Dall'uscita di Galaxy S6, il primo dispositivo Galaxy ad aver offerto la ricarica senza fili, sempre più smartphone e dispositivi indossabili hanno iniziato ad essere forniti di questa tecnologia. Questo, ha osservato Yusu Kim, è un'altra ragione per cui Samsung ha privilegiato l'integrazione della tecnologia di condivisione della batteria wireless (Condivisione di Carica Wireless) nella linea Galaxy S10. 

"Wireless PowerShare ti consente di condividere facilmente l'energia della tua batteria sempre e ovunque", ha affermato Kim. "E man mano che più dispositivi iniziano a supportare la ricarica wireless, più persone saranno in grado di sperimentare la convenienza creata dalla tecnologia."

La tecnologia alla base della condivisione della batteria wireless e della ricarica wireless è abbastanza simile. Un caricabatterie wireless riceve la corrente continua (DC) e la converte in corrente alternata (AC) con la bobina della batteria prima di trasmetterla al ricevente smartphone. Il telefono converte quindi la carica in CA in CC e salva l'energia nella batteria. Ogni dispositivo Galaxy S10 è dotato di un circuito che consente questa conversione a due vie, consentendo essenzialmente ai telefoni di funzionare anche come caricabatterie wireless.

Come accennato in precedenza, l'elenco dei dispositivi compatibili con PowerShare wireless include non solo gli smartphone, ma, tutti i dispositivi certificati Qi tra cui Galaxy S9, S9+, S8, S8+, S8 Active, S7, S7 edge, S7 Active, S6, S6 edge, S6 Active, S6 edge+, Note9, Note8, Note FE, Note5, Galaxy Watch Active, Gear Sport, Gear S3, Galaxy Watch (46/42mm), e auricolari Galaxy Buds. Samsung nota che potrebbe non funzionare con alcuni accessori, e l'utilizzo di Wireless PowerShare potrebbe influire sulla ricezione delle chiamate o sui servizi dati, a seconda dell'ambiente di rete in cui il telefono si trova.

Leggi anche:
Leggi anche: Samsung Galaxy S10: ricarica wireless altri dispositivi, WiFi 6, Smart WiFi e 4G LTE Cat20
 

 
Leggi anche:

Come ha spiegato Juhyang Lee, il processo di abilitazione della tecnologia a lavorare con una gamma così ampia di dispositivi è stato un compito abbastanza difficile: "Le dimensioni delle batterie di questi dispositivi sono tutte diverse, quindi la parte più difficile del processo è stata trovare un punto ottimale per le bobine di ricezione che avrebbe comportato la massima efficienza", ha spiegato Lee. Nel caso di smartwatch, ha ricordato, "la bobina di ricezione era particolarmente piccola, quindi ci è voluto del tempo per trovare l'approccio più efficiente. Tuttavia, dopo mesi e mesi di ricerche approfondite, abbiamo prodotto una soluzione che soddisfa i nostri severi standard di affidabilità. "

Al fine di condividere la sua carica con un altro dispositivo, la batteria del Galaxy S10 deve possedere energia sufficiente per consentire all'utente di utilizzare il telefono in modo efficiente, quindi è stato stabilito che deve essere carica almeno del 30 percento. In altre parole, se il Galaxy S10 ha una batteria carica al di sotto del 30% non puo' essere usato per caricare wireless altri device.

Per offrire agli utenti più libertà di utilizzare questa utile funzione, la linea Galaxy S10 è dotata di tecnologia AI che ottimizza l'utilizzo della batteria in base a come viene utilizzato il telefono. Durante la costruzione di questa tecnologia, gli sviluppatori si sono concentrati in particolare sul consumo della batteria delle app utilizzate di rado. Come ha spiegato Hongjung Son, "Tra tutte le app che gli utenti hanno sui loro telefoni, ne vengono utilizzate solo un numero limitato ogni giorno. E quelle che non vengono utilizzate consumano la batteria in background. Per limitare le attività in background di queste app abbiamo incorporato la tecnologia AI che organizza app in diverse categorie, come 'usate di frequente', 'usate di tanto in tanto' e 'usato raramente'.

Il team ha inoltre dotato i nuovi smartphone della modalità Adaptive Power Saving (risparmio energetico adattivo) che calibra la durata della batteria sulla base delle previsioni per la tua giornata. Hyeonsu Lee ha descritto come funziona: "Se, per esempio, un utente usa il suo telefono per 30 minuti in procinto di andare al lavoro, la modalità Adaptive Power Saving si attiva automaticamente se aumenta il tempo di pendolarismo. E poiché questa modalità è basata su AI, più viene usata, più diventa accurata".

Ogni membro dei team di product planning and development di Samsung Electronics concorda sul fatto che le ultime innovazioni della batteria di Samsung consentiranno di sbloccare esperienze utente senza precedenti. Moon ha concluso l'intervista facendo luce sugli obiettivi finali dell'azienda per la sua tecnologia di ricarica: "Con Wireless PowerShare, non ci aspettiamo solo di risolvere alcuni degli aspetti scomodi della ricarica dei dispositivi", ha affermato Moon. "Ci aspettiamo anche che le persone comunicheranno e si impegneranno con l'un l'altro di più". "Ascoltare attentamente il feedback degli utenti ci ha permesso di migliorare costantemente i nostri smartphone Galaxy", ha aggiunto Kim, "e continuerà a farlo. Andando avanti, continueremo a sforzarci di sviluppare la tecnologia della batteria che offre il meglio in termini di praticità ed esperienza degli utenti."


Condividi questa notizia

Resta aggiornato su Galaxy S10, le tecnologie Condivisione di Carica Wireless e Adaptive Power Saving raccontate da Samsung


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?