Youtube: sta arrivando il Music Pass

 

YouTube sembra destinato ad introdurre un servizio di musica in streaming in abbonamento senza pubblicità chiamato 'Music Pass'

Scritto da Simone Ziggiotto il 28/11/13 | Pubblicata in Google | Archivio 2013

 

Youtube: sta arrivando il Music Pass

YouTube sembra destinato ad introdurre un servizio di musica in streaming in abbonamento senza pubblicità chiamato 'Music Pass'.

L'ipotesi giunge dopo che alcuni attenti sviluppatori si sono accorti di alcune stringhe di codice nascosto nella nuova app Android YouTube 5.3, attraverso cui è stato anticipato l'imminente supporto per il 'Music Pass'.

Il codice, che è stato trovato dal blog Android Police, rivela che nell'app presto saranno attivate queste nuove opzioni:

- Musica di sottofondo per continuare ad ascoltare mentre si utilizzano altre applicazioni;
- Riproduzione ininterrotta - quindi senza annunci;
- Ascolto offline in modo da poter guardare video e ascoltare musica senza essere connessi al Wi-Fi, senza consumare volume di dati;

Ulteriori suggerimenti sul codice rivelano che sarà possibile scaricare una playlist intera tutta da guardare quando non si è in linea e sarà anche possibile scegliere a quale definizione il video deve essere salvato, mentre gli uploaders saranno in grado di specificare quali dei propri video non possono essere guardati in modalità offline.

Non c'è alcuna indicazione sul fatto che tutti i tipi di video di YouTube saranno disponibili in modalità, o la cosa vale solo per la musica.

Google ha già un servizio musicale in abbonamento mensile chiamato Google Play Music All Access. E' possibile che l'offerta venga integrata con la possibilità di guardare i video su Youtube, qualora questo risultino disponibili, considerando che YouTube è certamente un brand molto più noto rispetto al Music Play Store.

Come sottolinea Android Police, Google ha dovuto negoziare separatamente i diritti per mostrare i video musicali dal solo ascolto della musica, grazie alle labirintiche strutture legali delle case discografiche. Probabilmente è per questo motivo che c'è voluto così tanto tempo.

YouTube è stato ampiamente criticato dai suoi utenti per la recente attuazione del nuovo sistema di commenti basato sul social network Google+. Ricordiamo che è aperta una petizione online attraverso cui si chiede a Google di ripristinare i commenti al vecchio sistema, e sono già oltre 200.000 le firme.

Youtube rinvia il servizio di musica in streaming al 2014

Prevista al debutto entro la fine dell'anno, il servizio di abbonamento by Youtube non sarà disponibile almeno fino al primo trimestre del 2014.
Gli appassionati di musica a quanto pare dovranno aspettare fino al prossimo anno per iniziare finalmente ad usare il servizio di musica in streaming tanto discusso nelle ultime settimane in arrivo da YouTube. 
 
Originariamente previsto per il debutto la scorsa estate, il lancio del servizio in abbonamento è stato poi rinviato alla fine dell'anno in corso. Ora, pare che il servizio non lancerà la piattaforma fino al primo trimestre del 2014. La conferma arriva da persone citate dai colleghi di AllThingsD che avrebbero "familiarità con i piani della società".
 
Anche se non ancora annunciato ufficialmente da Google , il servizio di musica in streaming targato Youtube si dice che assomiglia a quanto propone già oggi la concorrente piattaforma Spotify, ma con in aggiunta la possibilità di vedere i video dei brani riprodotti. E, come Pandora , si dice che la soluzione di Google sarà disponibile in due versioni: una gratuita con pubblicità tra una riproduzione e l'altra, e una versione premium a pagamento che darà agli utenti un accesso illimitato agli album e agli artisti. L'accesso illimitato per gli abbonati Premium dovrebbe costare ai consumatori 10 dollari/euro al mese e comprendere l'accesso alla musica senza pubblicità, così come la possibilità di salvare le playlist per la riproduzione anche offline dei contenuti audio e video.
 
Stringhe di codice scoperte di recente nella nuova versione dell'app YouTube per Android, la versione YouTube 5.3, suggeriscono che Google sta effettivamente preparando il servizio di abbonamento musicale senza pubblicità che viene menzionato nel codice col nome "Music Pass". Tra le altre caratteristiche rivelate nel codice vi sono la possibilità di salvare musica e video per la riproduzione offline, e la possibilità di riprodurre musica in background mentre si usano altre applicazioni.
Mentre Google ha riferito nelle passate settimane di aver concluso gli accordi di partnership con le major discografiche per avere le licenze musicali, la società pare non essere del tutto soddisfatta del prodotto stesso ora come ora, per cui servono altri mesi per migliorarlo, scrive AllThingsD.
 
Ricordiamo che Google ha già un servizio che consente l'ascolto di musica in streaming, il quale si chiama Google Play Music All Access, anche se le sue caratteristiche sono scarse in confronto a quanto proposto da piattaforme concorrenti come Deezer, Spotify e Pandora.
 

Youtube: il servizio di streaming musicale atteso entro l'anno
 

Dalla scorsa estate gira la voce che Google sta progettando di lanciare un servizio musicale su abbonamento per YouTube, ma il tutto si è fermato alle indiscrezioni riportate dai media. Ora, secondo nuovi rumors, pare che il servizio potrebbe essere lanciato entro la fine dell'anno.
 
Il servizio di streaming musicale by Youtube sarà un po' come Spotify, ma avrà in più anche i video, secondo Billboard. E, come Pandora, si dice che sarà disponibile in versione gratuita e in versione premium a pagamento che darà agli utenti accesso illimitato agli album e artisti. Chi sottoscriverà l'abbonamento per avere accesso illimitato si dice anche che avrà musica senza pubblicità, così come la possibilità di ascoltare offline dei brani.
 
Billboard riporta che il servizio dovrebbe costare ai consumatori circa 10 dollari al mese ed essere compatibile con molti altri prodotti e servizi Google, tra cui gli occhiali interattivi Google Glass.
 
Google, sempre secondo Billboard, ha già concluso tutti gli accordi con le case discografiche per avere un ampio catalogo di brani (saranno oltre 20.000 al lancio). Nel mese di marzo, è stato detto che l'azienda aveva concluso un accordo unico con Warner Music Group che ha concesso in licenza a Google i brani della sua etichetta sia per All Music Pass(il servizio di streaming musicale di Google Music) che per il prossimo servizio musicale di Youtube.
 
Google ha lo scopo di rendere YouTube il servizio di contenuti fruibili via streaming tra i più completi e redditizi. YouTube, che ha 1 miliardo di utenti unici mensili, è già il più grande servizio di musica che esiste, ma ad oggi il suo guadagno arriva solo dagli annunci in-video. Proporre un'offerta mobile di abbonamento potrebbe essere un punto di svolta per la musica in streaming, e per Google stessa.
 
Anche se Google in via ufficiale non ha ancora annunciato i suoi piani, un portavoce dell'azienda ha di recente dichiarato che "stiamo lavorando su nuovi e migliori modi per far godere alle i contenuti di YouTube su tutti gli schermi, e per dare ai partner maggiori opportunità di raggiungere i loro fan".
 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?