Apple Music vs Spotify vs Tidal vs Qobuz vs Youtube Music, servizi di musica in streaming a confronto

Apple Music vs Spotify vs Tidal vs Qobuz vs Youtube Music, servizi di musica in streaming a confronto

Apple Music, Spotify, Tidal, Qobuz, Deezer, Youtube Music e altri servizi di musica in streaming: quale scegliere? A confronto i tre principali.

 

Apple Music, Spotify, Tidal, Deezer, Qobuz, Google Play Musica, Youtube Music e altri sono i servizi di 'musica on demand' disponibili in Italia, ma quale scegliere in base alle proprie esigenze sia dal punto di vista della qualità che del portafogli? Cerchiamo di confrontare Apple Music con Spotify e altri servizi popolari, anche se è Spotify attualmente il servizio leader della musica in streaming e, nel suo mercato, è forse il servizio più completo. Diciamo subito che per gli audiofili nè Apple Music nè Spotify sono il servizio 'perfetto', poichè ad oggi solo Tidal e Qobuz offrono audio in qualità CD, streaming di audio lossless in FLAC, ma questi mancano di altre caratteristiche importanti. Con un prezzo e caratteristiche simili a quello che probabilmente è il più noto servizio di streaming, Spotify, cosa renderebbe Apple Music, il secondo servizio piu' popolare, migliore o diverso? Cerchiamo di scoprirlo assieme.

Catalogo di musica

Apple Music, Spotify, Tidal e Youtube Music sono praticamente alla pari, tutti dichiarano oltre 40 milioni di canzoni (Tidal 46 milioni, Apple 46 milioni).

Apple Music include tutto il catalogo musicale di iTunes in streaming. Apple Music, TIDAL e Spotify a volte riescono ad avere tracce esclusive grazie ad accordi con le etichette discografiche e musica di artisti senza etichetta che possono pubblicare la loro musica attraverso il servizio. Tutti  i servizi citati hanno un catalogo ricco di musica per soddisfare ogni gusto musicale, ma Spotify e TIDAL forse offrono più musica, soprattutto da artisti emergenti.

Google Play Music e Apple Music consentono di integrare i loro cataloghi con le proprie tracce personali. Con il player desktop di Spotify è possibile riprodurre file musicali salvati in locale computer ma non si possono aggiungere alle playlist per ascoltarli in streaming su altri device. Con Apple Music, tutta la musica caricata sul proprio account in iTunes nel corso degli anni sarà disponibile su tutti i dispositivi con accesso a Apple Music. 

Tidal non permette di integrare i propri brani musicali, ma consente di acquistare musica proprio come su iTunes tramite il servizio Tidal Store, che consente di acquistare singoli o interi album nella stessa qualità di iTunes (AAC a 320kbps) oppure in qualità CD (qualità non disponibile su iTunes). Il servizio di streaming Tidal ha introdotto la qualità audio MQA all'inizio del 2017 per garantire un facile accesso alla musica in alta risoluzione via streaming. L'audio in MQA (Master Audio Quality) è stato dal lancio un'esclusiva dell'app di TIDAL per PC Windows ma con l'aggiornamento dell'1 marzo 2018 dell'app per Android il supporto per questo codec ha debuttato su selezionati device Android. 

Qobuz non permette di integrare i propri brani musicali ma consente di acquistare musica proprio come su iTunes tramite il servizio di digital download, che consente di acquistare singoli o interi album nella stessa qualità di iTunes (AAC a 320kbps) oppure in qualità CD o in qualità Hi-Res fino a 24bit/192kHz.

Deezer e Apple Music offrono anche i testi delle canzoni, per seguire le parole dei brani in riproduzione.

Youtube Music vanta un ampio catalogo di musica a cui si aggiungono i video musicali disponibili su Youtube dei quali puo' essere riprodotto anche solo l'audio tramite l'app mobile mentre con il video è possibile attivare i sottotitoli per avere i testi delle canzoni come karaoke.

Leggi anche: TIDAL in Italia, musica Lossless in streaming: la nostra prova
Leggi anche: Qobuz in Italia, servizio streaming di musica anche Hi-Res
Confronto: Apple Music vs Spotify vs Google Play Music vs TIDAL vs Youtube Music
Confronto: Apple Music vs Spotify vs Google Play Music vs TIDAL vs Youtube Music
Leggi anche: Recensione Youtube Music

Radio

Tidal, Spotify, Apple Music, Deezer e Youtube Music integrano funzioni di radio, ma differenti. Apple Music è... 'radio 24/7 da tutto il mondo' con il nuovo canale Beats 1, che trasmette globalmente da tutto il mondo. Ci sono anche stazioni radio con musica a rotazione divisa per genere. Spotify, Tidal, Youtube Music, Deezer e Qobuz non hanno radio in diretta ma consentono di creare stazioni basate sugli artisti preferiti, generi, canzoni, playlist o album. Queste stazioni radio sono on-demand, playlist senza fine che si possono riprodurre in qualsiasi momento. Su Spotify è possibile saltare i brani che non piacciono, così da personalizzare la stazione col passare del tempo. 

Deezer offre il servizio Flow che è una specie di radio, un flusso continuo di musica scelta sulla base dei propi gusti personali.

Scoprire nuova Musica

Forse unica caratteristica comune a tutti i servizi di streaming è dare la possibilità agli utenti di scoprire nuova musica, cosa che non può mancare. Tidal, Spotify, Youtube Music e Apple Music fanno lo stesso, anche se in modo leggermente diverso.

Apple Music utilizza la tecnologia di raccomandazione Beats Music per imparare quello che all'utente piace ascoltare, quali sono i suoi gusti musicali, per trovare sempre nuovi suggerimenti. È possibile scegliere gli artisti e generi preferiti quando si installa l'app e poi tramite la sezione "For You" si riempirà di raccomandazioni che cambiano di continuo, mano a mano che si ascolta la musica. Apple, per evidenziare la sua volontà di essere differente dalla concorrenza, dice che non basta usare un algoritmo per creare queste raccomandazioni, e per questo utilizza anche persone umane reali per curare le playlist e selezionare la musica.

Le raccomandazioni di Spotify hanno una tecnologia meno avanzata ma comunque ottima e principalmente per la scoperta di nuova musica bisogna affidarsi alla sezione 'Naviga' dove ci sono le classifiche musicali, l'elenco delle nuove uscite, e playlist di Generi e Mood.

Curation è l'anima di ogni playlist creata su Apple Music. Apple ha detto di aver assunto gli esperti di musica di maggior talento di tutto il mondo per far loro creare le playlist perfette in base alle proprie preferenze, playlist che diventano migliori più si ascolta la musica. La sezione "For You" di Apple Music fornisce un mix di nuovo album, nuove uscite e nuove playlist, che sono state personalizzati per l'utente.

Tidal offre la sezione Esplora/Discovery che promette di scoprire nuovi artisti dal mondo mentre Qobuz e Deezer offrono suggerimenti da parte di esperti.

Youtube Music offre davvero tante playlist create appositamente per aiutare a scoprire nuova musica. Non importa quale tipo di musica piace, dove si è, cosa si sta facendo o quale sia lo stato d'animo: il servizio aiuta a trovare facilmente la playlist giusta per ogni momento.

Apple Music
Apple Music

Social

Apple Music Connect è un'esclusiva caratteristica del servizio musicale della Apple attraverso la quale gli artisti e gli appassionati di musica hanno un modo per collegarsi tra di loro direttamente. Attraverso Connect, gli artisti possono condividere testi, foto di backstage, video o anche pubblicare il loro ultimo brano direttamente ai fan direttamente dal loro iPhone. I fan possono commentare qualsiasi cosa un artista ha pubblicato, e condividerlo via Messaggi, Facebook, Twitter ed e-mail. E quando si commenta, l'artista può rispondere direttamente a voi.

La parte social di Spotify e Youtube Music si limita alla possibilità di condividere quello che si ascolta, oltre alla possibilità per gli utenti di seguire playlist ascoltate o gestite dagli artisti.

Tidal consente di condividere i brani e gli album con i propri social preferiti, ma allo stesso tempo include per ogni artista - dove possibile - i contenuti dai profili ufficiali su Facebook, Twitter e Instagram di ciascun artista. 

Qobuz non ha funzionalità sociali.

Streaming su Impianti stereo di casa

Spotify può contare sul suo servizio Connect, che permette di riprodurre la musica su tantissimi altoparlanti esterni connessi ad internet, come ad esempio player Sonos, Samsung Shape/Multiroom e altri. Utilizzando l'applicazione per PC, smartphone e tablet è possibile gestire la riprosuzione dei brani sgli altoparlanti, anche in auto. 

TIDAL e Qobuz si collegano a numerosi impianti stereo, tra cui Sonos, Bluesound, Linn, Auralic, Mirage, Squeezebox, Amarra sQ, Mcintosh, Samsung Multiroom.

Apple Music funziona con iTunes, Apple TV e Sonos. 

Supporto Chromecast: Spotify, TIDAL, Youtube Music e Qobuz supportano Chromecast di Google, mentre Apple Music no.

Altre funzioni

Per l'ascolto offline, le versioni a pagamento di Apple Music, Spotify, Tidal, Qobuz e Deezer permettono di scaricare in locale la musica, così da ascoltare le canzoni anche quando non si è connessi alla rete, ed è possibile scegliere la qualità audio di cui effettuare il download, in base alla quantità di memoria presente sul dispositivo e all'abbonamento sottoscritto. Youtube Music al debutto consente di scaricare la musica sul dispositivo per l'ascolto offline ma non di scegliere in quale qualità.

Apple Music, Tidal e Youtube Music includono i video musicali dei brani, Spotify, Qobuz e Deezer no.

Qualità audio

Ad oggi, solo Tidal e Qobuz offrono audio in qualità CD e Hi-Res, streaming di audio lossless fino all'alta risoluzione (Tidal con codec MQA). TIDAL è stato il primo ed unico servizio ad offrire in streaming musica in alta risoluzione Hi-Res nel formato MQA (qui maggiori info). I servizi peggiori in qualità sono Deezer e Google Play Music, che hanno un catalogo in MP3, codec ormai superato.

- Tidal: 96kbps AAC+, 320kbps AAC, 16bit/44.1kHz FLAC, Hi-Res MQA.
- Apple Music: AAC fino a 256kbps
- Deezer: MP3 128kbps, 320kbps, 16bit/44.1kHz FLAC (solo su Sonos)
- Qobuz: 320kbps, 16bit/44.1kHz FLAC, 24bit 192kHz FLAC
- Google Play Music: 320kbps MP3
- Spotify: 96kbps, 160kbps, 320kbps Ogg Vorbis
- Youtube Music: 128kbps (AAC su mobile, OPUS via web) (fonte: The Verge)

Va da sè che lossless è la qualità migliore, ma tra Apple Music, Spotify e Youtube Music le differenze sono poche, a patto di avere impostato la massima qualità nelle impostazioni.

Apple Music - la concorrenza
Apple Music - la concorrenza

Prezzi

Apple Music ha un costo mensile di 9,99 dollari/euro/sterline e dè disponibile in oltre 100 paesi (praticamente ovunque) dal 30 giugno 2015, ed è accessibile da PC Windows e Mac con le nuove versioni di iTunes, così come su iPad e iPhone e anche su Android. Oltre al piano da 9,99 euro per singolo account, Apple ha l'offerta per un piano 'famiglia' che costa 14,99 dollari e dà accesso al servizio a massimo 6 persone. Inoltre, i primi 3 mesi di abbonamento sono gratuiti, così è possibile provare il servizio prima di scegliere se abbonarsi o meno ad uno dei due abbonamenti disponibili. Apple Music per studenti costa 4,99 euro al mese.

Spotify è disponibile sia gratuitamente con però la pubblicità tra alcune canzoni ed altre e musica in bassa qualità, sia al prezzo mensile di 9,99 euro per il pacchetto Premium che dà accesso a musica in qualità superiore (320kbps Ogg Vorbis) e ad altre funzionalità. 1 mese il periodo iniziale di prova gratuita. Per il pacchetto Falimy, 14,99 euro per l'ascolto per fino a 6 account diversi. Spotify per studenti costa 4,99 euro al mese.

Tidal è disponibile nell'offerta 'Premium' da 9,99 euro al mese (qualità massima AAC a 320kbps) o in versione HiFi a 19,99 euro al mese (qualità CD Flac 1411 kbps - Lossless ma anche Hi-Res 24bit in MQA). L'offerta 'Family' costa 14,99 euro al mese (qualità massima AAC a 320kbps) o in versione HiFi 29,99 euro al mese (qualità CD Flac 1411 kbps - Lossless ma anche Hi-Res 24bit in MQA).   L'offerta 'Studenti' costa 4,99 euro al mese (qualità massima AAC a 320kbps) o in versione HiFi 9,99 euro al mese (qualità CD Flac 1411 kbps - Lossless ma anche Hi-Res 24bit in MQA).

Qobuz offre il pacchetto base Premium che a 9,99 euro/mese o 99,99 euro/anno comprende lo streaming in qualità MP3 320 kbps (compresso con perdite) mentre Qobuz HI-FI al prezzo di 19,99 euro/mese o 199,99 euro/anno offre lo streaming massimo in qualità FLAC 16 bit/44.1 kHz (Qualità CD senza perdite). Qobuz Sublime a 219,99 euro/anno include lo streaming massimo in qualità FLAC 16 bit/44.1 kHz (Qualità CD senza perdite) + dal 30% al 60% di sconto su una gran parte del catalogo Hi-Res 24-Bit al momento del download. Infine, Qobuz Sublime+ al prezzo di 349,99 euro/anno offre streaming massimo in qualità FLAC Hi-Res 24 bit/fino a 192kHz (per i file Hi-Res, gli altri in qualità CD) + dal 30% al 60% di sconto su una gran parte del catalogo Hi-Res 24-Bit al momento del download.

Deezer è disponibile gratuitamente con la pubblicità, funzionalità Flow e Mix (la musica da ascoltare non si puo' scegliere, viene riprodotta in automatico come una radio) e la qualità è bassa. Il pacchetto Deezer Premium+ al costo di 9,99 euro al mese include niente pubblicità, musica a scelta in qualità MP3 a 320kbps e modalità offline. Deezer Family consente di avere Deezer Premium+ su un massimo di 6 profili a 14,99 euro in totale.

In definitva: Apple Music, TIDAL, Qobuz, Deezer o Spotify?

Sembrano servizi molto simili, tutti con grandi cataloghi di musica on demand in alta qualità, possibilità di scoprire nuova musica sulla base dei propri gusti musicali e ciò che si ascolta nel tempo, lo stesso piano abbonamento base di 10 euro al mese, disponibilità multipiattaforma (PC, Mac, iOS e Android, smartwatch), etrambi i servizi consentono di riprodurre i propri file musicali. Chi ama la musica pero' non puo' non preferire TIDAL o Qobuz, la cui qualità del suono è anni luce superiore a quanto offrono Spotify o Apple Music.

C'è tempo per provare Apple Music, Tidal, Spotify, Deezer e Qobuz perchè tutti offrono almeno un mese di prova gratuita: il consiglio è provarli e poi decidere.

Ogni Mercoledi Tutte le novità su smartphone, tablet e tariffe nella tua Email

 
 
GUIDE ANDROID
GUIDE iOS
GUIDE
GUIDE SOFTWARE
 
 
 
 
 

Commenti e Opinioni

 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?