Apple aggiorna le linee guida per la verifica delle app su App Store dopo il caso Fortnite

Apple aggiorna le linee guida per la verifica delle app su App Store dopo il caso Fortnite

Aggiornamenti che arrivano in seguito alle crescenti polemiche - alimentate dall'eliminazione di Fortnite dall'App Store - sulle regole che gli sviluppatori devono rispettare per distribuire app e giochi tramite lo store digitale di Apple.

 

Scritto da , il 13/09/20

 

Seguici su

 
 

Apple ha modificato le regole del suo App Store in seguito alle polemiche che hanno portato la rimozione di Fortnite dal negozio di contenuti digitali di Apple. Ma è stata solo la goccia che ha fatto traboccare il vaso, dal momento che da mesi, se non anni, altri sviluppatori hanno lamentato delle regole troppo sfavorevoli per loro, tra cui possiamo ricordare Netflix e Spotify. In breve, gli sviluppatori non ci stanno al dover per forza dare una commissione a Apple del 30 per cento ad ogni acuqisto effettuato in app dagli utenti nelle loro applicazioni e giochi, regola che ha costretto gli sviluppatori ad alzare i prezzi degli acquisti in-app per poter guadagnare.

"L'App Store è un luogo sicuro e affidabile in cui i clienti possono scoprire e scaricare app ed è una grande opportunità per gli sviluppatori" ha detto Apple. "Queste modifiche e chiarimenti alle linee guida supportano le nuove funzionalità nelle prossime versioni del sistema operativo, proteggono meglio i clienti e aiutano le tue app a completare il processo di revisione nel modo più fluido possibile".

Tra le nuove regole, da notare che Apple non consente ancora la distribuzione tramite il suo App Store di applicazioni come Google Stadia, che consentono lo streaming di giochi da una sola applicazione. Tuttavia, i servizi di giochi in streaming - come sarebbe il caso di Google Stadia - possono offrire "un'app catalogo sull'App Store per aiutare gli utenti a registrarsi al servizio e trovare i giochi sull'App Store". Questo significa che ogni gioco disponibile nel catalogo 'vetrina' deve essere disponibile sull'App Store in maniera autonomia - "tutti i giochi inclusi nell'app catalogo devono collegarsi ad una singola pagina del prodotto App Store" dicono le nuove regole.

Riguardo agli acquisti in-app, da quanto appreso, i servizi multipiattaforma - come Fortnite o Spotify - possono consentire agli utenti di accedere a contenuti, abbonamenti o funzionalità che hanno acquisito nella stessa app su altre piattaforme o sul sito web del servizio, a condizione che tali articoli siano disponibili anche come acquisti in-app all'interno dell'app per iOS. A titolo di esempio, un giocatore di Fortnite potrebbe avere accesso ad un contenuto in-app su Fortnite per iOS acquistato su Fortnite su PC a patto che lo stesso contenuto sia disponibile anche come acquisto in-app su Fortnite per iOS tramite il sistema di acquisto di Apple (quello che prevede la commissione del 30% a Apple); altro esempio: se ci si abbona a Spotify tramite il sito web del servizio, l'abbonamento sarà valido anche in Spotify per iOS a patto che anche qui sia possibile abbonarsi.

A seguire le nuove regole aggiornate (tradotte dall'inglese).

2.5.16: App Clips, widget, estensioni e notifiche devono essere correlati al contenuto e alla funzionalità della tua app. Inoltre, tutte le funzionalità e le funzionalità di App Clips devono essere incluse nel file binario dell'app principale. App Clips non possono contenere pubblicità.

3.1.2 (a): I giochi offerti in un abbonamento ad un servizio di giochi in streaming devono essere scaricati direttamente dall'App Store, devono essere progettati per evitare pagamenti doppi da parte di un abbonato e non devono svantaggiare i clienti non abbonati.

3.1.2 (a): Le app che offrono abbonamenti di musica e video con rinnovo automatico previa approvazione di Apple possono anche essere incluse in pacchetti predefiniti con piani dati cellulari offerti nelle app dell'operatore di telefonia mobile.

3.1.3 (a): le app di lettura possono offrire la creazione di account per piani gratuiti e funzionalità di gestione dell'account per i clienti esistenti.

3.1.3 (d): Esperienze da persona-a-persona: se la tua app consente l'acquisto di esperienze da persona a persona in tempo reale tra due persone (ad esempio tutoraggio di studenti, consulenze mediche, tour immobiliari o allenamento fitness), può utilizzare metodi di acquisto diversi dall'acquisto in-app per riscuotere i pagamenti. Le esperienze in tempo reale uno-a-pochi e uno-a-molti devono utilizzare l'acquisto in-app.

3.1.3 (f): App autonome gratuite: le app gratuite che agiscono come compagne autonome di uno strumento basato sul web a pagamento (ad es. VOIP, Cloud Storage, Servizi di posta elettronica, Web Hosting) non devono usare gli acquisti in-app, a condizione che non siano presenti acquisti all'interno dell'app o inviti all'azione per l'acquisto al di fuori dell'app.

3.1.7: La pubblicità display dovrebbe essere limitata a ciò che è eseguibile nell'app principale e non dovrebbe essere inclusa in estensioni, App Clips, widget, notifiche, tastiere, app per watchOS, ecc.

3.2.2 (vi): le app non dovrebbero richiedere agli utenti di valutare l'app, rivedere l'app, guardare video, scaricare altre app, toccare annunci pubblicitari, abilitare il monitoraggio o intraprendere altre azioni simili per accedere a funzionalità, contenuti, utilizzare il o ricevere compensi monetari o di altro tipo, inclusi ma non limitati a buoni regalo e codici.

3.2.2 (x): le app che offrono prestiti personali devono divulgare in modo chiaro e ben visibile tutti i termini del prestito, inclusi ma non limitati al tasso annuo effettivo globale (TAEG) massimo equivalente e alla data di scadenza del pagamento. Le app non possono addebitare un TAEG massimo superiore al 36%, inclusi costi e commissioni, e potrebbe non richiedere il rimborso completo in 60 giorni o meno.

4.9: Giochi in streaming. I giochi in streaming sono consentiti a condizione che rispettino tutte le linee guida: ad esempio, ogni aggiornamento del gioco deve essere inviato per la revisione, gli sviluppatori devono fornire metadati appropriati per la ricerca, i giochi devono utilizzare l'acquisto in-app per sbloccare funzioni o funzionalità, ecc. Naturalmente, ci sono sempre le app via iternet e browser web per raggiungere tutti gli utenti al di fuori dell'App Store.

4.9.1: Ogni gioco in streaming deve essere inviato all'App Store come singola app in modo che abbia una pagina del prodotto sull'App Store, venga visualizzato nei grafici e nelle ricerche, abbia valutazioni e revisioni degli utenti, possa essere gestito con ScreenTime e altre app di controllo genitori, apparire sul dispositivo dell'utente, ecc.

4.9.2: I servizi di giochi in streaming possono offrire un'app catalogo sull'App Store per aiutare gli utenti a registrarsi al servizio e trovare i giochi sull'App Store, a condizione che l'app rispetti tutte le linee guida, inclusa l'offerta agli utenti della possibilità di pagare un abbonamento con acquisto in-app e utilizzare 'Accedi con Apple'. Tutti i giochi inclusi nell'app catalogo devono collegarsi ad una singola pagina del prodotto App Store.

Invio di correzioni di bug: per le app già presenti sull'App Store, le correzioni di bug non verranno più ritardate per le violazioni delle linee guida, ad eccezione di quelle relative a problemi legali. Se la tua app è stata rifiutata e si qualifica per questo processo, utilizza il Centro risoluzioni per comunicare direttamente con il team di revisione dell'app indicando che desideri trarre vantaggio da questo processo e intendi risolvere il problema nel prossimo invio.

Chiarimenti
2.3.1: non includere funzioni nascoste, dormienti o non documentate nella tua app; la funzionalità della tua app dovrebbe essere chiara agli utenti finali e alla revisione dell'app.

2.3.1: Tutte le nuove caratteristiche, funzionalità e modifiche al prodotto devono essere descritte con specificità nella sezione Note per la revisione di App Store Connect (le descrizioni generiche saranno rifiutate) e accessibili per la revisione.

2.3.7: Scegli un nome di app univoco, assegna parole chiave che descrivono accuratamente la tua app e non cercare di comprimere nessuno dei tuoi metadati con termini registrati, nomi di app popolari, informazioni sui prezzi o altre frasi irrilevanti solo per ingannare il sistema.

3.1.3: Altri metodi di acquisto: le seguenti app possono utilizzare metodi di acquisto diversi dall'acquisto in-app. Le app in questa sezione non possono, né all'interno dell'app né tramite comunicazioni inviate a punti di contatto ottenuti dalla registrazione dell'account all'interno dell'app (come e-mail o testo), incoraggiare gli utenti ad utilizzare un metodo di acquisto diverso dall'acquisto in-app.

3.1.3 (c): Servizi aziendali: se la tua app viene venduta direttamente da te a organizzazioni o gruppi per i loro dipendenti o studenti (ad esempio database professionali e strumenti di gestione della classe), puoi utilizzare metodi di acquisto oltre a quelli in-app per riscuotere tali pagamenti. Le vendite al consumatore, a un singolo utente o alla famiglia devono utilizzare l'acquisto in-app.

3.1.3 (e): l'ex 3.1.5 (a) rinumerato.

3.1.3 (b): Servizi multipiattaforma: le app che operano su più piattaforme possono consentire agli utenti di accedere a contenuti, abbonamenti o funzionalità che hanno acquisito nella tua app su altre piattaforme o sul tuo sito web, inclusi gli articoli di consumo nei giochi multipiattaforma, a condizione che tali articoli siano disponibili anche come acquisti in-app all'interno dell'app.

3.1.5: Rinumerato ex 3.1.5 (b).

4.5.2 (i): MusicKit su iOS consente agli utenti di riprodurre Apple Music e la loro libreria musicale locale in modo nativo dalle app e dai giochi. Quando un utente fornisce l'autorizzazione al proprio account Apple Music, la tua app può creare playlist, aggiungere brani alla sua libreria e riprodurre uno dei milioni di brani nel catalogo Apple Music.

5.1.2 (vi): i dati raccolti da HomeKit API, HealthKit, Clinical Health Records API, MovementDisorder API, ClassKit o da strumenti di mappatura della profondità e/o del viso (ad esempio ARKit, API della fotocamera o API delle foto) non possono essere utilizzati per marketing, pubblicità o data mining basato sull'uso, anche da parte di terzi. Ulteriori informazioni sulle best practice per l'implementazione di CallKit, HealthKit, ClassKit e ARKit.

Le linee guida complete si trovao all'indirizzo developer.apple.com/app-store/review/guidelines/

Leggi anche:

Condividi questa notizia

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria